Wikiquote:Archivio delle citazioni del giorno/marzo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.


  • 1º marzo: Fare del proprio meglio. Rifare. Ritoccare impercettibilmente ancora questo ritocco. «Correggendo le mie opere, – diceva Yeats, – correggo me stesso». (Marguerite Yourcenar)
  • 2 marzo: Si chiese, come aveva fatto parecchie volte in passato, se per caso non fosse pazzo. Forse, a ben pensarci, un pazzo non era che una minoranza formata da una sola persona. Un tempo era segno di follia credere che la terra girasse intorno al sole, oggi lo era il ritenere che il passato fosse immutabile. Poteva darsi che lui fosse il solo ad avere una simile convinzione, ed essendo il solo doveva per forza di cose essere pazzo. Tuttavia non lo disturbava granché il pensiero di essere pazzo: più orribile ancora era la possibilità che non lo fosse. (George Orwell, 1984)
  • 3 marzo: Un esperto è un uomo che ha fatto tutti gli errori che sia possibile compiere in un campo molto ristretto. (Niels Bohr)
  • 4 marzo: La salvezza dell'uomo è nelle mani dei disadattati creativi. (Martin Luther King)
  • 5 marzo: Un'anima meschina, sottrattasi all'oppressione, opprimerà a sua volta. (Fëdor Dostoevskij)
  • 6 marzo: L'ottimista vede opportunità in ogni pericolo, il pessimista vede pericolo in ogni opportunità. (Winston Churchill)
  • 7 marzo: Chi mente, se anche non viene scoperto, ha la punizione in sé medesimo; egli sente che tradisce un dovere e si degrada. (Silvio Pellico)
  • 8 marzo: La gioia di vivere è il miglior cosmetico per una donna. (Rosalind Russell)
  • 9 marzo: I regali fatti agli amici non sono preda del fato: | avrai soltanto le ricchezze che hai donato. (Marco Valerio Marziale)
  • 10 marzo: Colui che potendo dire una cosa in dieci parole ne impiega dodici, io lo ritengo capace delle peggiori azioni. (Giosuè Carducci)
  • 11 marzo: È in ogni uomo di attendersi che forse la parola, una parola, possa trasformare la sostanza di una cosa. [...] È fede in una magia: che un aggettivo possa giungere dove non giunse, cercando la verità, la ragione; o che un avverbio possa recuperare il segreto che si è sottratto a ogni indagine. (Elio Vittorini)
  • 12 marzo: La cultura, si sa, costa, mentre l'ignoranza è gratis (ecco perché è così diffusa). E io non mi sono lasciato sfuggire l'occasione. Ma, attenti, non sono ignorante in un settore specifico, la mia ignoranza spazia in vari campi: io non so un po' di tutto. Ho, insomma, quella che si dice una ignoranza enciclopedica. (Pino Caruso)
  • 13 marzo: Se c'è un rimedio, perché te la prendi? E se non c'è un rimedio, perché te la prendi? (proverbio cinese)
  • 14 marzo: L'uomo è l'unico animale che arrossisce. O dovrebbe arrossire. (Mark Twain)
  • 15 marzo: Nessun uomo è un'isola, completo in se stesso; ogni uomo è un pezzo del continente, una parte del tutto. Se anche solo una zolla venisse lavata via dal mare, l'Europa ne sarebbe diminuita, come se le mancasse un promontorio, come se venisse a mancare una dimora di amici tuoi, o la tua stessa casa. La morte di qualsiasi uomo mi sminuisce, perché io sono parte dell'umanità. E dunque non chiedere mai per chi suona la campana: suona per te. (John Donne)
  • 16 marzo: Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto: "Non c'è altro da vedere", sapeva che non era vero. La fine di un viaggio è solo l'inizio di un altro. Bisogna vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove la prima volta pioveva, vedere le messi verdi, il frutto maturo, la pietra che ha cambiato posto, l'ombra che non c'era. (José Saramago)
  • 17 marzo: Il genio è per l'1% ispirazione e per il 99% sudore. (Thomas Edison)
  • 18 marzo: Ogni uomo porta l'intera impronta della condizione umana. (Michel de Montaigne)
  • 19 marzo: Se potessi promettere qualcosa | se potessi fidarmi di me stesso | se di me non avessi anzi paura, | padre, una cosa ti prometterei: | di viver fortemente come te | sacrificato agli altri come te | e negandomi tutto come te, | povero padre, per la fiera gioia | di finir tristemente come te. (Camillo Sbarbaro)
  • 20 marzo: Chi prega è santo, ma chi fa, più santo. (Giovanni Pascoli)
  • 21 marzo: Primavera non bussa, lei entra sicura, | come il fumo lei penetra in ogni fessura, | ha le labbra di carne, i capelli di grano, | che paura, che voglia che ti prenda per mano. | Che paura, che voglia che ti porti lontano. (Fabrizio De André)
  • 22 marzo: Il tempo con il suo trascorrere insegna tutte le cose. (Eschilo)
  • 23 marzo: Finché si è scontenti di sé non tutto è perduto. (Emil Cioran)
  • 24 marzo: Dove non c'è umorismo non c'è umanità; dove non c'è umorismo (questa libertà che si prende, questo distacco di fronte a se stessi) c'è il campo di concentramento. (Eugène Ionesco)
  • 25 marzo: Il frutto dell'amore è il servizio. Il frutto del servizio è la pace. (Madre Teresa di Calcutta)
  • 26 marzo: La giovanezza essendo a la voluttà inclinata non si piglia se non con l'esca del piacere: perché fugge i rigidi maestri. (Marsilio Ficino)
  • 27 marzo: Gli uomini temono il pensiero più di qualsiasi cosa al mondo, più della rovina, più della morte stessa. Il pensiero è rivoluzionario e terribile. Il pensiero non guarda ai privilegi, alle istituzioni stabilite e alle abitudini confortevoli. Il pensiero è senza legge, indipendente dall'autorità, noncurante dell'approvata saggezza dell'età. Il pensiero può guardare nel fondo dell'abisso e non avere timore. Ma se il pensiero diventa proprietà di molti e non privilegio di pochi, dobbiamo finirla con la paura. (Bertrand Russell)
  • 28 marzo: Ciò che distingue l'uomo immaturo è che vuole morire nobilmente per una causa, mentre ciò che distingue l'uomo maturo è che vuole umilmente vivere per essa. (Wilhelm Stekel)
  • 29 marzo: Anche la vita è un istante soltanto, | soltanto un dissolversi | di noi stessi in tutti gli altri, | come offertici in dono. (Boris Pasternak)
  • 30 marzo: Per fare un prato bastano | un trifoglio, un'ape, | un trifoglio, un'ape | e un sogno. | Può bastare il sogno | se le api sono poche. (Emily Dickinson)
  • 31 marzo: È difficile camminare sul filo di un rasoio; così, dice il saggio, è aspro il cammino verso la salvezza. (Kaṭha Upaniṣad)