Totò

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Totò nel film Totòtruffa 62

Totò, pseudonimo di Antonio Focas Flavio Angelo Ducas Comneno De Curtis Di Bisanzio Gagliardi, nato Antonio Vincenzo Stefano Clemente (1898 – 1967), attore, comico e poeta italiano.

Citazioni[modifica]

  • Al mio funerale sarà bello assai perché ci saranno parole, paroloni, elogi, mi scopriranno un grande attore: perché questo è un bellissimo paese, in cui però per venire riconosciuti qualcosa, bisogna morire.[1]
  • [Ultime parole ai medici, la notte prima della morte] Chi è che mi ha sparato questa fucilata al cuore? Adesso basta, lasciatemi morire.[2]
  • [La prima volta che vide Alberto Sordi] È capacino...[3]
  • Io da bambino ho avuto la meningite. Con la meningite si muore o si rimane stupidi. Io non so' morto.[4]
  • La diffidenza rende tristi.[5]
  • [Parlando di Mina] Quell'anima lunga che sembra un contrabbasso con tutte le corde a posto, quelle carni bianche da gelato alla crema, quella creatura che recita poco e male, ride al momento sbagliato, coprendosi la bocca con la mano. Ma se si spengono le luci e lei comincia a cantare, da quella voce escono grandi palcoscenici, pianto e risate.[6]

Poesie[modifica]

  • Io voglio bene a Napule | pecché 'o paese mio | è cchiù bello 'e 'na femmena, | carnale e simpatia. || E voglio bene a te | ca si napulitana | pecché si comm'a me | cu tanto 'e core 'mmano. (da Napule, tu e io)
  • Io songo nato addò sta 'e casa 'o sole. | 'O sole me cunosce 'a piccerilio; | 'o primmo vaso[7] 'nfronte, ero tantillo | m'ha dato quanno stevo int' 'o spurtone[8]. (da 'O Sole )

'A livella[modifica]

  • 'A morte 'o ssaje ched'è?... è una livella. (da 'A livella)
  • A Napule nun se po' sta cuieto[9]. | Aiere un brutto cane mascalzone | se ferma, addora, aiza 'a coscia 'e reto, | e po' mme fa pipi 'nfaccia 'o sciassì.(da Il cimitero della civiltà)
  • 'A stalla ll'aspettava Ludovico, | 'nu ciucciariello viecchio comme a isso: | pe' Sarchiapone chisto era n'amico, | cumpagne sotto 'a stessa 'nfamità. (da Sarchiapone e Ludovico)
  • E camminanno a ttaglio 'e 'nu burrone, | nchiurette ll'uocchie e se menaie abbascio. | Vulette 'nzerrà 'o libbro Sarchiapone, | e se ne jette 'o munno 'a verità. (da Sarchiapone e Ludovico)
  • Io stongo 'e casa 'o vico Paraviso, | tengo tre stanze all'urdemo piano, | 'int' 'a stagione, maneche e 'ncammisa, | mmocca nu miezo sigaro tuscano, | mme metto for' 'a loggia a respirà. (da Bianchina)
  • Ll'ammore è comme fosse nu malanno | ca, all'intrasatta, schioppa dint' 'o core | senza n'avvertimento, senza affanno, | e te po' ffa' murì senza dulore. (da Ll'ammore)
  • Nuje simmo serie... appartenimmo 'a morte! (da 'A livella)
  • Ogn'anno, il due novembre, c'è l'usanza | per i defunti andare al Cimitero. | Ognuno ll'adda fa' chesta crianza; | ognuno adda tené chistu penziero. (da 'A livella)
  • 'Sta Napule, riggina d' 'e ssirene, | ca cchiù 'a guardammo e cchiù 'a vulimmo bbene. | 'A tengo sana sana dinto 'e vvene, | 'a porto dinto 'o core, ch'aggia fa'? | Napule, si' comme 'o zzucchero, | terra d'ammore – che rarità! (da Zuoccole, tammorre e femmene)
  • Teneva diciott'anne Sarchiapone, | era stato cavallo ammartenato, | ma,.. ogne bella scarpa 'nu scarpone | addeventa c' 'o tiempo e cu ll'età. (da Sarchiapone e Ludovico)

Citazioni su Totò[modifica]

Lapide sulla tomba di Totò, cimitero di Santa Maria del pianto, Napoli
  • Amico mio questo non è un monologo, ma un dialogo perché sono certo che mi senti e mi rispondi. La tua voce è nel mio cuore, nel cuore di questa Napoli che è venuta a salutarti, a dirti grazie perché l'hai onorata. Perché non l'hai dimenticata mai, perché sei riuscito dal palcoscenico della tua vita a scrollarle di dosso quella cappa di malinconia che l'avvolge. Tu amico hai fatto sorridere la tua città, sei stato grande, le hai dato la gioia, la felicità, l'allegria di un'ora, di un giorno, tutte cose di cui Napoli ha tanto bisogno. I tuoi napoletani, il tuo pubblico è qui. Ha voluto che il suo Totò facesse a Napoli l'ultimo "esaurito" della sua carriera e tu, tu maestro del buonumore, questa volta ci stai facendo piangere tutti. Addio Totò, addio amico mio. Napoli, questa tua Napoli affranta dal dolore vuole farti sapere che sei stato uno dei suoi figli migliori e non ti scorderà mai. Addio amico mio, addio Totò. (Nino Taranto)
  • Chissà per quale strada Totò è riuscito ad arrivare nel mio cuore, nei nostri cuori. Il suo modo, non saprei adoperare la parola "mestiere" perché mi sembrerebbe addirittura riduttivo, il suo dono, la sua celestiale grazia, la sua classe infinita, il suo non essere mai volgare anche quando magari le battute lo erano, la sua faccia commovente da Cristo invecchiato, il timbro della sua voce, i suoi tempi comici inarrivabili, i suoi tempi tragici inarrivabili, tutto questo, pur se eccezionale, non può bastare per capire il suo successo inestinguibile. Ci deve essere proprio una specie di mistero, un miracolino, appunto. Sarà forse quella sua gestualità primordiale, quella mimica ancestrale, quel suo modo di essere diretto, che lo rende capace di conquistare tutti, anche i bambini che sono nati trent'anni dopo la sua scomparsa. Oppure la sua capacità di sollecitare ed elevare il "fanciullino" che risiede nel profondo di ogni essere umano. In ogni caso, Totò si rivela come una sorta di mago Merlino, che con le sue arti misteriose riesce a tirar fuori la parte migliore di noi. [...] Grazie, Totò. (Mina)
  • Con Totò forse abbiamo sbagliato tutto! Lui era un genio, non solo un grandissimo attore. E noi lo abbiamo ridotto, contenuto, obbligato a trasformarsi in un uomo comune tarpandogli le ali. (Mario Monicelli)
  • Dicono che Totò fosse principe. Una sera che eravamo a cena insieme diede una mancia di ventimila lire a un cameriere. Di solito i principi non danno simili mance, sono molto taccagni. Se Totò era principe, era dunque un principe molto strano. In realtà conoscendolo risultava un piccolo borghese, un uomo di media cultura, con un certo ideale di vita piccolo borghese. Come uomo. Ma come artista, qual è la sua cultura? La sua cultura è la cultura napoletana sottoproletaria, è di lì che viene fuori direttamente. Totò è inconcepibile al di fuori di Napoli e del sottoproletariato napoletano. (Pier Paolo Pasolini)
  • Dire che è stato grande è veramente fargli torto. (Bruno Amatucci)
  • È impossibile che tra il pubblico di oggi e Totò possa ristabilirsi quel tipo di complicità, di immedesimazione vendicativa o anche, a tratti, masochista che con Totò avevano il sottoproletario, il proletario, il piccolissimo borghese degli anni Cinquanta. (Goffredo Fofi)
  • Era attore nel vero senso della parola: non si portava appresso quello che era in effetti nella vita, ed era completamente diverso da come lo si vedeva sullo schermo. [...] Totò nel lavoro non ha mai fatto se stesso, ma ha interpretato altri personaggi, anche nei gesti, nel modo di muoversi. (Suso Cecchi D'Amico)
  • Ho provato a ingaggiare Totò per il mio film [Riferito a Ladri di cadaveri - Burke & Hare]. Ma è morto. (John Landis)
  • Il che m'indurrebbe a riflettere su come, in questo universo globalizzato in cui pare che ormai tutti vedano gli stessi film e mangino lo stesso cibo, esistano ancora fratture abissali e incolmabili tra cultura e cultura. Come faranno mai a intendersi due popoli di cui uno ignora Totò? (Umberto Eco)
  • La bellezza di Totò è la bellezza di Napoli. [...] Sono stato influenzato dall'esistenza di Totò sotto tutte le forme, per me era un mito. (Lucio Dalla)

Note[modifica]

  1. Parole riportate da Franca Faldini, compagna di Totò, in un'intervista di Maurizio Costanzo nel programma televisivo Bontà loro, 1977.
  2. Citato in Franca Faldini, Goffredo Fofi, Totò, Tullio Pironti editore, 1987, p. 128. Il testo è la ristampa di Totò: l'uomo e la maschera, Feltrinelli, 1977.
  3. Citato in Gino e Michele, Matteo Molinari, Le Formiche: anno terzo, Zelig Editore, 1995, § 1398.
  4. Durante il provino per Il ladro digraziato nel 1930; citato in Ennio Bìspuri, Totò, Guida Editori, 1997, p.12. ISBN 8871881575
  5. Citato in Giulio Andreotti, Visti da vicino: seconda serie, Rizzoli Editore, 1983, p. 94.
  6. Citato in Dora Giannetti, Divina Mina, Zelig Editore, Milano, 1998.
  7. Bacio.
  8. Grande cesto.
  9. Quieto.

Bibliografia[modifica]

  • Totò (Antonio De Curtis), 'A livella, Fausto Fiorentino Editrice S.p.A., Napoli, 19782 (1964).

Altri progetti[modifica]