Io e Annie

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Io e Annie

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale Annie Hall
Paese Stati Uniti
Anno 1977
Genere commedia
Regia Woody Allen
Sceneggiatura Woody Allen, Marshall Brickman
Attori
Note
  • Vincitore di 4 premi Oscar (1978):
    • Miglior attrice protagonista (Diane Keaton)
    • Miglior regia
    • Miglior film
    • Miglior sceneggiatura originale

Io e Annie, film di Woody Allen del 1977.

Frasi[modifica]

  • Dopo di che si fece molto tardi, dovevamo scappare tutti e due. Ma era stato grandioso rivedere Annie, no? Mi resi conto che donna fantastica era e di quanto fosse divertente solo conoscerla. E io pensai a... quella vecchia barzelletta, sapete... Quella dove uno va dallo psichiatra e dice: "Dottore mio fratello è pazzo, crede di essere una gallina", e il dottore gli dice: "perché non lo interna?", e quello risponde: "e poi a me le uova chi me le fa?". Be', credo che corrisponda molto a quello che penso io dei rapporti uomo-donna. E cioè che sono assolutamente irrazionali, ehm... e pazzi. E assurdi, e... Ma credo che continuino perché la maggior parte di noi ha bisogno di uova. (Alvy)
  • Be', che volete, era la prima commedia... Sapete come si cerchi di arrivare alla perfezione almeno nell'arte, perché, è talmente difficile nella vita. (Alvy)
  • C'è una vecchia storiella. Due vecchiette sono ricoverate nel solito pensionato per anziani e una di loro dice: "Ragazza mia, il mangiare qua dentro fa veramente pena", e l'altra: "Sì, è uno schifo, ma poi che porzioni piccole!". Be', essenzialmente è così che io guardo alla vita: piena di solitudine, di miseria, di sofferenza, di infelicità e disgraziatamente dura troppo poco. E c'è un'altra battuta che è importante per me; è quella che di solito viene attribuita a Groucho Marx ma credo dovuta in origine al genio di Freud e che è in relazione con l'inconscio; ecco, dice così – parafrasandola –: «Io non vorrei mai appartenere a nessun club che contasse tra i suoi membri uno come me». È la battuta chiave della mia vita di adulto in relazione alle mie relazioni con le donne. (Alvy)
  • Amore è un termine troppo debole. Ecco, io ti straamo, ti adamo, ti abramo! (Alvy)
  • Mi spiego, anche da piccolo io mi buttavo sulle donne sbagliate. Credo che sia questo, il mio problema. Quando la mamma mi portò a vedere Biancaneve, tutti quanti erano innamorati di Biancaneve. Io no. Io mi innamorai subito della Regina Cattiva. (Alvy)
  • Non mi hanno preso sotto le armi perché non ero abile, ma alienabile: in caso di guerra, ero da dare in ostaggio. (Alvy)
  • Usi la teoria del complotto solo perché non vuoi fare l'amore con me. (Allison)
  • Togliamo di mezzo questo bacio, così poi non ci roviniamo la digestione. (Alvy)
  • Adoro essere ridotta ad uno stereotipo culturale. (Allison)
  • Chi non sa fare, insegna. Chi non sa insegnare, insegna ginnastica. Quelli che neanche la ginnastica li mandavano alla mia scuola. (Alvy)
  • [Parlando di sesso] È stata la cosa più divertente che ho fatto senza ridere. (Alvy)
  • I politici hanno una loro etica. Tutta loro. Ed è una tacca più sotto di quella di un maniaco sessuale. (Alvy)
  • Ma il sole fa male! Come tutto quello che faceva bene prima: il sole, il latte, la carne, l'università... (Alvy)
  • Ehi, non denigrare la masturbazione: è sesso con qualcuno che amo. (Alvy)
  • Mia nonna non mi ha mai fatto regali, era troppo impegnata a farsi stuprare dai cosacchi. (Alvy)
  • Non ti stavo pedinando: ti seguivo a distanza non perdendoti di vista. (Alvy)
  • A scuola mi esclusero dalla squadra di scacchi a causa della mia statura. (Alvy)
  • Si sono geloso un pochetto, come Otello! (Alvy)
  • Una relazione credo sia come uno squalo sai, che deve costantemente andare avanti o muore. Eh... credo che quello sia restato a noi sia uno squalo morto. (Alvy)

Dialoghi[modifica]

  • Annie: Oh, sei in analisi.
    Alvy: S-sì. Oh... da quindici anni appena.
    Annie: Quindici anni?
    Alvy: Sì, hm... adesso gli do un altro anno di tempo... e poi vado a Lourdes.
  • Alvy: Ho una concezione molto pessimistica, io, della vita. Devi saperlo, questo, sul mio conto, se dobbiamo frequentarci, mi spiego. Io... secondo me... io ritengo che la vita sia divisa in due categorie: l'orribile e il miserrimo. Sono queste le due categorie. Orribile sarebbero, non so, hm... i casi più gravi, mi spiego? Tutti i ciechi, gli storpi e così via.
    Annie: Sì.
    Alvy: Non so... Non lo so mica, come tirano avanti. Per me è qualcosa di stupefacente. Mi spiego? Miserrimo sono tutti gli altri. È tutto, tutto qui. Quindi, quando pensi alla vita, devi ringraziare il cielo se sei soltanto miserrimo, perché è... è una grossa fortuna... essere... essere miserrimo.
  • Alvy: Quanto costa questa [cocaina]?
    Padre di Annie: Costa circa 2.000 dollari all'oncia.
    Alvy: Davvero? Non mi ricordo mai quanto viene in anni di galera.
  • Alvy: Non riesco proprio a capire dove abbia sbagliato, non riesco a crederci, in qualche modo lei, lei è sbollita per me. Sarà sarà per qualcosa che ho fatto?
    Passante: Non è mai per qualcosa, la gente è fatta così, l'amore svanisce.
    Alvy: L'amore svanisce, Dio che pensiero deprimente...
  • Alvy: Ecco, voi voi, sembrate una coppia molto felice, e e, lo siete?
    Coppia di passaggio: Si!
    Alvy: E e e questo a cosa lo attribuite?
    Ragazza della coppia: Oh io sono superficiale e vuota e non ho mai un'idea e... non ho niente di interessante da dire.
    Ragazzo della coppia: Io sono esattamente lo stesso.
    Alvy: Ah, ho capito avete unito le vostre intelligenze.. così da due almeno uno...

Altri progetti[modifica]