Lilo & Stitch

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Lilo & Stitch

Immagine Logo Lilo & Stitch.svg.
Titolo originale

Lilo & Stitch

Lingua originale inglese, hawaiano
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2002
Genere Animazione
Regia Chris Sanders, Dean DeBlois
Sceneggiatura Chris Sanders, Dean DeBlois
Produttore Clark Spencer
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
Note
  • Nominato ad un premio Oscar (2003):
    • Miglior film d'animazione

Lilo & Stitch, film statunitense d'animazione della Disney del 2002, diretto dai registi Chris Sanders e Dean DeBlois.

Incipit[modifica]

Presidentessa del consiglio: Leggete i capi d'imputazione.
Gantu: Dottor Jumba Jookiba, scienziato capo delle industrie per la difesa delle galassie, lei si trova di fronte a questo consiglio con l'accusa di avere effettuato esperimenti genetici illegali.
Presidentessa del consiglio: Come si dichiara?
Jumba: No colpevole! Miei esperimenti sono squisitamente teorici e si sono svolti in limiti di legalità!
Presidentessa del consiglio: Eppure noi riteniamo che lei abbia creato qualcosa, dottore.
Jumba: Creato qualcosa? Ma questo sarebbe altamente irresponsabile e contro etica! Io non potrei mai, mai... [Stitch viene rivelato al consiglio] crearne un altro come questo. [Stitch ringhia e si scaraventa contro la cupola]
Gantu: Che cos'è quella mostruosità?
Jumba: Mostruosità, lei chiama? Quello che avete davanti è primo esemplare di nuova specie. L'ho chiamato Esperimento 626. A prova di proiettile e di fuoco, pensa più velocemente di un supercomputer! Riesce a vedere in buio e sposta oggetti tremila volte più grandi di lui! Suo unico istinto è quello distruggere tutto quello che tocca! [risata da maniaco]
Presidentessa del consiglio: Perciò è davvero un mostro.
Jumba: Sì, ma piccolissimo.
Gantu: È un affronto alla natura! Deve essere distrutto!
Presidentessa del consiglio: Si calmi, capitano Gantu. Forse possiamo comunicare con lui. Esperimento 626, dacci un segno che riesci a capirci. Dimostra a questo consiglio dentro di te c'è qualcosa di buono.
Stitch [schiarendosi la voce per attirare le attenzioni del consiglio]: Meega nala kweesta! (Voglio distruggere!) [il consiglio è sconvolto]
Presidentessa del consiglio: Che linguaggio sconcio! [Stitch ride istericamente]
Jumba: Quello non l'ho insegnato io!
Gantu: Arrestate subito quell'idiota di scienziato!
Jumba: Preferirei essere chiamato genio di male!
Presidentessa del consiglio: Per quanto riguarda quell'abominio, è il prodotto malriuscito di una mente distorta! Per lui non c'è posto fra noi. Capitano Gantu, lo porti via.
Gantu: Con immenso piacere!

Frasi[modifica]

  • [Leggendo un giornale nella sua prima pagina] "Arrestato scienziato idiota"?! [scoppia arrabbiato distruggendo tutto e divora il giornale] (Jumba)
  • Cosa si prova quando non si ha niente, nemmeno dei ricordi cui aggrapparsi, quando è notte fonda? (Jumba)
  • "Ohana" significa famiglia e famiglia vuol dire che nessuno viene abbandonato o dimenticato. (Lilo)
  • [A Stitch] Sai, tu rompi tutto quello che tocchi. Perché non costruisci qualcosa, invece? (Lilo)
  • Pronto, Cobra Bubbles? Gli alieni stanno attaccando la mia casa! (Lilo)
  • [A Stitch riferita alla fotografia sotto il suo cuscino] Questi eravamo noi una volta. Stava piovendo, e i miei erano usciti in macchina. Ai tuoi cos'è successo? La notte ti sento piangere.. sogni i tuoi genitori? È per questo che distruggi tutto, e che mi spingi? La nostra famiglia è piccola, e non ci sono giocattoli; ma se vuoi, tu puoi farne parte. Sarai il nostro bambino, e ti cresceremo con amore. [Stitch è in procinto di andarsene] Ohana significa famiglia. Famiglia significa che nessuno viene abbandonato. Ma se vuoi andartene, puoi farlo. Io mi ricorderò di te. Io ricordo tutti quelli che se ne vanno. (Lilo)
  • [Rivolto a Nani] Mi permetta di illustrarle la difficile e precaria situazione nella quale si trova. Io sono quello che viene chiamato quando le cose vanno male, e qui le cose vanno davvero molto male. (Cobra Bubbles)
  • Stitch no cattivo... Stitch coccoloso! (Stitch)
  • [A Stitch] Ah, tu non hai una famiglia. Io ti ho creato. [...] Sei nato per distruggere. Non avrai mai un legame. (Jumba)
  • Oh, non mi lamento, mamma. Sono in campeggio con un pazzo criminale e... che altro? Ah sì, un mostro mi ha masticato la testa! (Pleakley)
  • [A Plekley] Allora di', mio caro mono occhio, in quale povero, miserando, indifeso pianetucolo mia mostruosa creatura scatenerà sua ira? (Jumba)
  • [Riferito a Stitch] Farsi scudo di una bimba indifesa? È spregevole anche per lui! (Jumba)
  • [Riferendosi a Stitch, discutendo col telefono] Sembra che sia un koala, un koala feroce. Non riesco nemmeno ad accarezzarlo, continua a guardarmi come se volesse a mangiarmi! (Nani)
  • [Alla Presidentessa del consiglio] Stitch, io mi chiamo Stitch! (Stitch)
  • Aiutooo! No! Non mi piace l'oceano! Oh guardi, un piccolo delfino! Sono molto gentili! Aiutano i marinai! No, è uno squalo! È uno squalo e non è gentile! Somiglia a un delfino! Imbroglione! Imbroglione! Ecco che arriva un polpo! Oh no, i polpi sono anche peggio degli squali! Io detesto questo pianeta! (Pleakley)
  • [Ansimando, rivolgendosi a Stitch per i guai che gli ha fatto passare] Mostriciattolo! (Jumba)
  • [Dopo la fuga di Stitch] Sorveglianza, recarsi al portello 7! Autorizzazione a terminare l'evaso! Sparare a vista! Sparare a vista! (Gantu)
  • [Riferita a Nani, a David] Non preoccuparti. Le piacciono il tuo didietro e i tuoi capelli. Io lo so: ho letto il suo diario. (Lilo)
  • Ehi, io non sarò un dottore, ma so che quando si è un po' giù non c'è cura migliore di un paio di tavole e del rumore delle onde. (David)
  • [Rivolto a Nani] È di questo che ha bisogno?! La realtà è che lei ha bisogno di Lilo più di quanto sua sorella abbia bisogno di lei! (Cobra Bubbles)
  • [Riferito a Stitch] Sua tendenza distruttiva si sta manifestando: verrà attratto da grandi città, dove ingorgherà fogne, invertirà cartelli stradali e ruberà a tutti scarpa sinistra. (Jumba)
  • Lilo... A volte cerchi di fare del tuo meglio, ma le cose non sempre vanno per il verso giusto. Le cose a volte devono cambiare e... forse qualche volta cambiano per il meglio. (Nani)
  • Questa è mia famiglia. L'ho trovata per conto mio. È piccola e disastrata, ma bella. Si, molto bella. (Stitch)

Dialoghi[modifica]

  • Presidentessa del consiglio [dopo aver saputo che Stitch atterrerà sulla Terra]: Dobbiamo sterminare il pianeta.
    Pleakley: Momento! Buoni! Fermi tutti! La Terra è una riserva naturale protetta! Eh, già. La usiamo per ripopolare la famiglia delle zanzare, le quali – glielo ricordo – sono una specie in via d'estinzione!
    Presidentessa del consiglio: Quindi mi sembra di capire che lei è l'esperto?
    Pleakley: Non so se considerarmi tale... [si ricompone e diventa serio] Agente Pleakley al suo servizio.
    Presidentessa del consiglio: E se distruggessimo quell'isola?
    Pleakley: No, pazza incosciente! Le zanzare si nutrono di una primitiva forma di vita umanoide [civiltà umana] che ha impiantato colonie ovunque!
    Presidentessa del consiglio: Sono intelligenti?
    Pleakley: No, ma sono molto delicati: ogni volta che un asteroide si schianta sul loro pianeta devono ricominciare da capo. Sono affascinanti, non è vero? Con questo sono riuscito a studiarli.
    Presidentessa del consiglio: E se facessi atterrare lì le nostre forze militari?
    Pleakley: Be', mi sembra una pessima idea! Queste sono creature molto semplici, mia cara signora! Creeremmo una gran baraonda, scateneremmo il panico sul pianeta!
    Presidentessa del consiglio: Un arresto discreto richiederebbe una conoscenza di 626 che non possediamo! Mi dica, signor Pleakley, chi riterrebbe più adatto al suo recupero?
    Pleakley: Vediamo... Ce l'ha un fratello? Una nonna a cui vuole bene? Un cugino simpatico? Un vicino con la barba?
  • Insegnante di hula: Lilo, perché sei tutta bagnata?
    Lilo: Oggi è il giorno del panino. [l'insegnate di hula è confuso] Ogni giovedì porto al pesce Pudge un panino col burro di arachidi.
    Insegnante di hula [continuando a non capire]: Pudge è un pesce?
    Lilo: Oggi a casa non c'era più il burro di arachidi, perciò ho chiesto a mia sorella cosa potevo dargli, e lei mi ha risposto un panino al tonno. Non posso dare del tonno a Pudge! [bisbigliando] Lei lo sa che cos'è il tonno?
    Insegnate di hula: Un pesce?
    Lilo: Esatto, è un pesce! Se dessi del tonno a Pudge sarei una persona abominevole! Ho fatto tardi perché sono andata a comprare il burro di arachidi, e questo perché a casa avevamo solo quello schifo di tonno!!
    Insegnante: Lilo, Lilo. Ma perché è tanto importante?
    Lilo [seria]: Pudge controlla il tempo.
    [Gelo generale]
    Mertle: Tu sei pazza. [Lilo le salta addosso e la picchia]
  • Lilo: Sulle nocche c'è scritto "Cobra". Cobra Bubbles. Lei non assomiglia ad un assistente sociale.
    Cobra Bubbles: Ho delle mansioni speciali.
    Lilo: Le è mai capitato di uccidere qualcuno?
    Cobra Bubbles: Qui stiamo andando fuori tema. Parliamo un po' di te. Dimmi, sei felice?
    Lilo [guarda verso Nani, intenta a mimare cosa deve dire]: Be', sono equilibrata. Faccio una dieta variata, guardo a destra e a sinistra prima di attraversare, faccio sempre il pisolino... [Nani alza il pugno per incitare Lilo] E vengo punita.
    Cobra Bubbles: Vieni punita?
    Lilo [mentre Nani, resasi conto dell'errore, continua disperatamente a gesticolare, cercando di zittirla]: Sì, le assicuro che vengo punita per bene. Anche cinque volte al giorno. Coi mattoni.
    Cobra Bubbles: Coi mattoni?
    Lilo: Dentro una federa.
  • Lilo: La devo far pagare alle mie amichette. [Cobra guarda Nani, che guarda verso Lilo, arrabbiata]
    Cobra Bubbles [dando il suo numero di telefono a Lilo]: Chiamami se resti di nuovo sola a casa.
    Lilo: Sarà fatto.
    Cobra Bubbles [prima di andarsene, rivolto a Nani]: Nel caso se lo stia chiedendo, non è andata bene. [apre la porta con molta forza, tirando via tutti i chiodi] Ha solo tre giorni per farmi cambiare idea. [se ne va]
  • Nani: Sei proprio un disastro.
    Lilo: Be', perché non mi vendi? Al posto mio ti compri un coniglio!
    Nani: Sono certa che un coniglio sarebbe più educato di te!
    Lilo: E compralo! Sarai più felice, perché un coniglio è anche più in gamba di me!
    Nani: E... parla di meno!
    Lilo: Andreste d'accordo, perché puzza come te! [sbatte la porta dietro di sé]
    Nani: Va' in camera tua!!!
    Lilo: Io ci sono già in camera mia!!! [sbatte nuovamente la porta dietro di sé]
  • Commessa canile: Oh, sì. Potete adottare quello che volete. Escluso lui!! [prende Stitch e Nani allontana Lilo]
    Nani: Cos'è quest'affare?
    Commessa canile: Un cane, almeno credo! Ma stamattina era morto!
    Nani: Stamattina era morto?
    Commessa canile: Pensavamo fosse morto! Era finito sotto un camion!
    Lilo: Sì, mi piace un sacco! Vieni, piccolo!
    [Stitch si avvicina a Lilo tirando la commessa canile che cerca di trattenerlo e si arrampica sulla gamba di Nani]
    Nani: Non è che ne preferiresti un altro?
    Commessa canile: Abbiamo esemplari migliori, tesoro.
    Lilo: Lui è il migliore di tutti! Riesce a parlare! Di' "ciao".
    Stitch: C... ciao...
    Commessa canile: I cani non parlano, tesoro. [Stitch ringhia]
    Lilo: L'ha fatto.
    Nani: Sei proprio sicura di volere lui?
    [Stitch, ansimando, infila la lingua nel naso e mangia il muco che ne estrae]
    Lilo: Sì, è in gamba. Si vede subito.
  • Commessa canile: Devi trovargli un nome.
    Lilo: Il suo nome è Stitch.
    Commessa canile: Ma quello non è un vero nome! [vede Nani che gli fa gesti con la mano] Ehm... in Islanda... ma qui è un gran bel nome! [Stitch ringhia scocciato] Stitch allora. Per l'adozione sono due dollari.
    Lilo: No, lo compro io! [rivolta a Nani] Puoi prestarmi due dollari?
  • Jumba [incastrando una carota nella canna della pistola di Stitch]: Mai giocare con armi.
    Stitch: Va bene. [dà l'arma a Jumba]
    Jumba: Grazie. [realizzando che la pistola esploderà, la dà a Stitch] Oh, mi sono ricordato che è tuo compleanno. Tanti auguri.
    Stitch [ridando l'arma a Jumba]: Buon Natale!
    Jumba [ridandola a Stitch]: Non è Natale!
    Stitch [ridandola a Jumba]: Felice Hannukah!
    Jumba [ridandola a Stitch]: Non è Hannukah!
    [Sitch e Jumba continuano a passarsi l'arma dall'uno all'altro, mentre Pleakley porta Lilo in salvo]
    Jumba: Una cucuzza!
    Stitch: Due cucuzze!
    Jumba: Tre cucuzze!
    Stitch: Quattro cucuzze!
    Jumba: Cinque cucuzze!
    Stitch: Sei cucuzze!
    Jumba: Tutto è cucuzza!
    Stitch: Am...
    Jumba: ba...
    Stitch: ra...
    Jumba: ba...
    Stitch: ci...
    Jumba: ci...
    Stitch: cocò!
    Jumba: Ha! Ho vinto! [l'arma gli esplode in faccia distruggendo la casa di Lilo]
  • Jumba: Cooosa?! Dopo tutto quello che mi hai fatto passare osi chiedermi di aiutarti?! Io dovrei aiutare te?
    Stitch: Ih!
    Jumba: Va bene.
    Pleakley: Va bene? Farà come dice lui?
    Jumba: Eh, già. È stato convincente.
  • Pleakley: Oh bene! Speravo proprio di aggiungere furto, sequestro e atti vandalici alla lista di cose che ho fatto oggi!
    Jumba [ridendo]: Anche tu?

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]