Enrico Di Troia

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Enrico Di Troia (1959 – vivente), attore e doppiatore italiano.

Citazioni di Enrico Di Troia[modifica]

  • Fare la radio non è come stare davanti a un microfoni fisso lì e dire le cose che devi dire, leggere quello che c'è sul copione, ma il microfono è un po' una cosa che deve essere usata... io mi avvicino e allora parlo come se fossi vicino al tuo orecchio. [...] Poi mi allontano faccio un campo. Io non sto fisso al microfono a questa distanza, altrimenti quello che tu ascolterai sarà una cosa piatta. Invece in questo modo, avvicinandosi al microfono, allontanandosi, incominciando a dire le battute in questo modo e avendo anche l'aiuto della stereofonia, la radio diventa tridimensionale. Diventa sogno, diventa racconto, diventa finalmente la radio.[1]
  • Io arrivo in sala e mi trovo un copione ben fatto in questo caso, per quanto riguarda i Simpson, e mi diverto a fare questo personaggio, che tra l'altro è un personaggio fatto così di un nero che parla veneto, è un'invenzione di Tonino Accolla.[1]
  • La macchina da presa ti prende gli occhi e ti prende il cuore attraverso gli occhi. Il microfono te lo carpisce appunto attraverso la voce. Quindi sono due elementi che sono abbastanza sensibili alla sincerità e a quello che fai.[1]
  • Questo è un lavoro che lo sai fare o non lo sai fare. Non c'è niente di chiuso. Questo è forse uno degli ultimi lavori rimasti dove se sai fare, farai.[1]

Doppiaggio[modifica]

Film[modifica]

Film d'animazione[modifica]

Serie televisive[modifica]

Serie animate[modifica]

Note[modifica]

  1. a b c d Dall'intervista di Claudio Moneta, Roba da Doppiatori, 27 aprile 2017. Video disponibile su Youtube.com.

Altri progetti[modifica]