Genitore

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Genitori)
Due genitori con un figlio, raffigurati in una statua a Bratislava

Citazioni sui genitori.

  • Al giorno d'oggi si dà la colpa ai genitori in tutto. Ma anche loro hanno avuto genitori. (Splendore nell'erba)
  • Ci sono un sacco di persone in questo mondo che non avrebbero dovuto diventare genitori. Il signor e la signora Hitler, per esempio. Anche i Bin Laden avrebbero fatto meglio a guardare la TV quella sera. (Una mamma per amica)
  • Chi non è in grado o non è messo in grado dai genitori di sviluppare una manualità qualsiasi sin dalla più tenera età, è inevitabilmente destinato a farsi seghe per tutta la vita. (Aldo Busi)
  • Cosa significa davvero diventare genitori? Lo si diventa biologicamente o quando si riconosce con un gesto simbolico il proprio figlio assumendosi nei suoi confronti una responsabilità illimitata? Le due cose non si escludono ovviamente, ma senza quel gesto la generazione biologica non è un evento sufficiente a fondare la genitorialità. [...] Generare un figlio non significa già essere madri o padri. Ci vuole sempre un supplemento ultra- biologico, estraneo alla natura, un atto simbolico, una decisione, un'assunzione etica di responsabilità. Un padre e una madre biologica possono generare figli disinteressandosi completamente del loro destino. Meritano davvero di essere definiti padri e madri? E quanti genitori adottivi hanno invece realizzato pienamente il senso dell'essere padre e dell'essere madre pur non avendo alcuna relazione biologico-naturale coi loro figli? (Massimo Recalcati)
  • Credo che un genitore debba cercare di proporre al figlio la parte migliore di sé: non solo, ma debba cercare di viverla, perché non si può offrire soltanto un modello, ma anche un esempio. (Piero Angela)
  • Datemi genitori migliori e vi darò un mondo migliore. (Aldous Huxley)
  • Essere genitori è durissimo, ogni giorno hai un'occasione per fare qualcosa di sbagliato. Ma non si tratta di essere cattivi. Sono errori che nascono dall'amore. (Jennifer Garner)
  • I genitori, avendo il dovere e il diritto primario e irrinunciabile di educare i figli, debbono godere di una reale libertà nella scelta della scuola. Perciò i pubblici poteri, a cui incombe la tutela e la difesa della libertà dei cittadini, nel rispetto della giustizia distributiva, debbono preoccuparsi che le sovvenzioni pubbliche siano erogate in maniera che i genitori possano scegliere le scuole per i propri figli in piena libertà, secondo la loro coscienza. (Papa Paolo VI)
  • I genitori, poiché han trasmesso la vita ai figli, hanno l'obbligo di educare la prole: vanno pertanto considerati come i primi e i principali educatori di casa. Questa loro funzione educativa è tanto importante che, se manca, può difficilmente essere supplita. (Papa Paolo VI)
  • Il destino del genitore è quello: dire le cose e poi aspettare e soffrire finché lui farà quello che ritiene giusto. Tu ci devi essere quando lui ha bisogno, ci devi essere e basta. La vita è sua e deve viverla come vuole. (Vasco Rossi)
  • [Pitagora] incitava a prendere in seria considerazione gli anziani [...] per indurre [i suoi uditori] a stimare i propri genitori più che se stessi; egli diceva loro che dovevano avere verso i propri genitori la stessa gratitudine che dovrebbe avere chi sta per morire ad uno che potrebbe riportarlo in vita. E poi diceva che è giusto, più di tutti, amare e mai recare dolore a coloro che per primi e al più alto livello ci hanno fatto del bene: solo i genitori [infatti] ci sono benefici prima che nasciamo, e di tutto ciò che di buono riescono a fare i discendenti sono causa i progenitori: non commettiamo alcun peccato verso gli dèi se dimostriamo che i progenitori sono, più di ogni altro, i nostri benefattori. (Giamblico)
  • Le dirò francamente che non approvo i genitori che influenzano i figli nelle decisioni determinanti per la loro vita futura: sono problemi che ognuno deve risolvere da solo. Tuttavia se vuole prendere una decisione alla quale i suoi si oppongono, deve porsi questa domanda: sono, in fondo, abbastanza indipendente per agire contro la volontà dei miei genitori senza perdere il mio equilibrio interiore? (Albert Einstein)
  • Niente ispira più vergogna che essere un genitore. I bambini ci mettono di fronte ai nostri paradossi e alle nostre ipocrisie, e siamo nudi. Dobbiamo trovare una risposta a ogni perché – Perché facciamo così? Perché non facciamo cosà? – e spesso non ne abbiamo una buona. Allora diciamo soltanto: perché sì. O raccontiamo una storia che sappiamo non essere vera. E che la tua faccia avvampi o meno, ti vergogni. La vergogna di essere genitore – una vergogna buona – è che vogliamo che i nostri figli siano più integri di come siamo noi, che abbiano risposte soddisfacenti. (Jonathan Safran Foer)
  • Onora tuo padre e tua madre, perché si prolunghino i tuoi giorni nel paese che ti dà il Signore, tuo Dio. (Libro dell'Esodo)
  • Quando i ragazzi si mettono in gravi pasticci, generalmente la colpa è dei genitori, non dei figli. Se, quando succede qualcosa di spiacevole, si va a fondo nella questione, si scopre generalmente che c'è qualcosa che non va nella famiglia. In troppi casi sono i genitori ad aver problemi e bisogno di aiuto. (Walt Disney)
  • Quando sono diventato padre, ho capito che i genitori hanno due compiti fondamentali. Il primo è quello di difendere il proprio figlio dalla malvagità del mondo. Il secondo è quello di aiutarlo a riconoscerla. (La mafia uccide solo d'estate)
  • Se ci sono molti matrimoni che saltano e finiscono in divorzi, è perché le persone non hanno appreso, quando erano piccoli, ad adattarsi ai loro genitori, né i genitori ai bambini. Diventare genitore è una questione di adattamento; c'è chi non vuole impratichirsi. (Bruno Bettelheim)
  • Sembra che ogni nuova generazione di giovani sia sempre più suscettibile e sempre più pusillanime e ogni nuova generazione di genitori sempre più disposta a proteggerla e a incoraggiare questa pusillanimità, in un crescendo senza fine. (Javier Marías)
  • Si dice che i genitori rimangono giovani nei figli, ed è questo uno dei pù preziosi vantaggi psicologici ch'essi ricavano da loro. (Sigmund Freud)
  • Ti proiettano addosso i loro difetti, quello che non gli piace di se stessi, della loro vita, di tutto e poi se la prendono con te. (Collateral)
  • Tutti i genitori vogliono che il loro figlio sia normale. Dicono che vogliono che ti distingua, ma imparare a mescolarsi agli altri è uno strumento di sopravvivenza molto più utile. (Kick-Ass 2)

Proverbi italiani[modifica]

  • Ama i genitori se sono buoni; soffri e taci se sono cattivi.
  • Chi disprezza i genitori, non ha timor di Dio.
  • Chi non vuol ubbidire ai genitori, ubbidirà al carceriere.
  • Dar retta ai genitori è lode ai figli.
  • Dio, genitori e maestri non si possono mai ricompensare.
  • I figli che ereditano gli averi e non le virtù dei genitori, sono mezzi eredi.
  • I genitori che troppo accarezzano i figli, non li educano alla virtù.
  • I genitori che vogliono avere figli virtuosi devono dar loro esempio.
  • I genitori negligenti non allevano buoni figlioli.
  • I genitori non campano sempre.
  • I genitori sono i canali che portano ogni bene ai figli, ma la fontana è Dio.
  • I genitori, finché vivono, non devono lasciarsi toglier di mano le redini.
  • I migliori genitori hanno spesso pessimi figlioli.
  • La condotta dei genitori è la guida dei figli.
  • Quando si puniscono i genitori, non bisogna strappar il pan di bocca ai figlioli.
  • Quel che filano i genitori, tessono poi i figlioli.
  • Quel che risparmiano i genitori avari, scialacquano i figli prodighi.
  • Val più una madre e un padre, che cento balie e cento tutori.

Bibliografia[modifica]

  • Annarosa Selene, Dizionario dei proverbi, Pan libri, 2004. ISBN 8872171903

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]