Bertolt Brecht

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Bertold Brecht)
Bertolt Brecht

Bertolt Brecht, nato Eugen Berthold Friedrich Brecht (1898 – 1956), drammaturgo, poeta e regista teatrale tedesco.

Citazioni di Bertolt Brecht[modifica]

  • Al signor K. chiesero cosa stesse facendo. "Sto lavorando duro per preparare il mio prossimo errore." (da I Racconti del Signor Keuner)
  • Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.[1]
  • Ci sono uomini che lottano un giorno e sono bravi, altri che lottano un anno e sono più bravi, ci sono quelli che lottano più anni e sono ancora più bravi, però ci sono quelli che lottano tutta la vita: essi sono gli indispensabili. (da In morte di Lenin)
  • Compagni, parliamo dei rapporti di produzione! (incipit del discorso pronunciato nel 1935 a Parigi al Congresso internazionale degli scrittori antifascisti[2])
  • Il disordine ha già salvato la vita a migliaia di individui. In guerra basta spesso la più piccola deviazione da un ordine per portare in salvo la pelle. (da Dialoghi di profughi)
  • La cosa più grande di Cesare erano i suoi debiti. (da Gli affari del signor Giulio Cesare, traduzione di Lorenzo Bassi, Einaudi Editore)
  • Ma qualcosa manca! (Aber etwas fehlt!). (Jim Mahoney, in Ascesa e caduta della città di Mahagonny)
  • Molti di coloro che sono perseguitati perdono la facoltà di riconoscere i propri difetti. (citato in Pier Paolo Pasolini, Il caos. L'«orrendo universo» del consumo e del potere, a cura di Gian Carlo Ferretti, Editori Riuniti, Roma 1998, 20 settembre 1969)
  • Per l'arte [...] essere apartitica significa semplicemente essere del partito dominante. (da Breviario di estetica teatrale)
  • Segavano i rami sui quali erano seduti e si scambiavano a gran voce la loro esperienza di come segare più in fretta, e precipitarono con uno schianto, e quelli che li videro scossero la testa segando e continuarono a segare. (da Esilio)
  • Fuggito sotto il tetto di paglia danese, amici, seguo la vostra lotta. Di qui vi mando, come già ogni tanto, i miei versi, incalzati da sanguinose visioni oltre il Sund e il fogliame. Fate uso di quel che ve ne giunga, con prudenza! Libri ingialliti, consunti rapporti mi sono scrittoio. Se ci vedremo ancora, volentieri ritornerò apprendista" (da Poesie di Svendborg, prefazione)
  • E – vi preghiamo – quello che succede ogni giorno non trovatelo naturale. Di nulla sia detto: "è naturale" in questi tempi di sanguinoso smarrimento, ordinato disordine, pianificato arbitrio, disumana umanità, così che nulla valga come cosa immutabile. (da L'eccezione e la regola, 1930)
  • Il mondo non viene spiegato già con lo spiegarlo? No. La maggior parte delle spiegazioni sono giustificazioni. Dominio popolare significa dominio degli argomenti. Il pensiero sorge dopo delle difficoltà e precede l'azione. (da Me-Ti, Libro delle svolte)
  • Quanto a loro [gli oppositori di Stalin], più sono innocenti, più meritano di essere fucilati. (cit. in Sidney Hook, Out of Step, Harper & Row, 1987)[3]
  • Qui [a Monaco di Baviera] c'è l'Oktoberfest, chioschi con birra, clown, numeri da circo, concerto! Si va su giostre che ti catapultano nel vuoto. Dondolare grazie alla forza dei propri muscoli. È una tale noia. (citato in Franco Buono, Poesia, Mito e Gioventù, Nuova Biblioteca Dedalo)

L'opera da tre soldi[modifica]

  • Solo saziato l'uomo può farsi migliore! | Pochi discorsi, il punto è tutto qui. (atto II, scena 3, Secondo finale da tre soldi)
  • La legge è fatta esclusivamente per lo sfruttamento di coloro che non la capiscono, o ai quali la brutale necessità non permette di rispettarla. (atto III, scena 1)
  • Che cos'è l'effrazione di una banca di fronte alla fondazione di una banca? (atto III, scena 3)
  • Quanto più oscura è l'ora, più vicino è il soccorso (atto III, scena 3)

[Bertolt Brecht, L'opera da tre soldi, in I capolavori.]

Madre Courage e i suoi figli[modifica]

Incipit[modifica]

Frühjahr 1624. Der Feldhauptmann Oxenstjerna wirbt in Dalarne Truppen für den Feldzug in Polen. Der Marketenderin Anna Fierling, bekannt unter dem Namen Mutter Courage, kommt ein Sohn abhanden.
Landstraße in Stadtnähe.
Ein Feldwebel und ein Werber stehen frierend.
DER WERBER: Wie soll man sich hier eine Mannschaft zusamenlesen? Felfwebel, ich denk schon mitunter an Selbstmord. Bis zum zwölften soll ich dem Feldhaumptmann vier Fähnlein hinstelln, und die Leut hier herum sind so voll Bosheit, daß ich keine Nacht mehr sclaf.

Primavera del 1624. A Dalarne, il comandante Oxenstjerna recluta soldati per la campagna di Polonia. La vivandiera Anna Fierling, nota col nome di Madre Courage, si vede portar via un figlio.
Strada maestra vicino alla città.
Un maresciallo e un reclutatore, tremanti di freddo.
RECLUTATORE: Come fa uno, qui, a raccapezzarsi una squadra? Maresciallo, di tanto in tanto mi succede di pensare al suicidio. Per il dodici devo presentare al comandante quattro drappelli; ma, da queste parti, la gente è tanto perfida, che la notte non riesco più a dormire.

Citazioni[modifica]

  • La pace è solo disordine; non c'è che la guerra per metter ordine. In tempo di pace, l'umanità cresce in modo incontrollato. (2001, p. 7)
  • Come tutte le cose buone, anche la guerra, da principio è difficile. Ma poi, quando ha attaccato, tien duro. Allora la gente ha paura della pace, come chi gioca a dadi ha paura di smettere perché viene il momento di fare i conti, di vedere quanto s'è perduto. (2001, p. 7)
  • Ah, rimorsi amari per chi non ascolta | dei vecchi e dei savi il consiglio! (2001, p. 45)
  • Avevo appena diciassett'anni, | il nemico arrivò al mio paese. | Si sfibbiò la spada dal fianco, | mi dette la mano da amico. | E dopo i cori dei vespri di maggio | è venuta la notte di maggio. | Era schierato il reggimento, | poi, come usa, il tamburo rullò, | poi il nemico ci portò dietro la siepe | e si fraternizzò. | Tanti erano i nemici | e il mio era cuciniere. | Io, di giorno, l'odiavo; | ma di notte l'amavo. (2001, p. 53-54)
  • E se di lei non sei più forte, | non ci sarai, per la vittoria. | La guerra è solamente un traffico: | invece di formaggio, piombo. (2001, p. 135)
  • La corruzione è la nostra unica speranza. Finché c'è quella, i giudici sono più miti, e in tribunale perfino un innocente può cavarsela.
  • La guerra va incontro a tutte le esigenze, anche a quelle pacifiche.
  • Le vittorie e le disfatte dei pesci grossi e dei pesci piccoli non vanno sempre d'accordo, anzi. Ci sono perfino dei casi che per i pesci piccoli la sconfitta, in fondo, è un guadagno.
  • La guerra è come l'amore, trova sempre il suo fine.
  • Ti ho insegnato ad essere onesto, perché intelligente non sei.

Citazioni sul libro[modifica]

  • Con Madre Courage Brecht ha scritto un testo di grande modernità impastato col pessimismo della ragione. Chi è venuto dopo può tristemente confermare quanto realistica sia stata la scarsa convinzione del positivo mutamento dell'umana coscienza. Piccole e grandi guerre, che sono sempre, secondo il suggerimento del drammaturgo di Augusta, una prosecuzione degli affari condotti con altri mezzi, non abbandonano il teatro del mondo, ne sono anzi un soggetto costante. (Luigi Forte)

Vita di Galileo[modifica]

Incipit[modifica]

Galileo (mentre si lava a torso nudo sbuffando allegramente): Posa il latte sul tavolo, ma non chiudermi i libri.
Andrea: La mamma ha detto che c'è da pagare il lattaio, sennò quello, tra poco, girerà al largo dalla nostra casa, signor Galileo.
Galileo: Di' meglio: descriverà un cerchio intorno a noi.

Citazioni[modifica]

  • La scienza conosce solo un comandamento: contribuire allo sviluppo scientifico.
  • Ciò che oggi scriviamo sulla lavagna, domani lo cancelleremo.
  • Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente
  • Cosa ha a che fare mia figlia con l'astronomia? Le fasi di Venere influiscono in qualche modo sulla curva delle sue chiappe?
    [Galileo, sotto sorveglianza dell'Inquisizione, al futuro genero]
  • Sventurata la terra che ha bisogno d'eroi.
  • Oggi, 10 gennaio 1610, l'umanità scrive nel suo diario: abolito il cielo! [Galileo, scoprendo la natura della luna, a Sagredo]
  • La Bibbia dice che non gira, e i vecchi sapientoni ne danno mille prove. Domineddio l'agguanta per gli orecchi e le dice: sta' ferma! Eppur si muove.
  • Sapete come si sviluppa la perla nell'ostrica? Un corpo estraneo insopportabile, per esempio un granello di sabbia, penetra dentro al guscio, e l'ostrica, per seppellire quel granello, secerne calce; e in questo processo rischia la morte. Allora, dico io, al diavolo la perla, purché l'ostrica resti sana! Le virtù non sono appannaggio unicamente della miseria, caro mio. Se i vostri genitori vivessero prosperi e felici, potrebbero sviluppare le virtù della prosperità e della felicità. [...] Bisogna dunque proprio mentire alla tua gente? (Galileo, a Fulgenzio: VIII)
  • Il frutto dell'albero della conoscenza. Ecco, lo azzanna subito. Sarà dannato in eterno, ma non può fare a meno di azzannarlo, sciagurato ghiottone! (Galileo, di Fulgenzio: VIII)
  • Una delle principali cause della miseria delle scienze sta, molto spesso, nella loro presunzione di essere ricche. Scopo della scienza non è tanto quello di aprire la porta all'infinito sapere, quanto quello di porre una barriera all'infinita ignoranza. (Galileo: IX)
  • Questi uomini mettono nel dubbio ogni cosa. Ma possiamo noi fondare la compagine umana sul dubbio anziché sulla fede? (XII)
  • Saranno i fondamenti di una nuova fisica!
    Nascondilo sotto il mantello.
    E noi pensavamo che aveste disertato! Io sono stato, di tutti, quello che più vi ha dato addosso.
    Non mi pare che ci sia nulla da ridire. Io ti ho insegnato la scienza e poi ho rinnegato la verità.
    Ma questo cambia tutto! Tutto!
    Davvero?
    Avete nascosto la verità! Contro il nemico. Anche sul terreno dell'etica ci precedevate di secoli.
    Spiegati, Andrea.
    Noi ripetevamo all'uomo della strada: «Morirà ma non abiurerà». E voi siete tornato dicendoci: «Ho abiurato, ma vivrò». Noi allora: «Vi siete sporcate le mani». E voi: «Meglio sporche che vuote». (Andrea e Galileo dopo che questo gli consegna il manoscritto: XIV)
  • Non credo che la scienza possa proporsi altro scopo che quello di alleviare la fatica dell'esistenza umana. Se gli uomini di scienza non reagiscono all'intimidazione dei potenti egoisti e si limitano ad accumulare sapere per sapere, la scienza può rimanere fiaccata per sempre, ed ogni nuova macchina non sarà che fonte di nuovi triboli per l'uomo. E quando, coll'andar del tempo, avrete scoperto tutto lo scopribile, il vostro progresso non sarà che un progressivo allontanamento dall'umanità. (Galileo: XIV)

Citazioni su Vita di Galileo[modifica]

  • Non c'è reazionario più implacabile dell'innovatore fallito, non c'è nemico degli elefanti selvatici più crudele dell'elefante addomesticato.
  • Le immagini del mattino e della notte traggono in inganno. I tempi felici non nascono così come un mattino succede a una notte d'inverno.
  • Il misfatto di Galileo può esser considerato il «peccato originale» delle scienze naturali moderne. Della moderna astronomia, che interessava profondamente una classe nuova, la borghesia, perché appoggiava le correnti sociali rivoluzionarie dell'epoca, egli fece una scienza specialistica strettamente limitata, la quale naturalmente proprio grazie alla sua «purezza», ossia alla sua indifferenza per il sistema di produzione, poté svilupparsi relativamente indisturbata. La bomba atomica, come fenomeno tecnico non meno che sociale, è il classico prodotto terminale delle sue conquiste scientifiche e del suo fallimento sociale.

Versi[modifica]

  • La notte del suo primo parto | era stata fredda. | Ma coll'andar degli anni | non si ricordò più | del gelo fra le travi angosciose e le fumide stufe, | della nausea che segue al parto subito prima dell'alba. | Ma soprattutto dimenticò l'amara vergogna | di non essere sola | che è sorte dei poveri. | In particolare per questa ragione | coll'andare degli anni ne venne una festa | dove nulla mancava. | Le rozze chiacchiere dei pastori tacquero. | Più tardi la storia ne fece dei re. (da Poesie di Natale citato in Frederic Ewen, Bertold Brecht)
  • Tu chiedi che ne è di quell'amore?
    […]
    Pure il suo volto più non lo rammento,
    questo rammento: l'ho baciato un giorno.
    (da Ricordo di Marie A.)
  • Quello che è consueto, vi possa sorprendere!
    Nella regola riconoscete l'abuso
    e dove l'avete riconosciuto
    procurate il rimedio!
  • Vi sono due lingue in alto e in basso
    e due misure per misurare,
    e chi ha viso umano
    più non si riconosce.
    Ma chi è in basso, in basso è costretto
    perché chi è in alto, in alto rimanga.
  • Per pensare di dove venga e dove | vada, chi è in basso, | nelle belle serate, | troppo è sfinito. (da Poesie di Svendborg)
  • Se chi è in basso non pensa | alla bassezza, mai | potrà venire in alto. (da Poesie di Svendborg)
  • I governi | firmano patti di non aggressione. ! Uomo qualsiasi, | firma il tuo testamento. (da Poesie di Svendborg)
  • Generale, l'uomo fa di tutto. | Può volare e può uccidere. | Ma ha un difetto: | può pensare. (da Poesie di Svendborg)
  • Se dovessero suonare le campane della vittoria | porterete in giro gli elenchi dei caduti. (da Poesie di Svendborg)
  • Chi non batte ciglio | alla vista di sanguinosi delitti conferisce loro propriamente | l'apparenza delle cose naturali. Designa | il crimine atroce come alcunché di scarsa rilevanza quale è | la pioggia e, come la pioggia, altrettanto inevitabile. (da Poesie di Svendborg)
  • E c'è ancora qualcosa che rende pensierosi | sullo scopo della propaganda: quanto più propaganda c'è nel nostro paese, | tanto meno c'è di tutto il resto. (da Poesie di Svendborg)
  • Il rifugiato siede nella valletta dei salici e torna | a riprendere ancora il suo arduo mestiere: sperare. (da Poesie di Svendborg)

I fucili di Madre Carrar[modifica]

Incipit[modifica]

La Madre: Vedi ancora la barca di Juan?
Il Giovane: Sì
La Madre: Nessun'altra barca l'ha raggiunta?
Il Giovane: No. (Pausa)
La Madre: Strano. Perché in mare non c'è nessun altro?
Il Giovane: Ma lo sai.
La Madre: (Pazientemente) Se lo chiedo, vuol dire che non lo so.
Il Giovane: Non c'è nessuno, oltre Juan, perché ora hanno altro da fare che pescare.
La Madre: Ah, sì. (Pausa).
Il Giovane: E neanche Juan sarebbe lì fuori se dipendesse da lui.
La Madre: Sicuro. Non dipende da lui!

Citazioni[modifica]

  • Ho letto spesso che gli uomini che si lavano le mani nell'innocenza, in realtà se la lavano in un catino pieno di sangue.
  • Se non si osa nulla non si può neppure vincere nulla.

Citazioni sull'opera[modifica]

  • I fucili di Madre Carrar (che è tra l'altro, l'adattamento di un dramma dello scrittore irlandese J. M. Synge) restano un esempio assai efficace di come il teatro possa essere uno strumento di eccezionale utilità se alla giustezza dell'uso s'accompagna la grandezza dello scrittore. (Luciano Lucignani)

Citazioni su Bertolt Brecht[modifica]

  • Brecht non può esser confuso con quelli che chiamiamo «scrittori di propaganda»: il rigore intellettuale e la coerenza morale di cui la sua vita fu una prova continua, lo escludono in modo assoluto; e per questo il suo teatro esercita una così grande influenza sulla nuova drammaturgia europea restituendo con naturale semplicità quest'arte alla sua funzione sociale e adeguandola alle nostre nuove necessità di uomini che sanno di avere, comunque, un futuro. (Luciano Lucignani)
  • [Bob Dylan e Bertolt Brecht] Entrambi hanno un messaggio: mettere fine alle cose come sono. Perfino in assenza di un qualsiasi contesto politico, le loro opere evocano, per un fuggevole momento, l'immagine di un mondo liberato e il dolore di un mondo alienato. (Herbert Marcuse)

Note[modifica]

  1. Citato in Enrico Baraldi, Alberto Romitti, Verrà mai il giorno in cui non ci sarà la sera?, Baldini&Castoldi, Milano, 1994, p. 28. ISBN 88-859-8740-0
  2. Citato in Vittorio Foa, Carlo Ginzburg, Un dialogo, Feltrinelli, 2003, p. 49: «Tutti gli interventi (Malraux eccetera) parlavano di democrazia e socialismo. Arrivò Brecht che fece un discorso brevissimo: compagni, parliamo dei rapporti di produzione. Praticamente disse solo questo».
  3. Corriere della Sera, 16 maggio 2010.

Bibliografia[modifica]

  • Bertolt Brecht, Vita di Galileo (1938-39), traduzione di Emilio Castellani, in Teatro, vol. 2, a cura di Emilio Castellani, Giulio Einaudi Editore, 1963.
  • Bertolt Brecht, Madre Courage e i suoi figli (Mutter Courage und ihre Kinder), introduzione di Luigi Forte, traduzione di Ruth Leiser e Franco Fortini, Giulio Einaudi Editore, 2001.
  • Frederic Ewen, Bertold Brecht. La vita, l'opera, i tempi, traduzione di A. D'Anna, Feltrinelli Editore, 2005.
  • Bertolt Brecht, I capolavori, 3a edizione, a cura di Hellmut Riediger, traduzione di Emilio Castellani, Ruth Leiser, Franco Fortini, Laura Pandolfi, Ginetta Pignolo e Nello Sàito, Giulio Einaudi Editore, 2005. ISBN 9788806174279
  • Bertolt Brecht, I fucili di Madre Carrar, traduzione di Giuseppina Panzieri, Giulio Einaudi, Torino 1961.

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]