Coming out dai film

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Raccolta di coming out tratti dai film.

Coming out dai film[modifica]

  • – La questione è che io non scrivo necessariamente delle cose che disprezzo. Più che altro scrivo di quelle che mi spaventano.
    – Io sto con te.
    – Ciò è esattamente come quando dico cose sulle donne e quella roba là. Penso che molto dipende da tutte le storie che ho vissuto tipo, sai, quei vecchi casini con mia madre, capisci?
    – Con tua madre...
    – Oppure, sai, quando dico qualcosa sui gay e la gente pensa che i miei pezzi siano omofobici. Sì, ma è perché sono gay. O quando scrivo di violenza e la gente crede che sono a favore della violenza...
    – Aspetta...
    – È una cosa che faccio fin dall'inizio. Sai, è come se usassi le canzoni per affrontare le mie paure.
    – Ehm, ora facciamo un piccolo passo indietro. Tu prima hai detto che tu sei gay? Ah, sono piuttosto curioso di sapere cosa intendevi esattamente.
    – Che sono gay.
    – Ah, scusa, sono un po' confuso perché la parola gay è aperta a molte interpretazioni...
    – Sono omosessuale.
    – Nel senso...?
    – Mi piacciono gli uomini.
    [...]
    – Saranno probabilmente scioccati da quello che tu hai appena affermato.
    – Io sono più scioccato dal fatto che non l'avevano capito. Cioè, finora ho giocato a gay bubusettete. (The Interview)
  • – S-se a me non piacesse stare con Joan in quel modo?
    – Perché, sei omosessuale? [Silenzio] Lo sospettavo.
    – D-dovrei dirle che ho... ho avuto rapporti con uomini?
    – Oh, sai, per la mia sinceramente limitata esperienza le donne non la prendono bene se scoprono di aver sposato un omosessuale. (The Imitation Game)
  • – Ti devo dire una cosa. Io sono... sono omosessuale.
    – D'accordo.
    – M-maschi Joan, non femmine.
    – E allora?
    – Ma ti ho detto perché...
    – E allora? Avevo dei sospetti da sempre, ma noi non siamo come le altre persone. Noi ci amiamo a modo nostro e possiamo vivere la vita che vogliamo. Tu non sarai il marito perfetto, ma io non ho la minima intenzione di essere la moglie perfetta. Non voglio prepararti l'agnello mentre... mentre tu sei al lavoro. Lavorerò. Tu lavorerai e ognuno avrà la compagnia dell'altro. La compagnia e la mente. Sarà meglio di tanti altri matrimoni perché... perché io ci tengo a te e tu tieni a me. E ci capiamo come nessuno ha mai capito noi. (The Imitation Game)
  • – Vuoi tu, Emily, prendere quest'uomo come tuo legittimo sposo per amarlo e onorarlo finché morte non vi separi?
    – Lo voglio.
    – E tu, Howard, vuoi prendere questa donna come tua legittima sposa per amarla e onorarla finché morte non vi separi?
    – Sono gay. (In & Out)

Voci correlate[modifica]