Libro di Naum

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Antico Testamento
Torah o Pentateuco:

Profeti anteriori:

Profeti posteriori - maggiori:

Profeti posteriori - minori:

Ketuvim:

Meghillot:
Deuterocanonici:

Libro di Naum, testo contenuto nella Bibbia ebraica e cristiana, attribuito a profeta Naum.

Incipit[modifica]

Naum

Oracolo su Ninive. Libro della visione di Naum da Elcos.

Un Dio geloso e vendicatore è il Signore,
vendicatore è il Signore, pieno di sdegno.
Il Signore si vendica degli avversari
e serba rancore verso i nemici.
Il Signore è lento all'ira, ma grande in potenza
e nulla lascia impunito.
Nell'uragano e nella tempesta è il suo cammino
e le nubi sono la polvere dei suoi passi.

Citazioni[modifica]

  • Buono è il Signore, un asilo sicuro | nel giorno dell'angoscia: | conosce quelli che confidano in lui | quando l'inondazione avanza. | Stermina chi insorge contro di lui | e i suoi nemici insegue nelle tenebre. (1, 7 – 8)
  • Ninive è come una vasca d'acqua agitata | da cui sfuggono le acque. | "Fermatevi! Fermatevi!" ma nessuno si volta. | Saccheggiate l'argento, saccheggiate l'oro, | ci sono tesori infiniti, ammassi d'oggetti preziosi. (2, 9 – 10)
  • Guai alla città sanguinaria, | piena di menzogne, | colma di rapine, | che non cessa di depredare! | Sibilo di frusta, fracasso di ruote, | scalpitio di cavalli, cigolio di carri, | cavalieri incalzanti, lampeggiare di spade, | scintillare di lance, feriti in quantità, | cumuli di morti, cadaveri senza fine, | s'inciampa nei cadaveri. | Per le tante seduzioni della prostituta, | della bella maliarda, della maestra d'incanti, | che faceva mercato dei popoli con le sue tresche | e delle nazioni con le sue malìe. (3, 1 – 4)
  • Allora chiunque ti vedrà, fuggirà da te | e dirà: "Ninive è distrutta!". Chi la compiangerà? | Dove cercherò chi la consoli? | Sei forse più forte di Tebe, | seduta fra i canali del Nilo, | circondata dalle acque? | Per baluardo aveva il mare | e per bastione le acque. | L'Etiopia e l'Egitto erano la sua forza | che non aveva limiti. | Put e i Libi erano i suoi alleati. | Eppure anch'essa fu deportata, | andò schiava in esilio. | Anche i suoi bambini furono sfracellati | ai crocicchi di tutte le strade. | Sopra i suoi nobili si gettarono le sorti | e tutti i suoi grandi furon messi in catene. (3, 7 – 10)
  • Tutte le tue fortezze sono come fichi | carichi di frutti primaticci: | appena scossi, cadono i fichi | in bocca a chi li vuol mangiare. (3, 12)
  • La locusta mette le ali e vola via! | I tuoi prìncipi sono come le locuste, | i tuoi capi come sciami di cavallette, | che si annidano fra le siepi quand'è freddo, | ma quando spunta il sole si dileguano | e non si sa dove siano andate. (3, 16 – 17)

Explicit[modifica]

Naum e la distruzione di Ninive in una Bibbia illustrata del XIII sec.

Re d'Assur, i tuoi pastori dormono,
si riposano i tuoi eroi!
Il tuo popolo vaga sbandato per i monti
e nessuno lo raduna.
Non c'è rimedio per la tua ferita,
incurabile è la tua piaga.
Chiunque sentirà tue notizie batterà le mani.
Perché su chi non si è riversata
senza tregua la tua crudeltà?

Citazioni sul Libro di Naum[modifica]

  • Diretto contro Ninive, fa risaltare il dominio di Dio sulle nazioni e la sua giustizia nel determinarne le vicende; letterariamente è forse il migliore di tutti i Profeti minori. (Giuseppe Ricciotti)
  • Il libro di Naum si apre con un salmo sulla collera di Jahve contro i cattivi e con sentenze profetiche che oppongono il castigo di Assur e la salvezza di Giuda (1,2-2,3); ma il soggetto principale, indicato dal titolo, è la rovina di Ninive, annunziata e descritta con una potenza di evocazione che fa di Naum uno dei più grandi poeti di Israele (2,4-3,19). Non c'è ragione per negargli il salmo e gli oracoli dell'inizio, che formano una buona introduzione a questo terribile quadro. [...] Vi si sente fremere tutta la passione di Israele contro il nemico ereditario, il popolo di Assur; con essa si intendono cantare le speranze che risveglia la sua caduta. Ma, attraverso questo nazionalismo violento, che non sospetta neppur lontanamente le esigenze del vangelo e nemmeno l'universalismo della seconda parte di Isaia, si esprime un ideale di giustizia e di fede: la rovina di Ninive è un giudizio di Dio, che punisce il nemico del piano divino (1,11; 2,1), l'oppressore di Israele (1,12-13) e di tutti i popoli (3,1-7). (La Bibbia di Gerusalemme)

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]