Samuel Butler

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Samuel Butler

Samuel Butler (1835 – 1902), scrittore inglese.

  • A parte l'uomo, tutti gli animali sanno che lo scopo principale della vita è godersela.[1]
  • Definire significa rinchiudere la sconfinata foresta dell'idea in un muro di parole.[2]
  • Le macchine servono l'uomo soltanto a patto di essere servite, e pongono loro stesse le condizioni di questo mutuo accordo [...].
    Quanti uomini vivono oggi in stato di schiavitù rispetto alle macchine? Quanti trascorrono l'intera vita, dalla culla alla morte, a curare notte e giorno le macchine? Pensate al numero sempre crescente di uomini che esse hanno reso schiavi, o che si dedicano anima e corpo al progresso del regno meccanico: non è evidente che le macchine stanno prendendo il sopravvento su di noi? [...] Non ci sono forse più uomini impegnati a curare le macchine che a curare i propri simili?[3]
  • Non sempre il silenzio significa tatto: è il tatto ch'è d'oro, non il silenzio.[4]
  • Si può apprendere un'arte solo nelle botteghe di coloro che con quella si guadagnano la vita.[3]
  • Un'attenuante per il diavolo: bisogna ricordare che abbiamo sentito solo una versione dei fatti. Dio ha scritto tutti i libri.[2]

Dizionario dei luoghi non comuni[modifica]

  • C'è solo una cosa ancor più vana della vanità dei desideri: l'assenza dei desideri.
  • I miei pensieri sono come persone incontrate in un viaggio; all'inizio sembrano molto piacevoli ma, di norma, me ne stanco presto.
  • La vita è come suonare un assolo di violino in pubblico e imparare a suonare lo strumento mentre si suona.
  • Mettersi nelle mani di Dio è solo un modo più lungo di dire che ci si affida al caso.
  • Ogni forma di progresso è basata sul desiderio innato e universale di ogni organismo di vivere al di sopra dei propri mezzi.
  • Una gallina è il solo modo di un uovo per fare un altro uovo.

[Samuel Butler, Dizionario dei luoghi non comuni, a cura di Guido Almansi, Guanda.]

Taccuini[modifica]

  • È meglio aver amato e perduto che non aver mai amato.[5]
  • Il pubblico compra le sue opinioni così come compra la carne, o il latte, partendo dal principio che è meno caro far questo che mantenere una mucca. Ed è vero, ma è più probabile che il latte sia annacquato.
  • La storia dell'arte è la storia dei revival.
  • Poco importa che cosa odiamo, purché odiamo qualcosa.
  • Qualsiasi opera di un uomo, si tratti di letteratura o musica o pittura o architettura, è sempre un suo ritratto.
  • Un Dio onesto è la più nobile opera dell'uomo.

Note[modifica]

  1. Citato in Gianluca Gambirasio, Mille aforismi e citazioni ad uso aziendale e non solo, Olympos, 2009, p. 12. ISBN 978-88-904685-0-6
  2. a b Citato in Guido Almansi, Il filosofo portatile, TEA, Milano, 1991.
  3. a b Da Erewhon.
  4. Citato in Selezione dal Reader's Digest, agosto 1965, p. 76.
  5. Citato in Dammi mille baci, e ancora cento. Le più belle citazioni sull'amore, a cura delle Redazioni Garzanti, Garzanti, 2013.

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]