Deadpool 2

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Deadpool 2

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Deadpool 2

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2018
Genere Azione, Fantascienza, Commedia, Avventura
Regia David Leitch
Soggetto dal fumetto di Fabian Nicieza e Rob Liefeld
Sceneggiatura Rhett Reese, Paul Wernick, Ryan Reynolds
Produttore Simon Kinberg, Ryan Reynolds, Lauren Shuler Donner
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Deadpool 2, film statunitense del 2018 con Ryan Reynolds, regia di David Leitch.

Incipit[modifica]

Fanculo Wolverine. Prima cavalca il mio successo con il bollino rosso, poi quel basettone figlio di puttana alza la posta e muore. Che stronzo. Beh indovina un po', Wolvie? Muoio anch'io stavolta. (Deadpool)

Frasi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Sono solo uno strumento del signore. (Deadpool)
  • E che ci crediate o no, Deadpool 2 è un film per famiglie. Dico davvero. E ogni buon film per famiglie comincia con un omicidio brutale: Bambi, Il re leone, Saw 3D. (Deadpool)
  • Ma si vive solo dopo che si è morti un po'. (Al)
  • Ciao Wade! (Yukio)
  • [Mettendosi la crema solare] Non so molto di questo Cable, ma vi assicuro che comunque ne ha uccisi meno del melanoma. (Peter)
  • [Rivolto a Colosso] Ti sciolgo e ti trasformo in un piercing per il mio cazzo! (Fenomeno)
  • [Dopo aver sconfitto Fenomeno] Così si fa in nostra Madre Russia. (Colosso)
  • Non voglio morire senza pubblico. (Deadpool)

Dialoghi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Deadpool: Hai ragione, mi sono battuto con un cazzone incappucciato, ma poi abbiamo scoperto che si chiama Martha anche la sua mamma. [1]
    Vanessa: No.
    Deadpool: Mi hai beccato, rastrellavo tutto il glutine del mondo per lanciarlo nello spazio dove non potrà mai più farci del male.
    Vanessa: Riprovaci.
    Deadpool: Diarrea? Non ne saremo certi finché non mi tolgo la tutina, ma tutti gli indizi portano a un sì.
  • Vanessa: Tu non sei tuo padre. Comunque non permetterò mai che nostro figlio si chiami Todd.
    Wade: Ma il punto è che non funziona sempre così? Come in guerre stellati, gli uomini sono destinati a diventare i propri padri, e a fare sesso consensuale con le sorelle.
    Vanessa: Forse ti sei perso gran parte di quel film.
  • Cable: I tempi di pace infiacchiscono gli uomini. Sono nato durante la guerra, e ci sono cresciuto.
    Weasel: Ok.
    Cable: Qual è il più grande dolore che hai provato?
    Weasel: Be', sono legato piuttosto...
    Cable: Le persone credono di conoscere il dolore, non ne sanno niente a parte quello che hanno provato. A cinque anni, cos'è? La puntura di un'ape? A vent'anni le schegge di un proiettile, a quarant'anni una malattia... magari una che ti lascia più macchina che uomo.
    Weasel: Sì, invecchiare non è da femminucce, per questo mia nonna Ginny è morta...
    Cable: Ho una lista, scorriamone i punti, insieme: primo, ti piego qualcosa. Qualcosa che non è fatto per essere piegato...
    Weasel: Ti fermo subito perché non arriverò al secondo, non arriverò neanche in fondo al primo. Il dolore non lo sopporto, sai? Se sbatto l'alluce la mia giornata è finita! Ho pianto quando hanno cancellato la serie "Felicity"... quando ho molta paura ho delle erezioni isteriche, ne ho una adesso... non guardarmi, può solo peggiorare!

Note[modifica]

Altri progetti[modifica]