Confessione

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
La confessione (G. Molteni, 1838)

Citazioni sulla confessione.

  • Beati i veri cristiani! Si buttano a' piedi di un confessore, si accusano, si mortificano, e si rialzano di lì, e si spazzolano i calzoni insudiciati con una consolazione grandissima: perché, o vennero assoluti, o fu loro imposta una penitenza, che frutterà l'assoluzione. (Vittorio Imbriani)
  • Ci sono cose da confessare che arricchiscono il mondo e cose che non devono essere dette. (Joni Mitchell)
  • Confessione (s.f.). Sacramento per cui il sacerdote si dispone a perdonare i peccati grossi in cambio del piacere di sentirsi raccontare quelli piccoli. (Ambrose Bierce)
  • Dietro a colui che si confessa come può, c'è sempre il prototipo della Chiesa, nella sua trasparenza totale dinanzi a Dio. (Hans Urs von Balthasar)
  • È la confessione e non il sacerdote che ci dà l'assoluzione. (Oscar Wilde)
  • Eccellente frutto della mia confessione. Respiro Dio, come si respira l'aria del ciclo attraverso una porta aperta. (Léon Bloy)
  • Il confessore ha il compito di aprire le coscienze e di renderle partecipi delle necessità del prossimo, cercando di fare capire che chi dà non si impoverisce, ma si arricchisce. (Fortunato Baldelli)
  • Il peccatore si nasconde [...], colui che è pentito ritornando a Dio scopre se stesso: nella confessione. (Hans Urs von Balthasar)
  • Il riconoscimento dei propri peccati è autentico soltanto quando l'uomo ne soffre. (Anselm Grün)
  • La confessione! quell'arma terribile del pretismo, elemento primo delle sue seduzioni, veicolo per cui esso giunge al conoscimento d'ogni cosa, spionaggio infernale ch'egli esercita massime sul sesso debole per il quale egli può signoreggiare ancora, benché disprezzato e maledetto, la maggior parte del sesso più forte! (Giuseppe Garibaldi)
  • La confessione è sempre debolezza. L'anima solenne mantiene i propri segreti, e riceve la punizione in silenzio. (Dorothea Lynde Dix)
  • La nostra pratica religiosa è sempre accompagnata dalla confessione: vieni perdonato dal prete, poi ricadi nello stesso peccato e torni a confessarti facendo il proposito di non ricaderci più. E stai di nuovo come un santo. L'importante è essere sinceri e non barare con il Padreterno. (Alberto Sordi)
  • Nulla si avvicina nemmeno lontanamente al morbo con cui Satana può infettarti. La cura? La confessione. Apri la cassetta dei medicinali, prendi il farmaco e scaccia via il Diavolo. (The Knick)
  • Un confessore si recò da un moribondo e gli disse: «Vengo a esortarvi a morire in pace». L'altro rispose: «E io vi esorto a lasciarmi morire in pace». (Nicolas Chamfort)
  • Una confessione deve far parte della tua nuova vita. (Ludwig Wittgenstein)

Adrienne von Speyr[modifica]

  • È lo stato d'animo che si ha dove il pentimento e l'amore si incontrano: quello della confessione.
  • Finché l'uomo non si confessa si sente libero di dire e di tacere ciò che vuole. Quello che odia nel sacramento della confessione non è l'umiliazione di manifestarsi, di riconoscere che è un peccatore – in qualche modo lo sa già – ma il doversi arrendere con una confessione totale: gli è tolta la libertà di scelta, e gli rimane solo quella di rivelare tutto o niente.
  • La confessione rende il peccatore un santo, un portatore della grazia santificatrice di Dio. Ma quale confessore scorge veramente nel penitente dopo l'assoluzione la santità? In fondo quasi nessuno crede più al miracolo della confessione. Con il concetto "perfetto pentimento" tutto è subito messo a posto. Il penitente si rassegna; lo so: cadrò di nuovo. Se si sperimentasse anche una sola volta la gioia del dono della santità, proprio tale gioia sarebbe il presupposto per il tentativo di non cadere più. In ogni assoluzione il Signore aspetta che il membro della Chiesa conservi e approfitti della sua santificazione. Lo spera. I confessori dovrebbero trasfondere ai penitenti molto di più la speranza del Signore.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]