Venticinquenne

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Citazioni sui venticinquenni.

  • C'è un tempo per ogni cosa, a 22 anni vuoi l'uomo bello, divertente, grintoso; a 25 quello che ama i libri e parla di politica; a 30 scegli il padre dei tuoi figli. A 50 accetti di non essere sempre the winner, il vincitore, a questa età conosci i tuoi difetti e le tue debolezze; ti accetti e accetti anche l'altro: sei un po' geisha, un po' amazzone. (Inès de la Fressange)
  • Io sono la conseguenza di una generazione malata | che vive in perenne dipendenza | che a venticinque anni è ancora al punto di partenza. (Two Fingerz)
  • La donna a 15 anni scherza, a 20 brilla, a 25 ama, a 30 brama, a 35 sente, a 40 vuole e a 50 paga. (proverbio italiano)
  • La donna di 24 anni è la più "vendibile". Anche quella di 25 anni si vende bene. Ma dopo i 26 anni può trovare qualcuno che la prende solo a prezzo molto scontato. Ecco, questa è la "sindrome della torta di Natale". È assolutamente discriminatoria nei confronti delle donne. (Keiko Ichiguchi)
  • Questo è uno dei vantaggi delle donne: dopo i venticinque anni sorvolano sui loro compleanni come su cose sconvenienti. Gli uomini invece sono così persuasi dell'intelligenza dimostrata venendo al mondo, che il loro compleanno li interessa sempre; e sono così sciocchi da pensare che interessi anche agli altri. (William Somerset Maugham)
  • Venticinque anni... Da quando sono nato, ne sono successe di cose nel mondo... Non che io abbia contribuito a qualcuna, badate... (Garfield)
  • Venticinque anni e la mia vita è ancora ferma a questo punto, | mentre cerca di ergersi su quel grande monte di speranze | diretta verso una destinazione. (4 Non Blondes)

Altri progetti[modifica]