Il pianeta del tesoro

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Il pianeta del tesoro

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale Treasure Planet
Paese USA
Anno 2002
Genere animazione
Regia Ron Clements, John Musker
Soggetto Robert Louis Stevenson (romanzo)
Sceneggiatura Ron Clements, John Musker, Rob Edwards, Ted Elliott (storia), Terry Rossio (storia)
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
Note

Il pianeta del tesoro, film d'animazione statunitense Disney del 2002.

Frasi[modifica]

  • Nelle notti più limpide, quando i venti dell'Etherium soffiavano placidi, le grandi navi mercantili con i loro carichi di cristalli solari arturiani, si sentivano sicure e protette. Non sospettavano neanche lontanamente di essere inseguite dai..pirati. Il più temuto di questi era il famigerato capitano Nathaniel Flint. (Narratore)
  • Come uno zaffo volante candaliano che ghermisce la preda, Flint, con la sua ciurma di rinnegati, piombava sbucando dal nulla. E poi, dopo aver razziato il suo bottino, svaniva, senza lasciare traccia. (Narratore)
  • Il tesoro segreto di Flint non è mai stato trovato, ma molti sono convinti che sia ancora nascosto da qualche parte ai confini più remoti della galassia. Una quantità di ricchezze al di là di ogni immaginazione; il bottino dei mille mondi. Il pianeta del tesoro. (Narratore)
  • Certe notti, i venti dell'Etherium, con la loro invitante promessa di volare liberi, facevano librare alto lo spirito. (Narratore)
  • [Calmo] Ora, perdonatemi se sarò franco e schietto, signori miei, ma che fine ha fatto... [arrabbiato, sguainando la spada] Quel poco di cervello che avevate in testa?!? Con quello che ho inventato per farci ingaggiare come equipaggio di prima scelta, volete mandare a monte l'ammutinamento prima del tempo?!? (John Silver)
  • Stammi un po' a sentire, James Hawkins. Tu hai la stoffa per compiere grandi imprese, ma devi prendere in mano il timone, tracciare la tua rotta! E devi seguirla, anche in caso di burrasca! E quando verrà il momento in cui potrai mettere alla prova la qualità delle tue vele e mostrare di che pasta sei fatto... be', spero di essere lì, a godermi lo splendore della luce che emanerai quel giorno. (John Silver)
  • Guardati, splendi come il fuoco del sole... Sei un ragazzo speciale, Jim. Farai tremare le stelle, davvero. (John Silver)
  • Io non so proprio come tu faccia, Sarah. La fatica di mandare avanti un'attività dovendo crescere un delinquente come... oh, un delinquente... cioè un adolescente. Un adolescente come Jim. (Dott. Doppler)
  • [A Jim che gli diceva di aiutare il capitano Amelia] Dannazione, Jim, non sono un dottore, sono un astronomo! Insomma, sono un dottore, ma non quel genere di dottore. Io, ho un dottorato, ma non è la stessa cosa. Non puoi aiutare nessuno con un dottorato, uno sta lì e si sente inutile! (Dott. Doppler)
  • Signor Arrow, ho controllato questa miserrima nave da poppa a prua, e, come al solito, è... impeccabile. Voi non sbagliate mai. (Capitano Amelia)
  • Dottore, mugugnare blaterando di una mappa del tesoro, di fronte a questa ciurma in particolare, dimostra un livello di inettitudine che rasenta l'imbecillità. E ve lo dico con tutto il garbo possibile. (Capitano Amelia)
  • Dottore, sarei lieta di fare due chiacchiere – the, dolci e tutto il teatrino – ma io devo far salpare una nave, e voi dovete lucidarvi lo scafandro. (Capitano Amelia)
  • È che, vedi, mi hanno abbandonato qui da così tanto tempo che, insomma, ah ah, la solitudine è anche piacevole, non dico mica di no, ma per mille mega-byte, dopo 100 anni... Ti saltano i circuiti! (B.E.N a Jim)
  • Jimmy, io... io non so tu, ma io comincio a vedere la mia vita passarmi davanti agli occhi. Almeno credo che sia la mia vita. Io ho mai ballato con un androide di nome lupen?!? (B.E.N)
  • Oh, com'è terribile non avere tutte le rotelle! (B.E.N)
  • [Dopo che Jim ha ritrovato il suo circuito primario di memoria] Sai, Jimmy, stavo giusto pensando... stavo giusto pensan... mi sta tornando tutto in mente! Tutti i miei ricordi! Esattamente fino a quando Flint mi ha staccato il circuito di memoria perché non dicessi a nessuno della trappola esplosiva! [si sente un esplosione] A proposito di esplosioni... (B.E.N)
  • Io non lascio il mio amico Jimmy! [Jim lo guarda male] A meno che non mi guardi così. Ciao, Jimmy! (B.E.N)
  • [Spaventata] James Pleiadi Hawkins! (Sarah Hawkins)
  • La mia fosca pupilla cosa vede? (John Silver)
  • Cambio di programma ragazzi! Entriamo in azione adesso! (John Silver)
  • Torna al tuo posto brutta spinaccia! (B.E.N.)

Dialoghi[modifica]

  • Sarah Hawkins: Jim, il fatto è che non voglio vederti buttare via la possibiltà di costruirti un futuro.
    Jim Hawkins [sconfortato]: Sì, quale futuro?
  • Capitano Amelia: Mi sforzerò di essere... monosillabica se è possibile. [al Dott. Doppler] Io... non gradisco la ciurma che voi avete scelto. Sono.. [al signor Arrow] come li ho definiti, Arrow? L'espressione era calzante stamane prima del caffè.
    Signor Arrow: Uno squinternato manipolo di canagliume vario, capitano.
    Capitano Amelia [al Dott. Doppler]: Che vi avevo detto? Poesia.
  • Scroop: I mozzi dovrebbero cercare di non essere curiosi.
    Jim Hawkins: Perché, hai qualcosa da nascondere, "Begli occhioni"?
    Scroop [afferra Jim]: Forse hai le orecchie otturate, e non ci senti così bene.
    Jim Hawkins: Già. [disgustato] Peccato che il mio naso funzioni a meraviglia.
    Scroop: Razza di impudente. Piccolo... [sta per pestare Jim] Ultimo desiderio, signor mozzo?
    John Silver: Signor Scroop. Ha mai visto cosa succede alle melviole fresche, quando si schiacciano forte? [torce la chela di Scroop, che lascia andare Jim]
    Signor Arrow: Cos'è questa storia? Conoscete tutti le regole: non sono ammesse baruffe su questa nave. Chiunque verrà colto in fallo sarà messo agli arresti per il resto del viaggio. Sono stato chiaro, signor Scroop?
    Scroop[sta per rispondere male, ma Silver gli fa un segnale con l'occhio]: Trasparente.
  • John Silver: Tuo padre non ti ha insegnato a scegliere con più attenzione con chi batterti? [Jim non risponde] Tuo padre non è uno di quelli che insegna?
    Jim Hawkins: No. Era più che altro uno di quei tipi che "esce e non torna più".
  • Jim Hawkins: Senti, vado un po' di fretta. Sto cercando un nascondiglio, i pirati mi danno la caccia.
    B.E.N: Oh, pirati! No, non parliamo di pirati, per carità! Non mi piacciono. Mi ricordo il capitano Flint, aveva un carattere pessimo.
    Jim Hawkins: Come? Come co..tu hai conosciuto il capitano Flint?
    B.E.N: Per quanto mi riguarda, soffriva di turbe caratteriali. Io non sono uno psicanalista, per carità, però se faccio discorsi sconnessi, dimmelo!
  • John Silver: Sai, di quelle cose che mi hai sentito dire... io non credevo a una sola parola; almeno della parte che riguardava te. Se quei tagliagole avessero pensato che mi ero rammollito, ci avrebbero sgozzati tutti e due... Ora ascoltami. Se giochiamo bene le nostre carte, io e te possiamo uscire da questa storia ricchi, come dei re.
    Jim Hawkins: Sì?
    John Silver: Eheh! Tu dai a me quella mappa e... una buona metà del tesoro è tua! Eh? [gli offre la mano in segno d'accordo ma Jim non la stringe]
    Jim Hawkins: ...Be', sei davvero... incredibile. Tutte quelle ciance sullo splendore "della luce emanata dalle mie vele"! Che presa in giro!
    John Silver: Ora non... senti, Jimbo...
    Jim Hawkins: Comunque almeno mi hai insegnato a non mollare, giusto?! Ed è quello che ho intenzione di fare! Ti assicuro che non vedrai mai neanche l'ombra di un doblone del mio tesoro!
    John Silver: Quel tesoro appartiene a me, per tutti i fulmini!
    Jim Hawkins: E allora prova un po' a trovartelo senza la mia mappa, per tutti i fulmini!
    John Silver: Non hai ancora imparato a scegliere con chi batterti... Adesso ascoltami. O mi dai quella mappa entro domani all'alba, o ti dò la mia parola... che userò i cannoni della nave per spedirvi tutti quanti nell'al di là!
  • Capitano Amelia [dolorante per una ferita e malata]: Signori, dobbiamo restare uniti, e... e...
    Dott. Doppler: E cosa? Cosa?! Dobbiamo restare uniti e cosa?!
    Capitano Amelia: Dottore... voi avete... dei begli occhi.
    Dott. Doppler: Ha perso la testa!
  • [Silver ha rinunciato al tesoro per salvare Jim]
    Jim Hawkins: Silver, hai rinunciato al...?
    John Silver: Lo rincorrevo solo da una vita, Jim. Mi passerà.
  • Jim Hawkins: Cerca di stare lontano dai guai, vecchia canaglia.
    John Silver [ridendo]: Perché, Jimbo mio... quando mai ho fatto il contrario?
  • Jim: L'età gioca brutti scherzi, vero?
    John: Portami rispetto, moccioso! O, Jimbo! Se avessi saputo governare così una barca quando avevo la tua età, oggi la gente si inchinerebbe al mio cospetto quando passo!
    Jim: Non lo so; non dicevano un gran bene di me quando sono partito. Ma io gli farò cambiare idea!
    John: Dici davvero? Spiegami come.
    Jim: Ehm, ho un certo progetto; la gente comincerà a guardarmi diversamente.
    John: Oh... qualche volta i programmi vanno a gambe all'aria!
    Jim: Non questa volta! [John solleva la gamba metallica e cerca di avvitare un bullone. Morphy si trasforma in una chiave inglese.]
    John: Mmm... Oh, grazie Morphy...
    Jim: Eh, senti... insomma, com'è successo?
    John: Devi rinunciare a qualche cosa, quando rincorri un sogno.
    Jim: Ne valeva la pena?
    John: Io spero tanto di sì, Jimbo. Me lo auguro vivamente. Sì.
  • John Silver [con tono adulatorio]: Ah, magnifica giornata per navigare, capitano. E poi, guardatevi: voi siete elegante e armoniosa come un brigantino appena ridipinto.
    Capitano Amelia: Serbate queste smancerie per le vostre allegre dame di porto, Silver.
    John Silver [copre Morph con il cappello perché si è messo a imitare il capitano]: Voi mi state mortificando, capitano. Le mie parole sono dettate direttamente dal cuore.
    Capitano Amelia [riferendosi a Jim]: Ehm, ditemi, non è il vostro mozzo quello che perde tempo dondolandosi su quelle sartie?
    John Silver: Sì, è...un attimo di smarrimento, capitano. Da raddrizzare in fretta. Jimbo! [Jim si volta] Ho due nuovi amici che ti vorrei presentare. Su, saluta... il signor spazzolone, e il signor secchio. [glieli lancia, poi si mette a ridere]
    Jim [imbronciato]: Evviva...

Altri progetti[modifica]