Intelligenza

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Citazioni sull'intelligenza e gli intelligenti.

  • Bisogna ridare all'intelligenza il senso della verità. (René Voillaume)
  • Ci sono persone nelle quali la loro intelligenza serve solo a nascondere la loro pochezza. (Pär Fabian Lagerkvist)
  • Di fronte agli sciocchi e agli imbecilli esiste un modo solo per rivelare la propria intelligenza: quello di non parlare con loro. (Arthur Schopenhauer)
  • E del resto ostentare la propria intelligenza è una cosa volgare, ancor più volgare... che mostrare la propria ricchezza. (Ayn Rand)
  • E molte persone hanno una specie di bug: credono che l'intelligenza sia un fine. Hanno un'unica idea in testa: essere intelligenti, e questa è una cosa stupidissima. E quando l'intelligenza crede di essere uno scopo, funziona in modo strano: non dimostra la sua esistenza con l'ingegno e la semplicità dei suoi frutti, bensì con l'oscurità della sua espressione. (Muriel Barbery)
  • Ho grande opinione che voi ancora non l'intendiate, ma abbiate imparato a mente quelle parole scritte da qualcuno per desiderio di contraddire e mostrarsi più intelligente dell'avversario, mostrarsi, però, a quelli che, per apparir eglino ancora intelligenti, applaudono a quello che e' non intendono, e maggior concetto si formano delle persone secondo che da loro son manco intese. (Galileo Galilei)
  • I tre quarti delle malattie delle persone intelligenti provengono dalla loro intelligenza. (Marcel Proust)
  • Il dubbio, la memoria, la consapevolezza conseguente all'errore e perfino il riposo sono funzioni di vario genere, ma tutte tipiche dell'intelligenza. (Bhāgavata Purāṇa)
  • Il problema dell'umanità è che gli stupidi sono strasicuri, mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi. (Bertrand Russell)
  • Il pudore è l'intelligenza della donna. (Libero Bovio)
  • Kant concepisce l'intelligenza alla stregua di un tubo digerente: essa non sarebbe capace di una assimilazione immateriale che le permetta di cogliere l'essenza di una cosa pur rispettandola pienamente, ma funzionerebbe in modo simile ad una assimilazione corporea, che frantuma la cosa sotto i denti di solidi concetti e la riduce alla sua propria sostanza. (Fabrice Hadjadj)
  • L'intelligenza, come muscolo di sopravvivenza, cominciò ad avere successo fin dall'età primitiva, quando consentì all'uomo di costruirsi armi migliori e sopraffare un nemico più forte fisicamente: oggi noi rifiutiamo la violenza, proprio perché abbiamo creato una diversa scala di priorità nella sopravvivenza: quella dell'intelligenza.
    Dobbiamo però renderci conto che anche l'intelligenza è a suo modo violenta, perché tende ad affermarsi e a soppiantare taluni valori con altri. Anch'essa fa parte della legge del più forte, quindi dell'evoluzione. (Piero Angela)
  • L'intelligenza è la facoltà mediante la quale noi comprendiamo finalmente che tutto è incomprensibile: e guardiamo le cose dal fondo dell'illusione umana. (Maurice Maeterlinck)
  • L'intelligenza è poco più di un doppio decimetro col quale vengono misurate le opere infinite delle circostanze. (Francis Scott Fitzgerald)
  • L'intelligenza è una categoria morale. (Theodor Adorno)
  • L'intelligenza è una pianta che va curata continuamente. Dovreste vedere com'è bello, il mio bonsai. (Rat-Man)
  • L'intelligenza non è mai astratta. (Angelo Fiore)
  • L'intelligenza non è non commettere errori, ma scoprire subito il modo di trarne profitto. (Bertolt Brecht)
  • L'intelligenza non è applicabile alla legge del profitto. L'intelligenza si affina e si perde. (Aldo Busi)
  • L'intelligenza non ha valletti, si serve da sé. (Aldo Busi)
  • L'intelligente non sa ascoltare e lo sciocco non sa parlare. (Oscar Wilde)
  • L'uomo ha ragione di ritenersi superiore a tutto l'universo delle cose, a motivo della sua intelligenza, con cui partecipa della luce della mente di Dio. (Gaudium et Spes)
  • La intelligenza deve deliberare, il valore eseguire. (Friedrich Julius Stahl)
  • Non credo nell'intelligenza come dote a sé. Accompagnata dall'energia e dalla buona volontà può dare ottimi frutti. Sola, non approda a nulla. (John Hersey)
  • Non vi è intelligenza senza emozione. Ci può essere emozione senza molta intelligenza, ma è cosa che non ci riguarda. (Ezra Pound)
  • Ogni dollaro vale un dollaro e sei centesimi per un uomo intelligente. (Ezra Pound)
  • Più uno è intelligente, più sono le persone che uno trova originali: la gente ordinaria non vede differenza tra gli uomini. (Blaise Pascal)
  • Potete giudicare quanto intelligente è un uomo dalle sue risposte. Potete giudicare quanto è saggio dalle sue domande. (Naguib Mahfouz)
  • Quando le cose vanno bene, ci sentiamo intelligenti: è solo quando vanno male, che ci riteniamo sfortunati. (Gianni Monduzzi)
  • Si è così profondi, ormai, che non si vede più niente. A forza di andare in profondità, si è sprofondati. Soltanto l'intelligenza, l'intelligenza che è anche «leggerezza», che sa essere «leggera», può sperare di risalire alla superficialità, alla banalità. (Leonardo Sciascia)
  • Una sola forza può ancora opporsi alla follia generale: l'intelligenza illuminata dalla fede. (Raïssa Maritain)

Proverbi italiani[modifica]

  • A buon intenditor poche parole.
  • Chi non sa non dubita, e chi non dubita non intende.
  • La felicità dell'uomo dipende da tre "bene": intender bene, voler bene, far bene.

Bibliografia[modifica]

  • Annarosa Selene, Dizionario dei proverbi, Pan libri, 2004. ISBN 8872171903

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]