Captain America - Il primo Vendicatore

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Captain America
Il primo Vendicatore

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale Captain America: The First Avenger
Paese USA
Anno 2011
Genere azione, guerra, fantascienza, supereroi
Regia Joe Johnston
Soggetto Joe Simon, Jack Kirby (fumetto)
Sceneggiatura Christopher Markus, Stephen McFeely, David Self, Joss Whedon
Attori

Captain America – Il primo Vendicatore, film statunitense del 2011, regia di Joe Johnston.

Frasi[modifica]

  • Reclute attenti! Signori io sono l'agente Carter, supervisiono le operazioni di questa divisione. (Peggy Carter)
  • Agente Carter? Se non abbiamo fretta pensavo che potremmo fermarci a Lucerna per una bella fondue di mezzanotte! (Howard Stark)
  • Lo immaginavo più alto! (Generale Americano) [ Interpretato da Stan Lee ad uno spettacolo, vedendo un passacarte che sale sul palco per segnalare che Capitan America non sarà presente]
  • Domani l'Hydra si innalzerà a padrone del Mondo, portata alla vittoria sulle ali delle valchirie. Le armi dei nostri nemici saranno impotenti contro di noi. Se abbatteranno un aereo il fuoco di altre centinaia pioverà su di loro! Se taglieranno una testa, altre 2 spunteranno al suo posto. Hail Hydra! (Johann Schmidt al suo esercito)
  • Avresti potuto avere il potere degli dei! Porti una bandiera sul petto e pensi di combattere una battaglia di nazioni! Io ho visto il futuro, Capitano! Non esistono bandiere! (Johann Schmidt a Steve Rogers)

Dialoghi[modifica]

  • Steve Rogers: Perché io?
    Abraham Erskine: Perché l'uomo debole conosce il valore della forza, conosce il valore del potere.
  • Steve Rogers (dopo la prima iniezione): Non è stato così male...
    Abraham Erskine: Questa era la penicillina.
  • Peggy Carter: Come ti senti?
    Steve Rogers: Più alto!
  • Peggy Carter: Non hai mai pensato di scappare via?
    Steve Rogers: Se cominci a scappare non ti fermi più. Li affronti, ti ribelli. Devi andare avanti lo stesso, no?
  • Peggy Carter: Non sai proprio come si parla a una donna, vero?
    Steve Rogers: È la mia conversazione più lunga con una donna.
  • Johann Schmidt: Captain America! Che emozione, io sono un grande ammiratore dei tuoi film. Allora il dottor Erskine è riuscito a farcela, alla fine. Non è un grande miglioramento, tuttavia... direi sbalorditivo! [Rogers tira un pugno in faccia a Schmidt]
    Steve Rogers: Non ne hai idea!
    Johann Schmidt: Non ne ho idea!?
    [Rogers e Schmidt hanno un breve scontro al termine del quale il nazista Arnim Zola, aziona una leva per dividere il ponte su cui stanno combattendo, per separarli]
    Johann Schmidt: Qualunque cosa ti abbia raccontato Erskine, sono stato io il suo più grande successo!!! [Schmidt si toglie la maschera rivelando il suo vero volto a forma di teschio rosso]
    Bucky: [rivolto a Rogers] Tu non hai una di quelle vero?
    Johann Schmidt: Tu sei un illuso capitano, fai finta di essere un semplice soldato, ma nella realtà hai solo timore di ammettere che abbiamo lasciato l'umanità alle nostre spalle! E a differenza di te io l'accetto con orgoglio, senza paura! [Schmidt e Zola vanno via usando l'ascensore]
    Steve Rogers: Allora come mai scappi?
    [La base nazista inizia ad esplodere]
  • [Parlando dei soldati catturati da Schmidt] Steve Rogers: Ma se sa dove si trovano perché..
    [Interrompe] Colonnello Philips: Sono a trenta miglia dietro le linee, in uno dei territori più blindati d'Europa. Perderemmo più uomini di quanti ne salveremmo, ma non mi aspetto che questo lo capisca una ballerina di fila!
  • Steve Rogers: Sarete in un mare di guai quando atterrerete.
    Peggy Carter: E tu no?
    Steve Rogers: Dove vado io se qualcuno mi rimprovera posso sparargli!

Altri progetti[modifica]