Ultime parole dai fumetti

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Raccolta delle ultime parole pronunciate in punto di morte da personaggi immaginari, tratte dai fumetti.

Ultime parole dai fumetti[modifica]

  • Natt: Che diceva Sean?
    Tommy: Uh?
    Natt: In quel sogno. Che diceva Sean?
    Tommy: Ah sì. Diceva...
    Sean [nel sogno]: Oggi offre la casa, ragazzi. Non c'è orario di chiusura.
    Tommy: Ma dovete lasciare le pistole alla cassa.
    Natt: Cazzuto.
Protagonisti del fumetto Hitman della DC Comics. Sono le ultime parole che si scambiano sdraiati a terra crivellati di pallottole, colpiti a morte dalla C.I.A. guidata da Mr. Truman.
  • Ci sarà sempre un Joker. Perché non esiste una cura. Nessuna cura... Solo un Batman. (Jonny Frost)
Personaggio della graphic novel Joker. Joker e il suo braccio destro Jonny Frost, narratore della storia, provano a fuggire da batman, andando sul ponte di Gotham. Lì Joker prende in ostaggio Jonny, chiamando a gran voce il vigilante. Quando batman compare, i due iniziano a lottare, e nella rabbia Joker spara al mento di Jonny: ormai morente, il giovane decide di suicidarsi gettandosi dal ponte.
  • Ci...Vediamo...All'inferno... (Joker)
Personaggio de Il ritorno del Cavaliere Oscuro. Dopo aver fatto una strage ad un Luna Park, Joker viene inseguito dall'anziano Batman nel tunnel dell'amore, dove continua ad uccidere chi incontra. Il Cavaliere Oscuro però riesce a raggiungerlo e a stenderlo: il criminale allora lo sfida ad ucciderlo, infrangendo definitivamente il suo limite. Batman però si rifiuta: deluso, Joker si suicida spezzandosi il collo, in modo che la colpa della sua morte venga data a Batman.
  • Chris Genovese: Hit-Girl?
    Hit-Girl: Cosa?
    Chris Genovese: Mi perdoni per le cose brutte che ho fatto?
    Hit-Girl: Non dire stronzate.
Personaggi del fumetto Kick-Ass 3 della Icon Comics. Chris è un criminale che alla fine salva l'eroina Hit-Girl, finendo colpito da una pallottola. In punto di morte le chiede perdono per le sue cattive azioni. Lei si rifiuta e se ne va (non morirà).
  • No! Diglielo, Harvey! Diglielo che io ti amo e che anche tu mi- (Janice Porter)
Personaggio di Batman: Vittoria oscura. Il procuratore distrettuale Janice Porter, amante di Due Facce, aiuta quest'ultimo ad evadere. Tuttavia, quando i due criminali Joker e Spaventapasseri, alleati dell'amante, provano ad attaccarla, Janice chiede aiuto a Due Facce, che tuttavia le spara a sangue freddo, ricordandole che è un uomo sposato.
  • Quel droide è la mia unica possibilità di diventare pienamente reale! La attendo da quando ho iniziato a esistere! Da che sono entrato in funzione, non ho fatto altro che aspettare. Ho aspettato di diventare operativo nell'improbabile caso che Uno si guastasse! Ho atteso di esservi utile! Ma sono sempre stato Due, la seconda scelta! Ora, non m'impedirete di... di... Oggi padron Ducklair mi ha insegnato una filastrocca. Volete sentirla? (Due)
Antagonista del fumetto PKNA - Paperinik New Adventures. Due dice le sue ultime parole prima di essere annientato da Uno e l'anziano Everett Ducklair.
  • Razza di sporchi sbirri! Non prenderete mai Bob Dalton! Mai! MAI! (Bob Dalton)
Avversario di Lucky Luke, Bob Dalton, assieme ai suoi fratelli maggiori Grat, Bill ed Emmett, come nella realtà, assaltano le due banche di Coffeyville. Là, Luke, che gli dava la caccia da anni, li fa accerchiare. Grat e Bill vengono bloccati dal tetto della banca ed Emmett incassa 23 pallottole sopravvivendo. Bob tenta la fuga ma la sua bandana-fazzoletto si impiglia ad una lanterna. Infuriato, il piccolo Dalton spara ovunque. Nella versione originale, Luke lo trapassa con la sua sette colpi, ma nella versione censurata, ad essere colpito è il gancio della lanterna che fa cadere Bob in un barile fino alla condanna a morte dei Fratelli Dalton. Solo Emmett resta in vita scontando la pena in prigione.
  • Ti direi che sei in arresto... se lo fossi. Eh Eh! (Detective corrotto)
Personaggio della graphic novel Joker. Dopo aver comprato da Edward Nigma una valigetta contenente dati compromettenti su Harvey Dent, Joker e i suoi uomini vengono attaccati da uno squadra di poliziotti corrotti inviata da Due Facce. Joker prova a fuggire, ma viene presto raggiunto da uno dei Detective, lo stesso che aveva minacciato Jonny Frost, che si prepara ad ucciderlo: in quel momento però il poliziotto viene centrato da un colpo di pistola alla testa, sparato da Jonny, sopraggiunto in quel momento.