Squallor

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Squallor, gruppo musicale italiano attivo dal 1971 al 1994.

Citazioni tratte da canzoni[modifica]

Troia[modifica]

Etichetta: CBS, 1973.

  • Elena, Troia, città mia, | Elena, quanto ti ho amato. (da Troia, n. 1)
  • Non mi mordere il dito, | non mi macchiare il vestito, | ma non mi mordere il dito. | La voglia ce l'ho. (da Non mi mordere il dito, n. 2)
  • Il capo indiano che si chiamava "Mo' vengo anch'io", | non venne mai, e non si fece vedere | perché era un timido. (da 38 luglio, n. 6)
  • Là dove finisce il fiume, comincia il film. | La storia tremenda di un elettrotecnico, | che seppe inventare la pila. | Non pochi ci riuscirono, ma fu lui che la inventò. | Quattro giorni dopo, scoprirono la luce elettrica. (da 38 luglio, n. 6)
  • Ti ho conosciuta in un clubs. | Eri bellissima, ma avevi un solo difetto, | non c'eri. (da Ti ho conosciuta in un clubs, n. 11)
  • Otite, sei una donna, o un semaforo? | Sei una donna, o sei Acapulco? | Sei una donna, o sei una pulce? (da Ti ho conosciuta in un clubs, n. 11)

Palle[modifica]

Etichetta: CBS, 1974.

  • – Per te la Vergine è bianca. | – E per me è negra, oh! | – Dammi un angioletto d'oro. | – No. | – Tutti i bimbi hanno un coro. | – E tu no! | – Anche se sono solo negri. (da Angeli negri, n. 4)
  • Il dottor Wolson indossa un abito grigio con scarpe senza calzini, | un pantalone che oserei dire, una mezza chiavica, | e sulla destra c'è la sinistra. (da Marcia longa, n. 6)
  • – C'è qualche... avec la solusion? O la solusion, o la revolusion! | – Faix toi, faix toi, decide toi. | – No, je espere che... uà! Che te regalo un... un veramon? | – No, no quesque tu, le veramon no! | – Allora vuo' 'o bombom?! (da Veramon, n. 9)

Vacca[modifica]

Etichetta: CBS, 1977.

  • Dopo i Beatles, i Pink Floyd e Orietta Berti, nacquero gli Squallor. | Fenomeno di successo, fenomeno di cesso, ma sempre un fenomeno era. | Tutti correvano da loro, loro correvano dagli altri, e s'incontrarono. | Quando non si videro più, dissero: | Ma dove sono andati a finire gli Squallor? | Sono andati in Vacca! (da Introduzione, n. 1)
  • Signore e signori buonasera, ci troviamo dietro le quinte della Convention Hall di Brandedelfia, dove è già iniziato il concerto di uno dei più prestigiosi gruppi del momento, The Cow, in italiano potremmo tradurli con...… Vacca. (da Vacca, n. 2)
  • Volante Abat-Jour: portarsi in via Scabbia, c'è un'infezione. | Macchina 1 e macchina 2: inseguitevi. | Volante 3, volante 4, 5, 8 e 9: state ferme lì dove siete, segue comunicazione errata. | Equipaggio 3, tornate indietro: avete dimenticato l'auto. (da Abat-jour, n. 3)
  • Hoc Macoc, Ripus et Agnum: | poche parole dissero i poeti | prima che lo sterminio si possa compiere. (da Terrestri, n. 11)

Pompa[modifica]

Etichetta: CGD, 1977.

  • Berta, ti amavo, | ma scendi giù che ti spacco il culo, brutta troia! | voglio vederti qui tra le mie braccia pelose, | fai scendere anche la Rosamunda | che voglio andare in due stasera. (da Berta, n. 6)
  • Zambeletti, Berta, scendi, spacco qua, spacco là: ma ch''e spaccà!? | Tieni 'na supposta invece do cazzo. | Tié! (da Berta, n. 6)
  • Dammelo in mano. Benisimo. | Sei un belissimo ragasso. | E ora che stai per andartene ti do il mio indirizzo. | Scrivimi verso le quattro alla mia curia: | Cardinale Alfonso Fava. (da Unisex, n. 7)
  • – Pronto? È casa Robbilatti Borini Cardani Ciorotti Gurlo? (da Famiglia cristiana, n. 8)
  • – Mi mandi, per piacere, i soldi, oppure vengo sotto casa e ti spacco il culo? | – Non è il caso, te li mando immediatamente. (da Famiglia cristiana, n. 8)
  • Che cacacazzo 'stu guaglione Maria, ce ne dobbiamo liberare! (da Famiglia cristiana, n. 8)

Cappelle[modifica]

Etichetta: CGD, 1978.

  • Sì sì sì, siamo noi, siamo i Radio Culi! | E che bella gioia, che bel divertimento far la radio! | Che bellissimo, questo filo che mi viene dietro. | E vogliamocelo fare tutti quanti un po' in mano, oggi? (da Radio Cappelle, n. 2)
  • Concittadina del nord, | situatra tra le alpi e tra le frasche, | Maria Si Loca | distribuiva numeri e malattie a volontà. (da Si loca, n. 5)
  • Incompetenti, Ho pers. stralunati, | Ho perso mio figlio. | folla che mi seguite ormai da vent'anni, da trent'anni, | Ho perso mio figlio, oggi. | è l'ora della gra-grande discordia, | E com'era, com'è la testa?. | è l'ora che noi | Una capa di bomba. | ci prendiamo le nostre azioni. (da Confucio, n. 9)

Tromba[modifica]

Etichetta: CGD, 1980.

  • A Napoli non ci sono le | le scuole di quarta categoria, di terza, | impariamo tutto dalla televisione, | e allora ve lo posso dire co' la televisione. | La sigla non ce l'abbiamo ancora, forse fra due o tre anni ce l'avremo. | Jatevenne! Jatevenne! (da Gennarino Primo, n. 3)
  • Nuntio vobis, minimum gaudium, habemum Papum! | Cardinale Vincenzo Esposito, | che si imposit il nomeum di | Gennarino Primo! (da Gennarino Primo, n. 3)
  • Con la sua Spider Giulietta 1300, scoperta, nastro di Julios Iglesias. | Pensami di Manuela a Pensami, da Manuela a Pensami, Pensami a Manuela. | E faceva tutta la costa, costa costa: mi slaccia il jeans, | e mi tira fuori il capitone! Olè! (da Tromba, n. 4)
  • Uhè, guarda 'stu culo che passa, | uhè, guarda 'stu core che fesso, | sempe 'nammurato, 'nammurato 'e chella llà. | Uhè, guarda ca chiove nun passa, | uhè si 'stu turmiento me lassa[1], | manco 'nu minuto me dà 'cchiù pe' respira'. || Uhè, guarda si vene 'sta cessa, | uhè, chisto a chest'ora addo' sta. | Chiagne[2], ma chi cazzo m'o ffa fa', | chiagne, ma chi cazz' m'o ffa fa'. (da Chi cazzo m'o ffa fa', n. 5)

Mutando[modifica]

Etichetta: CGD, 1981.

  • Benvenuti, come tutti gli anni qui a Pitti Prete. | Con l'avvicinarsi delle Pentecoste, il vostro amatissimo Fravolone, | in tutta umiltà vi presenta | il Pret-a-porter! | che comprende alcuni oggetti che formano la collezione autunno-estate dello scorso anno. (da Pret-a-porter, n. 2)
  • Curnutone ca pe' 'sta via mo te ne vai, | nun chiagnere[3] pe' 'st'ammore | a chella nun ce pensa', | tu ca sì 'nu figlio 'e bucchina[4] senza core, | cio fai 'mmane 'e marenare[5]. (da Curnutone, n. 7)
  • Yes, ma je chiav' 'o stess', | e mica so' fess', oh yes! (da Curnutone, n. 7)
  • Quattro giorni dopo, cagando nel cesso, | Boninsegna lo strappò violentemente dal culo, | e si prese un'aranciata gasata amara, e se la bevve in un attimo tutta. | Così perdemmo la finale, per tre a uno, ad opera di quei bocchinari dei brasiliani. Olè! (da Torna a casa Mexico, n. 9)

Scoraggiando[modifica]

Etichetta: CGD, 1982.

  • Sono in quest'isola da oltre seimila anni, | e mi tortura solo un'idea, | chi mi ha costruito la barca. | Sono Noè. | Ho visto passare tante di quelle barche in piedi, | solo la mia si è affondata. (da Noè, n. 3)
  • Giuro davanti a Taddeus | di esserti fidelis per due diesis | usque ad vulvam tempora rugae. (da Il tempo delle rughe, n. 4)
  • 'A verità è che 'sta vita è fatta overamente strana, | ca tu si bella e je so' 'nu figlio 'e puttana, | però comunque je mo' t' 'o dongo l'indirizzo, | telefona a 'stu cazzo. (da Telefona, n. 5)
  • – Figliolo, quante volte hai peccato da solo nella solitudine della tua stanza? | – Padre, io non ho la stanza, ho solo la solitudine. (da La novia, n. 8)
  • Adesso, io ti dò per penitenza... | – Sia cauto, padre. | – ...tre Ave Maria, e fa... | – Eh, esagerato!... | – ...no, e falle prima della comunione! | – E dopo che faccio, piglio un'Alka Selzer? (da La novia, n. 8)

Arrapaho[modifica]

Etichetta: Dischi Ricordi, 1983.

  • Ma, interessiamoci delle pratiche amorose. | Le donne, strappando la capocchia del cactus, | se la mettono vicino alla gamba, | anzi, vicino all'alluce, | che è vicino al cellulo, | che è un piede nuovo di nuova fabbricazione Oxford. | Dopo un periodo di tirocinio, durato due tre giorni, | quando la spina del cactus va in cancrena, | l'uomo gli comincia a venire duro. (da Arrapaho, n. 2)
  • Sono Don Bairo, degli Scappellati di Viareggio, | ho 'nfrontato un viaggio pieno di...… di felidi, | da qui al Mar del Caspio, eccheccaspio!… (da Piacere pesce, n. 6)
  • 'O tiempo se ne va, | e tu nun vuo' chiava', | ma quanno 'e chist'ammore sulo 'o turzo restarrà, | allora scoprirai la differenza che ce sta | tra un morso e 'nu... bucchino. (da 'O tiempo se ne va, n. 7)
  • 'O cazzo è comme 'o rré, | e io ca so' guaglione, | t' 'o dongo 'stu bastone sott' 'a luna, | puttana comm'a ttè. (da 'O tiempo se ne va, n. 7)

Uccelli d'Italia[modifica]

Etichetta: Dischi Ricordi, 1984.

  • – Signora, scusi, cambierebbe un fustino in cambio di due? | – No! | – E vafammocca a chi t'è stramuorto! (da Fragolone, n. 2)
  • Ma prima dell'assoluzione, a voi senza recchia, | che avete fatto molti peccati in settimana, vi dò l'assoluzione. | Ma prima due penitenze, piccole ma severe: | Prendetelo in culo tre volte al giorno senza formaggio. (da Fragolone, n. 2)
  • E si confusero per vie strane, | questi due individui, | che non si conoscevano per niente, | ma ad un tratto ci rifù l'inizio. (da A chi lo dò stasera, n. 4)
  • Nun me piace 'a ricotta, ma faccio 'o ricuttaro[6], | tu t'e pigliato 'o core, je me piglio 'e denare. | Tu t'allisci 'e biscotti 'e tutta 'a Sanità[7], | ma a me che me ne fotte, si e sorde 'e ppuorte ccà. | Nun me piace 'a ricotta, ma faccio 'o ricuttaro, | per somme di danaro non inferiori a tre. | Tu t'allisci 'e biscotti 'e tutta 'a Sanità, | ma a me che me ne fotte, si 'e sorde 'e ppuorte ccà. (da 'O ricuttaro 'nnammurato, n. 6)
  • E vaffanculo cu chi vuo' tu, | 'nata vota my heart is blue, | si 'stu core rimane sulo, tu vafanculo cu chi vuo' tu. | 'Nata vota t'aggia vasa'[8], | 'nata vota t'aggia chiava'. (da Vafanculo con chi vuo' tu, n. 11)

Tocca l'albicocca[modifica]

Etichetta: Dischi Ricordi, 1985.

  • Caro Michael Jackson, tu che mandi i soldi in Africa, | perché la speranza torni a vivere, | ricordati di noi, che stiamo a Napoli, | e un disco faccelo, anche per noi. || E poi, mandaci i danari, | tanti danari, e siamo pari. | E se tu vuoi, mandali anche a Bari | e a tutti i meridionali, for Italy. (da USA for Italy, n. 2)
  • La mamma? | – La mamma sai che piange.… | – Piange ancora? | – Sì. | – Eh madonna…, sembra la Madonna di Lourdes, piange sempre, e fate un acquario con queste lacrime…! | – E i pesci dove li pigliamo, i pesci?… Eh, scusa…! (da Pierpaolo in URSS, n. 9)
  • – Soldi non ne hai bisogno? | – No, soldi non me ne servono più…. | – Oh! finalmente una volta…. | – Finalmente qua c'è il proletariato! | – Ah! | – Oddio, se mi mandi qualche dollaro, qua serve. | – 'Alle! eh, e vedi…. | – Cinque milioni. (da Pierpaolo in URSS, n. 9)
  • Jammucenne[9], jammucenne. | Jammucenne ca 'o palazzo sta tremmanno. | Jammucenne, jammucenne. | Ma addo' jammo, chillo 'o nonno sta cacanno. | Addo' vai, addo' jammo, chillo è già muorto da 'n anno. (da Jammucenne, n. 10)

Manzo[modifica]

Etichetta: Dischi Ricordi, 1986.

  • – Ciao, papi! | – Caro Pierpaolo, caro Pierpaolo! | – Te lo dico come un guru, no, vattene a fare in curu! | – Cosa? | – Io sono diventato un guru, e sono in Messico con la mia setta. | – No l'otto? | – Setta e sett'e mezzo. (da Pierpandi il guru, n. 3)
  • – Un palpito d'amore che sfugge sul più bello, | verso il tuo nido non s'invola più l'augello. | Non disperare, così mi dice il cuore, ritorna tosto, bel guerriero dell'amore. | – Ritorna tosto come un obelisco, t'aspetto ed obbedisco. (da La tranviata, n. 5)
  • Si 'nu juorne faccio furtuna | dinto 'o vicolo aggia turna', | cu stu cazzo pe' lampadina | dint' 'o scuro pe' 'nata vota | l'aggia chiava', | a chella llà, a chella llà. (da 'O camionista, n. 9)

Cielo duro[modifica]

Etichetta: Dischi Ricordi, 1988.

  • Quando inforco la Suzuki, | te lo infilo in tutti i buchi. | Quando piglio la Balilla, | questo cazzo mi scintilla. | Ma quando canta Baglioni | che rottura di coglioni. | Quando canta Lucio Dalla, | mi si ammoscia mezza palla. | Ma se canta il grande Vasco, | prima muoio e poi rinasco. (da Attrazione anale, n. 1)
  • Inventarono la pena di morte per chi non aveva pagato l'Iva, | fui fucilato la mattina del 3 ottobre del 93, | sono morto, vi parlo da lì. | Però è occupato: tu tu tu tu. (da Carceri d'oro, n. 2)
  • Del 68 siamo stati gli eroi, | ed era tutto più grande, più grande di noi. | Quanti bulloni in testa mi beccai | perché, per chi non so e non lo saprò mai. (da Mi ha rovinato il 68, n. 6)
  • E ora mio figlio mi fa il culo perché | a scuola gli altri hanno tutti le Timberland, | ed io ripenso, con tenerezza ormai, | al sacco a pelo dove la chiavai. | Il 68 lo passammo in trincea | gridando forte giù le mani dal Vietnam. | Era la storia che apriva strade nuove | e finalmente fu il 69. (da Mi ha rovinato il 68, n. 6)
  • A Marechiaro è nata 'sta passione, | manella dint'o cazone, cuppulone[10] cuppulo'. | Je nun tenevo manco 'e sorde pe' magna', | e lei diceva, si tu nun me vuo' spusa' | ca nun se chiava. (da 'Na sera 'e maggio, 'naddore 'e rose, n. 10)

Cambiamento[modifica]

Etichetta: Fado-Ricordi, 1994.

  • La sera ti addormenti, con le tue cassette, | ne hai già comprate venti, non ci hai capito niente. | E piangi nella notte, ma dei tuoi turbamenti | a noi che ce ne fotte... eh... eh... | Albachiava, e tu non sai cos'è, | c'è una fava che aspetta solo te. (da Albachiava, n. 3)
  • Ti amo, Dante. | Alighiero, e scrivila un'altra "Divina Commedia due La vendetta", | che vendiamo delle copie, altro che De Crescenzo, bocca. (da Ma questa è un'altra storia, n. 5)
  • – Berta, cazzo, ti ricordi di me? Sono Umberto. | Dieci anni fa avevo la seicento, con le cassette di Little Tony. | Scendi giù, che me la dài, cazzo. | C'ho un toro nelle mutande che t'aspetta ancora. | Guarda la seicento cos'è diventata, un'auto blu, con l'autista. Son della Lega. | – Senti, Umberto, m'hai rotto il cazzo, che gridi con questa voce strana, | a me che tu sei diventato senatore me pass' manco p'o cazzo! (da Berta 2 il cambiamento, n. 7)
  • Ciaooo. Spegni guesta base, Totò. | Totoò?... spegni, spegni. | Spegni base, ho baura io, questa gente in Italia, troppi bianchi, mamma d'o Carmine…. | Cos'è guesto? | Io, sono un bovero negro, una grazia ti prego, | dillo alla pecora bianca, fa' spari' 'sta mutanda! | Fine. Chiuso. (da Berta 2 il cambiamento, n. 7)

Citazioni sugli Squallor[modifica]

  • C'erano pochissime stazioni radio che trasmettevano [i loro brani], eppure ebbero un successo stravolgente. (Gianni Boncompagni)
  • Ciò che era un cazzotto nello stomaco trent'anni fa', a tutt'oggi è un cazzotto nello stomaco. (Rocco Tanica)
  • Contro la chiesa, contro i cantautori-star, contro le donne e contro gli uomini che si innamorano. Contro il perbenismo, la censura e il moralismo standard, arrivano canzoni intitolate "38 luglio", "'O camionista", "Berta", "Gennarino Primo", "Chi cazz' m' 'o fa fa'", "Non mi mordere il dito", "Troia", "Ti ho conosciuto in un clubs" e, ovviamente, "Cornutone". (Ricordate gli Squallor?, Avanti!, 1 ottobre 2012)
  • Contro tutti e tutto loro hanno rotto un sistema. (Piero Chiambretti)
  • Dadaisti. (Achille Bonito Oliva)
  • È l'anno del colera, il 1973. Patty Pravo canta "Pazza idea", Bernardo Bertolucci ha appena rivoluzionato l'immaginario dell'eros con "Ultimo tango a Parigi". In un'Italia segnata dalle bombe stragiste e da velleità libertarie dell'extra sinistra (che saranno stroncate dagli anni piombo), irrompono gli Squallor. La band non-sense che declina il rock con il linguaggio triviale, per giunta in napoletano. (Ilaria Urbani, Gli Squallor, la Repubblica, 26 settembre 2012)
  • È l'anti-storia della musica leggera di casa nostra o, se preferite, la storia degli Squallor, primo gruppo rock demenziale d'Italia e in tutta probabilità prima ghost band del mondo. (Francesco Prisco, Chiedi chi erano gli Squallor. In un documentario rivivono i padri del rock demenziale, il Sole 24 ORE, 26 settembre 2012)
  • È stato invece creato questo gruppo contro la censura, insomma. (Jacqueline Schweitzer)
  • Erano gli anni 70 e i primi anni 80, il corpo sociale amava sollazzarsi con le commedie pecorecce e sexy al cinema e farsi dare l'assoluzione dai peccati dal primo parroco sotto mano. Perciò, imprigionati dalle «regole», scandalizzarsi era ancora un piacere, lo scandalo era invocato sottovoce da tanti chierichetti come diritto naturale. (Alessandro Chetta, Tutto quello che avreste voluto sapere sugli Squallor e nessuno vi ha mai detto, Corriere del Mezzogiorno, 26 settembre 2012)
  • Esponenti più vistosi e commercialmente fortunati [della musica demenziale italiana] furono gli Squallor, Daniele Pace, Totò Savio, Alfredo Cerruti, Giancarlo Bigazzi, che nella vita facevano mestieri normali come i discografici o i musicisti o i parolieri e una volta all'anno si chiudevano in una sala d'incisione in compagnia di alcolici e donnine allegre per svuotare, a microfoni aperti, la sentina della loro creatività più oscena e volgare, dando vita ad album dai titoli allusivi come Tromba, Cappelle, Arrapaho. (Mario Luzzatto Fegiz)
  • Fuori dal mondo, completamente dissociati. (Massimo Ranieri)
  • Gli Squallor si registrava di notte, e venivano tanti amici, e in più veniva Renato Zero, i Pooh, venivano tutti a sentire gli Squallor, era un divertimento pazzesco, e Totò era, ovviamente come unico musicista del gruppo, l'autore di tutte le musiche, gli arrangamenti. (Jacqueline Schweitzer)
  • L'obiettivo di Totò Savio, Alfredo Cerruti (cantante e autore tv), Daniele Pace (paroliere scomparso nell'85) e Giancarlo Bigazzi (musicista) era dissacrare il successo, smascherare, seppur con maniere piuttosto esplicite, il perbenismo della discografia e del sistema televisivo. (Gianni Valentino, La tribù degli Squallor rende omaggio a Savio, la Repubblica, 31 dicembre 2004)
  • La superband è un esempio unico di teatro, musical, cabaret, forma-canzone, satira, che trova il suo climax nell'assenza. Gli Squallor non si sono mai esibiti in pubblico, rifiutando milioni e milioni di lire, semplicemente perché sono come la nostra coscienza. E la coscienza mica si mostra. C'è e basta. (Ilaria Urbani, Gli Squallor, la Repubblica, 26 settembre 2012)
  • La volgarità era una forma di libertà, per questo mi piaceva anche la volgarità degli Squallor. (Nino Frassica)
  • Loro, fregandosene sonoramente di quello che i benpensanti potevano pensare, fecero un video contro la beneficenza, o presa in giro della medesima.[11] (Piero Chiambretti)
  • Produttori, musicisti, autori di testi, personaggi che hanno creato cult discografici, televisivi e radiofonici, decidono di vivere di notte alla ricerca del comico, della maniera perfetta per "sbeffeggiare il sistema", commenterà lo stesso Bigazzi. (Ricordate gli Squallor?, Avanti!, 1 ottobre 2012)
  • Se n'è andato questa notte, all'ospedale Versilia di Viareggio, dove era ricoverato da qualche giorno, il grande Giancarlo Bigazzi, celebre autore di testi e musica, ma anche produttore discografico di successo. Era nato a Firenze, il 5 settembre del 1940. Nella sua lunga e prestigiosa carriera ha firmato alcuni dei più grandi successi della musica leggera italiana, come "Rose rosse", "Lisa dagli occhi blu", "Ti amo", "Gloria", "Si può dare di più", "Gente di mare", "Self control", "Gli uomini non cambiano", "T'innamorerai" e "Bella stronza".
    Ma non solo. Bigazzi, nel 1971, insieme al paroliere Daniele Pace, al musicista Totò Savio e ai discografici Alfredo Cerruti ed Elio Gariboldi, fondò il gruppo degli Squallor, nati "per caso" come un progetto goliardico tra amici. (È morto il paroliere Giancarlo Bigazzi, uno dei fondatori degli Squallor, toscananews24.it, 19 gennaio 2012)
  • Siccome noi frequentavamo i cantanti, che sono i peggiori scassacazzi mondiali, quando facevamo gli Squallor ci sfogavamo contro i cantanti, quelli seri. (Alfredo Cerruti)
  • Sono rimasti nella memoria della gente perché sono stati un fenomeno veramente originale. (Renzo Arbore)
  • Tutto nasce da questi quattro, che a Milano facevano gli scherzi telefonici, queste cose, e poi ridere, ridere in continuazione tutto il giorno. (Giancarlo Bigazzi)

Note[modifica]

  1. Lascia.
  2. Piango.
  3. Piangere.
  4. Espressione volgare: "figlio di...".
  5. Masturbi i marinai.
  6. Ruffiano, pappone.
  7. Quartiere di Napoli.
  8. Baciare.
  9. Andiamocene.
  10. Masturbazione maschile.
  11. Il video del brano USA for Italy.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]