Wikiquote:Archivio delle citazioni del giorno/marzo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.


  • 1º marzo: L'amicizia è prima di tutto certezza, ed è questo che la differenzia dall'amore. È anche rispetto, e accettazione totale di un altro essere. (Marguerite Yourcenar)
  • 2 marzo: Attimo, sei bello. (Johann Wolfgang von Goethe)
  • 3 marzo: Un esperto è un uomo che ha fatto tutti gli errori che sia possibile compiere in un campo molto ristretto. (Niels Bohr)
  • 4 marzo: La salvezza dell'uomo è nelle mani dei disadattati creativi. (Martin Luther King)
  • 5 marzo: Un'anima meschina, sottrattasi all'oppressione, opprimerà a sua volta. (Fëdor Dostoevskij)
  • 6 marzo: L'ottimista vede opportunità in ogni pericolo, il pessimista vede pericolo in ogni opportunità. (Winston Churchill)
  • 7 marzo: Se l'arte dell'eloquenza è l'arte di persuadere, non vi è altra eloquenza che quella di dire sempre il vero, il solo vero, il nudo vero. Le parole, onde è necessità di nostra inferma natura di rivestire il pensiero, saranno tanto più potenti, quanto più atte al fine, cioè più nudo lasceranno il vero, che è nel pensiero. (Vincenzo Cuoco)
  • 8 marzo: La gioia di vivere è il miglior cosmetico per una donna. (Rosalind Russell)
  • 9 marzo: I regali fatti agli amici non sono preda del fato: | avrai soltanto le ricchezze che hai donato. (Marco Valerio Marziale)
  • 10 marzo: Colui che potendo dire una cosa in dieci parole ne impiega dodici, io lo ritengo capace delle peggiori azioni. (Giosuè Carducci)
  • 11 marzo: È in ogni uomo di attendersi che forse la parola, una parola, possa trasformare la sostanza di una cosa. [...] È fede in una magia: che un aggettivo possa giungere dove non giunse, cercando la verità, la ragione; o che un avverbio possa recuperare il segreto che si è sottratto a ogni indagine. (Elio Vittorini)
  • 12 marzo: La cultura, si sa, costa, mentre l'ignoranza è gratis (ecco perché è così diffusa). E io non mi sono lasciato sfuggire l'occasione. Ma, attenti, non sono ignorante in un settore specifico, la mia ignoranza spazia in vari campi: io non so un po' di tutto. Ho, insomma, quella che si dice una ignoranza enciclopedica. (Pino Caruso)
  • 13 marzo: Se c'è un rimedio, perché te la prendi? E se non c'è un rimedio, perché te la prendi? (proverbio cinese)
  • 14 marzo: L'uomo è l'unico animale che arrossisce. O dovrebbe arrossire. (Mark Twain)
  • 15 marzo: Nessun uomo è un'isola, completo in se stesso; ogni uomo è un pezzo del continente, una parte del tutto. Se anche solo una zolla venisse lavata via dal mare, l'Europa ne sarebbe diminuita, come se le mancasse un promontorio, come se venisse a mancare una dimora di amici tuoi, o la tua stessa casa. La morte di qualsiasi uomo mi sminuisce, perché io sono parte dell'umanità. E dunque non chiedere mai per chi suona la campana: suona per te. (John Donne)
  • 16 marzo: Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto: "Non c'è altro da vedere", sapeva che non era vero. La fine di un viaggio è solo l'inizio di un altro. Bisogna vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove la prima volta pioveva, vedere le messi verdi, il frutto maturo, la pietra che ha cambiato posto, l'ombra che non c'era. (José Saramago)
  • 17 marzo: Il genio è per l'1% ispirazione e per il 99% sudore.
Genius is one percent inspiration, ninety-nine percent perspiration. (Thomas Edison)
  • 18 marzo: Ogni uomo porta l'intera impronta della condizione umana. (Michel de Montaigne)
  • 19 marzo: Mio padre non scriveva mai lettere, non faceva mai sapere sue notizie, né mandava nessun saluto. Ed era favolosa per me la certezza che pure egli esisteva, e che ogni istante da me vissuto a Procida, lo viveva lui pure in chi sa quale paesaggio, in chi sa quale stanza, fra compagni stranieri che io consideravo gloriosi e beati solo perché stavano con lui (non dubitavo, difatti, che la frequentazione di mio padre fosse il titolo di aristocrazia più ambito per tutte le società umane). (Elsa Morante)
  • 20 marzo: Chi prega è santo, ma chi fa, più santo. (Giovanni Pascoli)
  • 21 marzo: Primavera non bussa, lei entra sicura, | come il fumo lei penetra in ogni fessura, | ha le labbra di carne, i capelli di grano, | che paura, che voglia che ti prenda per mano. | Che paura, che voglia che ti porti lontano. (Fabrizio De André)
  • 22 marzo: Il tempo con il suo trascorrere insegna tutte le cose. (Eschilo)
  • 23 marzo: Finché si è scontenti di sé non tutto è perduto. (Emil Cioran)
  • 24 marzo: Dove non c'è umorismo non c'è umanità; dove non c'è umorismo (questa libertà che si prende, questo distacco di fronte a se stessi) c'è il campo di concentramento. (Eugène Ionesco)
  • 25 marzo: Il frutto dell'amore è il servizio. Il frutto del servizio è la pace. (Madre Teresa di Calcutta)
  • 26 marzo: La giovanezza essendo a la voluttà inclinata non si piglia se non con l'esca del piacere: perché fugge i rigidi maestri. (Marsilio Ficino)
  • 27 marzo: C'è sempre tempo per lanciare una parola, ma non sempre per riprenderla. (Baltasar Gracián)
  • 28 marzo: Ciò che distingue l'uomo immaturo è che vuole morire nobilmente per una causa, mentre ciò che distingue l'uomo maturo è che vuole umilmente vivere per essa. (Wilhelm Stekel)
  • 29 marzo: Il torto è spesso meglio distribuito di quanto ci piace credere. (Erri De Luca)
  • 30 marzo: Per fare un prato bastano | un trifoglio, un'ape, | un trifoglio, un'ape | e un sogno. | Può bastare il sogno | se le api sono poche. (Emily Dickinson)
  • 31 marzo: O buon Gesù, che invecchi sulla croce, | scendi, ripiglia la tua veste bianca; | vedi l'umanità, che a te la stanca | mano distende e stanca alza la voce. (Emilio De Marchi)