Wikiquote:Archivio delle citazioni del giorno/dicembre

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.


  • 1º dicembre: Sono le difficoltà a mostrare gli uomini. (Epitteto)
  • 2 dicembre: Preferisco essere odiato per ciò che sono, piuttosto che essere amato per ciò che non sono. (Kurt Cobain)
  • 3 dicembre: Le menti sono come i paracadute: funzionano solo quando sono aperte. (attribuita a Thomas Dewar)
  • 4 dicembre: Se v'è per l'umanità una speranza di salvezza e di aiuto, questo aiuto non potrà venire che dal bambino, perché in lui si costruisce l'uomo. (Maria Montessori)
  • 5 dicembre: Ora tutto appare chiaro alla generazione che passa, e si meraviglia degli errori, ride della semplicità dei suoi antenati, e non vede che un fuoco celeste irradia tutti questi annali, che grida da essi ogni lettera, e che di là, penetrante, un dito s'appunta proprio su essa, su essa, la generazione che passa. Ma ride la generazione che passa, e sicura di sé, orgogliosa, dà inizio a una nuova serie di errori, sui quali a loro volta rideranno i posteri. (Nikolaj Vasil'evič Gogol')
  • 6 dicembre: Ti odierò, se potrò; altrimenti ti amerò mio malgrado. (Publio Ovidio Nasone)
  • 7 dicembre: Più l'uomo sa e più perdona. (Caterina II di Russia)
  • 8 dicembre: Non capite, se giudicate. (Lev Tolstoj)
  • 9 dicembre: Io non preferirei né l'uno né l'altro; ma, se fosse necessario o commettere ingiustizia o subirla, sceglierei il subire ingiustizia piuttosto che il commetterla. (Platone, attribuita a Socrate)
  • 10 dicembre: La cortesia è la medicina delle donne, la cortesia è il massimo ornamento; bellezza senza cortesia è come un giardino senza fiori. (Aśvaghoṣa)
  • 11 dicembre: Io stesso allora non dubitavo che in qualunque momento chiunque di noi, uomo, donna, bambino, forse anche il povero ronzino legato alla ruota del mulino, chiunque sapesse cosa era giusto. Tutte le creature vengono al mondo con dentro la memoria della giustizia. (John Maxwell Coetzee)
  • 12 dicembre: La vera cultura è mettere radici e sradicarsi. Mettere radici nel più profondo della terra natia. Nella sua eredità spirituale. Ma è anche sradicarsi e cioè aprirsi alla pioggia e al sole, ai fecondi apporti delle civiltà straniere... (Léopold Sédar Senghor)
  • 13 dicembre: La vecchiaia ama sempre la veglia; quasi che l'uomo, quanto più lungo è il tempo che l'ha tenuto allacciato alla vita, tanto di meno abbia a che fare con ciò che rammenta la morte. (Herman Melville)
  • 14 dicembre: I giovani non sono vasi da riempire ma fiaccole da accendere. (Plutarco)
  • 15 dicembre: È curioso a vedere, che gli uomini di molto merito hanno sempre le maniere semplici, e che sempre le maniere semplici sono prese per indizio di poco merito. (Giacomo Leopardi)
  • 16 dicembre: Un uomo chiamato a fare lo spazzino dovrebbe spazzare le strade così come Michelangelo dipingeva, o Beethoven componeva, o Leontyne Price cantava al Metropolitan Opera, o Shakespeare scriveva poesie. Egli dovrebbe spazzare le strade così bene al punto che tutti gli ospiti del cielo e della terra si fermerebbero per dire che qui ha vissuto un grande spazzino che faceva bene il suo lavoro. (Martin Luther King)
  • 17 dicembre: Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli, ma non avessi la carità, sono come un bronzo che risuona o un cembalo che tintinna. E se avessi il dono della profezia e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza, e possedessi la pienezza della fede così da trasportare le montagne, ma non avessi la carità, non sono nulla. (Paolo di Tarso)
  • 18 dicembre: Tutte le cose eccellenti sono tanto difficili quanto rare. (Baruch Spinoza, Ethica)
  • 19 dicembre: Oh, Vento, | se viene l'Inverno, potrà la Primavera essere lontana? (Percy Bysshe Shelley)
  • 20 dicembre: L'arte dello scrivere consiste nel ripetere cose già dette e nel ripeterle in modo che la gente creda di leggerle per la prima volta. (Remy de Gourmont)
  • 21 dicembre: Crea tutta la felicità che sei in grado di creare, elimina tutta l'infelicità che sei in grado di eliminare: ogni giorno ti darà l'occasione, ti inviterà ad aggiungere qualcosa ai piaceri altrui, o a diminuire qualcosa delle loro sofferenze. (Jeremy Bentham)
  • 22 dicembre: Inverno. Come un seme il mio animo ha bisogno del lavoro nascosto di questa stagione. (Giuseppe Ungaretti)
  • 23 dicembre: Il bambino è padre dell'uomo, | e vorrei che la devozione alla Natura | legasse i miei giorni l'uno all'altro. (William Wordsworth)
  • 24 dicembre: È meglio dare che ricevere, ma a volte c'è più umiltà nell'accettare piuttosto che nel dare. (Søren Kierkegaard)
  • 25 dicembre: O neve natalizia di Betlemme | cadi soavemente in morbide falde, | e semina il grano che deve germinare | nei campi dell'eternità. | Fa' cadere in silenzio candidi semi | nei cuori oscuri e freddi | intirizziti dal freddo della notte. (Johannes Jørgensen)
  • 26 dicembre: V'è un solo eroismo al mondo: vedere il mondo com'è e amarlo. (Romain Rolland)
  • 27 dicembre: Chi disputa allegando l'autorità, non adopra lo 'ngegno, ma più tosto la memoria. (Leonardo da Vinci)
  • 28 dicembre: Se il destino è contro di noi, peggio per lui. (1º Reggimento carabinieri paracadutisti "Tuscania")
  • 29 dicembre: Mantieni ad ogni costo una mente aperta, ma non così aperta che il tuo cervello caschi fuori. (proverbio inglese)
  • 30 dicembre: La responsabilità è ciò che attende fuori dell'Eden della creatività. (Nadine Gordimer)
  • 31 dicembre: Ciò che diciamo principio | spesso è la fine, e finire | è cominciare. La fine | è là onde partiamo. (Thomas Stearns Eliot)