Dwight D. Eisenhower

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Dwight David Eisenhower)
Dwight David Eisenhower

Dwight David Eisenhower (1890 – 1969), militare e uomo politico statunitense, trentaquattresimo Presidente degli Stati Uniti d'America.

Citazioni di Dwight D. Eisenhower[modifica]

  • L'agricoltura sembra molto semplice quando il tuo aratro è una matita e sei a un migliaio di miglia dal campo di grano.[1]
  • Le cose sono più simili a come sono ora che a come sono mai state in precedenza.[2]
  • Un ateo è una persona che guarda la finale del campionato di football e non si preoccupa di sapere chi vincerà.[3]
  • Per essere atei non è necessario possedere un cervello.
It takes no brains to be an atheist.[4]
  • [Riferito all'Italia] Stiamo per invadere un Paese ricco di storia, di cultura e d'arte come pochissimi altri. Ma se la distruzione di un bellissimo monumento può significare la salvezza di un solo G.I.[5], ebbene, si distrugga quel bellissimo monumento.[6]

Che cos'è il comando?[modifica]

Incipit[modifica]

Quando Churchill morì lo scorso gennaio, la spontanea dimostrazione di affetto e ammirazione che giunse da ogni parte del mondo fu un tributo a un uomo grande e nobile. Ma fu anche qualcosa di più: fu un fulgido omaggio alle doti di comando. Il mondo ha sempre attribuito grande valore all'arte del comando e nella persona di Sir Winston Churchill tutti riscontravano un superbo complesso di quelle caratteristiche che elevano e ispirano l'animo umano.[7]

Citazioni[modifica]

  • [...] è impossibile sezionare la mente e l'animo umano, per individuarne le singole parti.[7]
  • Un mio vecchio e stimato comandante soleva dire: «Prendete sempre sul serio il vostro compito e mai voi stesso.»[7]
  • Konrad Adenauer [...] è stato una delle poche figure politiche del suo Paese che ebbe il coraggio di opporsi a Adolf Hitler. Anche dopo che il nazismo ebbe conquistato il potere, egli continuò a propugnare fermamente e apertamente i principi della democrazia, il che lo portò a passare un periodo di tempo in carcere.[7]
  • Il Generale Charles De Gaulle, io lo stimo e lo ammiro. La maggiore delle sue molte e splendide virtù è stata la sua indomabile volontà di ridare alla Francia una posizione di gloria e di prestigio.[7]
  • Strettamente legato alla dedizione è un altro fattore fondamentale dell'arte del comando: la forza d'animo, la capacità di resistere alle avversità, di risollevarsi dalla sconfitta e di dare ancora battaglia, d'imparare dai propri errori e di muovere risolutamente verso la meta finale. Il classico esempio americano di questa virtù è Giorgio Washington. A parte uno o due piccoli successi, Washington non ebbe la soddisfazione di nessuna importante vittoria militare fino alla resa finale del generale inglese Cornwallis, a Yorktown.[7]
  • Sono convinto che un capo debba avere l'umiltà di accettare pubblicamente la responsabilità degli errori dei subordinati che ha scelto e che, del pari, debba riconoscere pubblicamente il merito dei loro successi.[7]
  • Chiunque compia bene il suo lavoro, chiunque abbia una giustificata fiducia in se stesso e non si lasci turbare senza motivo dallo scherno dei cinici e degli scansafatiche, chiunque rimanga fedele al suo onesto proposito e tenga gli altri nella giusta considerazione è essenzialmente un capo.[7]

Citazioni su Dwight D. Eisenhower[modifica]

  • Roosevelt [Franklin Delano] dimostrò che la Presidenza [degli Stati Uniti d'America] può essere un mestiere da esercitarsi vita natural durante. Truman ha dimostrato che chiunque può fare il Presidente. Eisenhower, che non v'è in realtà bisogno di un Presidente. Kennedy, che può essere pericoloso avere un Presidente...[8]

Note[modifica]

  1. Citato in Dario Bressanini e Beatrice Mautino, Contro natura, Milano, Rizzoli, 2015, p. 158. ISBN 978 88 17 08092 7
  2. Citato in John D. Barrow, I numeri dell'universo, Mondadori 2004.
  3. Citato in Marco Pastonesi e Giorgio Terruzzi, Palla lunga e pedalare, Dalai Editore, 1992, p. 67. ISBN 88-8598-826-2
  4. Citato in Ray Comfort , The Bible evidence, Bridge-Logos Publishers, 2002, p. 1. ISBN 978-0-88270-897-3
  5. G.I. è (originariamente) l'acronimo di Galvanized Iron, che indicava gli oggetti forniti ai componenti dell'Esercito e dell'Aeronautica militare statunitense (ad esempio gavette) che erano di ferro "galvanizzato", cioè trattato per impedire che si arrugginisca. Di qui il soprannome popolare che veniva attribuito ai soldati di quelle Forze Armate. Per approfondire vedi qui.
  6. Citato in Giorgio Bonacina, Obiettivo: Italia - I bombardamenti aerei delle città italiane dal 1940 al 1945, Mursia, Milano 1970, p. 209. ISBN 88-425-3517-6
  7. a b c d e f g h Citato in Selezione dal Reader's Digest, agosto 1965.
  8. Dall'apologo dei magnati americani dell'acciaio durante la controversia con il Presidente John Fitzgerald Kennedy; citato in Piero Buscaroli, Una nazione in coma, Argelato (BO), Minerva Edizioni, 2013, p. 162. ISBN 978-88-7381-494-8

Altri progetti[modifica]

Presidenti degli Stati Uniti d'America Sigillo del Presidente degli Stati Uniti d'America
George Washington (1789-1797) | John Adams (1797-1801) | Thomas Jefferson (1801-1809) | James Madison (1809-1817) | James Monroe (1817-1825) | John Quincy Adams (1825-1829) | Andrew Jackson (1829-1837) | Martin Van Buren (1837-1841) | William Henry Harrison (1841-1841) | John Tyler (1841-1845) | James Knox Polk (1845-1849) | Zachary Taylor (1849-1850) | Millard Fillmore (1850-1853) | Franklin Pierce (1853-1857) | James Buchanan (1857-1861) | Abramo Lincoln (1861-1865) | Andrew Johnson (1865-1869) | Ulysses Simpson Grant (1869-1877) | Rutherford B. Hayes (1877-1881) | James A. Garfield (1881-1881) | Chester Arthur (1881-1885) | Grover Cleveland (1885-1889) | Benjamin Harrison (1889-1893) | Grover Cleveland (1893-1897) | William McKinley (1897-1901) | Theodore Roosevelt (1901-1909) | William Howard Taft (1909-1913) | Thomas Woodrow Wilson (1913-1921) | Warren G. Harding (1921-1923) | Calvin Coolidge (1923-1929) | Herbert Hoover (1929-1933) | Franklin Delano Roosevelt (1933-1945) | Harry Truman (1945-1953) | Dwight D. Eisenhower (1953-1961) | John Fitzgerald Kennedy (1961-1963) | Lyndon B. Johnson (1963-1969) | Richard Nixon (1969-1974) | Gerald Ford (1974-1977) | Jimmy Carter (1977-1981) | Ronald Reagan (1981-1989) | George H. W. Bush (1989-1993) | Bill Clinton (1993-2001) | George W. Bush (2001-2009) | Barack Obama (2009-in carica)