Differenze tra le versioni di "Wikiquote:Archivio delle citazioni del giorno/aprile"

Jump to navigation Jump to search
ripristino qui Laozi, al posto di Kennedy (già presente in ottobre
(sostituisco Spinoza (già presente in dicembre) con una nuova Nobel)
(ripristino qui Laozi, al posto di Kennedy (già presente in ottobre)
*'''[[Template:Qotd/18aprile|18 aprile]]:''' A voler ignorare sistematicamente la violenza ed il potere delle donne, a proclamarle sempre oppresse e quindi innocenti, si dipinge una umanità divisa in due che non corrisponde alla verità. Da un lato le vittime dell'oppressione maschile, dall'altro i carnefici onnipotenti. ([[Élisabeth Badinter]])
*'''[[Template:Qotd/19aprile|19 aprile]]:''' Stimare tutti è lo stesso che non stimare nessuno. ([[Molière]])
*'''[[Template:Qotd/20aprile|20 aprile]]:''' Ecco come bisogna essere! Bisogna essere come l'acqua. Niente ostacoli – essa scorre. Trova una diga, allora si ferma. La diga si spezza, scorre di nuovo. In un recipiente quadrato, è quadrata. In uno tondo, è rotonda. Ecco perché è più indispensabile di ogni altra cosa. Niente esiste al mondo più adattabile dell'acqua. E tuttavia quando cade sul suolo, persistendo, niente può essere più forte di lei. (attribuita a [[Laozi]])
*'''[[Template:Qotd/20aprile|20 aprile]]:''' Un uomo fa quello che è suo dovere fare, quali che siano le conseguenze personali, quali che siano gli ostacoli, i pericoli o le pressioni. Questa è la base di tutta la moralità umana. ([[John Fitzgerald Kennedy]])
*'''[[Template:Qotd/21aprile|21 aprile]]:''' L'umanità non sopporta il pensiero che il mondo sia nato per caso, per sbaglio, solo perché quattro atomi scriteriati si sono tamponati sull'autostrada bagnata. E allora occorre trovare un complotto cosmico, Dio, gli angeli o i diavoli. ([[Umberto Eco]])
*'''[[Template:Qotd/22aprile|22 aprile]]:''' Due cose riempiono l'animo di ammirazione e venerazione sempre nuova e crescente, quanto più spesso e più a lungo la riflessione si occupa di esse: il cielo stellato sopra di me, e la legge morale in me. ([[Immanuel Kant]])

Menu di navigazione