Giuramenti dai libri

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Raccolta di giuramenti tratti dai libri.

  • Ad ogni modo, sono quasi contento che abbiano inventato la bomba atomica. Se c'è un'altra guerra, vado a sedermici sopra, accidenti. E ci vado volontario, lo giuro su Dio. (J.D. Salinger)
  • Athalanthar sarà libera dai maghi malvagi. Lo giuro su Mystra: porterò a termine il mio impegno o perirò nell'intento. (Forgotten Realms)
  • «Concedimi una grazia» disse. «Fissami negli occhi in modo ch'io possa vedere se il tuo sguardo è fermo. E ora rispondimi: sono io Miles Hendon?»
    «No, non ti conosco.»
    «Giuralo.»
    La risposta fu sommessa, ma chiara: «Lo giuro». (Mark Twain)
  • Così Tom ha tirato fuori un pezzo di carta che ci aveva scritto su il giuramento, e ce lo ha letto. Ogni ragazzo doveva giurare fedeltà alla banda, e di non rivelare mai a nessuno i suoi segreti, e se qualcuno faceva del male a un ragazzo della banda, chiunque riceveva l'ordine di uccidere quella persona e la sua famiglia doveva farlo, e non poteva né dormire né mangiare finché non li aveva assassinati tutti e gli aveva tracciato col pugnale una croce sul petto, che era il segno della banda. E nessuno che non apparteneva alla banda poteva usare quel segno, e se lo usava doveva essere perseguito, e se lo usava ancora una volta allora bisognava ammazzarlo. E se qualcuno che apparteneva alla banda rivelava i suoi segreti, allora bisognava tagliargli la gola, e poi bruciare il cadavere e disperdere le ceneri, e il suo nome doveva essere cancellato col sangue dalla lista e non essere mai più menzionato dalla banda, ma esecrato e dimenticato, per sempre. (Mark Twain)
  • – Giuralo sulla mia testa.
    – Te lo giuro.
    – Di', giuro sulla tua testa che non ci torno più.
    – Giuro sulla tua testa che non ci torno più. (Niccolò Ammaniti)
  • «Giuratemi che non farete niente per <sapere>,» insisté lei. «Giuratemi che non entrerete più nel mio camerino se non vi chiamerò io.»
    «E voi promettete di chiamarmi qualche volta, Christine?»
    «Ve lo prometto.»
    «Quando?»
    «Domani.»
    «Allora ve lo giuro!» (Gaston Leroux)
  • "Huck Finn e Tom Sawyer giura che terranno la bocca chiusa su questo e possano cascare morti per strada se parlano e marcire lì". (Mark Twain)
  • «Invoco Solinari, Dio della Luna d'Argento. Invoco Lunitari, Dea della Luna Rossa. Invoco Nuitari, Dio della Luna Oscura. Siate testimoni del mio giuramento. Giuro sulla magia, che per noi tutti è sacra, che quanto sto dicendo è la verità. Se sto mentendo, o dei, privatemi della vostra benedizione, lasciate che le parole della magia sfuggano alla mia mente! Che i componenti dei miei incantesimi si mutino in polvere! Che le mie pergamene brucino! Che la mano mi venga recisa dal polso». (Dragonlance)
  • Le fece delle promesse e le giurò che le avrebbe mantenute. Che l'avrebbe portata tra le montagne, dove avrebbe trovato altri della sua specie. (Cormac McCarthy)
  • Maestà, se ci concedi questo dono, prometto a te e a tutte le altre creature qui presenti che il mio popolo diventerà la più grande fonte di guai per la razza umana. Saremo per loro un tormento costante e una continua afflizione; distruggeremo il loro raccolto, scaveremo sotto le loro recinzioni, rovineremo i loro orti senza tregua, giorno e notte. (Richard Adams)
  • Mi si venga a cercare qui, in mezzo alla natura selvaggia [...] Incontreranno la Tigre libera, pronta a tutto, risoluta a tutto.
    Solchino pure, i loro furfanti incrociatori, le acque dell'isola; lancino pure i loro soldati attraverso le boscaglie; chiamino pure in loro aiuto tutti gli abitanti di Vittoria, io passerò egualmente fra le loro baionette ed i loro cannoni. Ma ritornerò in breve, o fanciulla celeste, te lo giuro, ritornerò qui, alla testa dei miei valorosi, non da vinto, ma come vincitore e ti strapperò per sempre da questi luoghi esecrati! ((Emilio Salgari)
  • Perché non ho seguito Duani nel Luogo del Sonno? Avrei potuto strisciare! Mi sarei potuto trascinare su quelle pietre. E giuro su Dio che vorrei averlo fatto. Vorrei essere morto con Shandakor! (Leigh Brackett)

Robert Louis Stevenson[modifica]

  • Andate pure, giovanotto, perché farò compagnia al vostro amico e al mio aiutante fino al coprifuoco... ma che dico? fino a quando tornerà fuori il sole, che Maria Vergine mi sia testimone! Perché, vedete, quando un uomo è stato troppo in mare, ha il sale dappertutto, fin nel midollo delle ossa, e può bere un pozzo intero senza riuscire a cavarsi la sete.
  • «E tu» soggiunse rivolto a Matcham «giura di seguirmi fino al castello.»
    «Giuro sul mio onore» rispose Matcham.
    «Ma che onore! Che me ne faccio del tuo onore?» gridò il cavaliere. «Giura sulla salute di tua madre».
    Matcham prestò il giuramento richiesto e Sir Daniel si calò nuovamente il cappuccio sul volto e preparò campanella e bastone.
  • «Richard Shelton» disse Sir Oliver «tu esigi da me un giuramento. Avrei diritto di dolermi di ciò e di negartelo; ma il passato mi rende tenero con te, tanto da indurmi a darti la soddisfazione che mi chiedi. Sulla vera e Santa Croce di Holywood non ho ucciso tuo padre.» (2014, p. 109)
  • «Sulla mia mano destra» gridò [Sir Daniel Brackley] «giuro di vendicarlo. [Selden] Se mancherò di parola, se non manderò al Creatore dieci anime per ciascuno dei miei uomini uccisi, possa questa mano cader secca dal mio corpo. Ho piegato quel Duckworth come si piega un fuscello, l'ho ridotto a mendicare davanti a casa sua, gli ho bruciato il tetto sulla testa, l'ho cacciato dal paese e adesso torna a sfidarmi? Bada, Duckworth, questa volta la pagherai cara!»
  • Sulla mia parola d'onore, sulla salvezza eterna della mia anima, e com'è vero che dovrò rispondere di ogni mio atto, non ebbi parte né responsabilità nella morte di tuo padre.
  • Traditore insolente! Faccio giuramento più grande d'ogni più grande giuramento che per ogni goccia di sangue che mi cola negli occhi strapperò un urlo di dolore dalla tua carcassa. Portatelo a casa mia. Applicherò una tortura diversa a ogni giuntura del suo corpo!