The Avengers (film 2012)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

The Avengers

Immagine Marvel's The Avengers logo.svg.
Titolo originale

The Avengers

Lingua originale inglese
Paese USA
Anno 2012
Genere fantascienza, azione, supereroi
Regia Joss Whedon
Soggetto Marvel Comics (fumetto)
Sceneggiatura Joss Whedon, Zak Penn
Produttore Kevin Feige
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

The Avengers, film statunitense del 2012 con Robert Downey Jr. e Chris Hemsworth, regia di Joss Whedon.

Frasi[modifica]

  • Fin quando il mondo non smetterà di esistere agiremo come se intendesse ruotare ancora. (Nick Fury)
  • [Rivolto all'Occhio di Falco, prima di appoggiargli lo scettro sul petto per controllarlo] Tu hai cuore! (Loki)
  • Questo è un livello 7. Da questo momento... siamo in guerra! (Nick Fury)
  • La guerra è cominciata, e le nostre forze militari sono insufficienti. (Nick Fury)
  • Quando ero congelato, il mondo era in guerra. Mi sveglio e dicono che abbiamo vinto. Ma non che cosa abbiamo perso. (Steve Rogers)
  • [A Pepper Potts] Goditi l'attimo. (Tony Stark)
  • Il "Progetto Avengers" era stato respinto, mi pare. E non ero nemmeno consigliato. Sembra che io sia instabile, egocentrico e scostante con gli altri. (Tony Stark)
  • [Rivolto a Nick Fury] Devi essere molto disperato per rivolgerti a tante creature smarrite per difenderti! (Loki)[1]
  • [Rivolto a Loki] Se non riusciremo a proteggere la Terra stai pur certo che la vendicheremo. (Tony Stark)[1]
  • [Geloso perché Pepper chiama familiarmente l'Agente Coulson per nome] Phil? Il suo nome di battesimo non era "Agente"? (Tony Stark)
  • [A Thor] Nessun rancore, Point Break, hai una bella sventola. (Tony Stark)
  • [Parlando dello S.H.I.E.L.D.] Un'organizzazione d'intelligence che teme l'intelligence... direi poco esemplare. (Tony Stark)
  • [A Nick Fury] Il vostro lavoro con il Tesseract ha attirato qui Loki e i suoi alleati. È un segnale a tutti i regni che la Terra è pronta per nuove forme di guerra più evolute! (Thor)
  • Il mondo si sta riempiendo di esseri fuori dal comune che non possiamo controllare. (Nick Fury)
  • [Rivolto agli altri Vendicatori] Vi credevate una squadra? No, siamo una mistura chimica che produce il caos. Siamo... pronti ad esplodere! (Bruce Banner)
  • [Rivolto agli altri Vendicatori] Nel caso in cui avreste cercato di uccidermi ma non potete? Lo so: ci ho provato! [gli altri lo fissano increduli] Ero depresso. Non vedevo via d'uscita, così mi sono sparato in bocca e "l'altro" ha sputato il proiettile. (Bruce Banner)
  • [Ironicamente, parlando a Loki] Diventa sempre più simpatico. (Bruce Banner)
  • C'era un'idea. Stark ne è informato. Si chiamava "Progetto Avengers". La nostra idea era di mettere insieme un gruppo di persone eccezionali sperando che lo diventassero ancor di più. E che lavorassero insieme quando ne avremmo avuto bisogno per combattere quelle battaglie per noi insostenibili. Phil Coulson è morto credendo fortemente in quell'idea... negli eroi. (Nick Fury)
  • [A Clint Barton] Si tratta... di mostri e magia. Non siamo mai stati addestrati per questo. (Natasha Romanoff)
  • Se centrassi con una freccia l'orbita oculare di Loki, dormirei meglio, immagino. (Clint Barton)
  • Loki tiene il fuoco su di noi, ed è questo che ci serve. Con lui questi affari sono controllabili. (Steve Rogers)
  • Abbiamo vinto. (Steve Rogers)
  • Il Tesseract mi ha mostrato tantissime cose, è... è più che conoscenza: è verità! (Erik Selvig)
  • [All'Altro, riferendosi ai soldati Chitauri] Manda gli altri! (Loki)
  • [Sconfitto, ai Vendicatori, riferendosi al drink offertogli in precedenza da Stark] Se per voi è lo stesso... accetterò quel drink. (Loki)
  • Supereroi a New York? Fatemi il piacere! (Uomo anziano/Stan Lee)

Dialoghi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Loki [rivolgendo a Nick Fury, che stava portando via il Tesseract]: Ti prego no... mi serve ancora.
    Nick Fury: Non rendiamo la cosa più complicata.
    Loki: Invece sì. Vengo da lontano con un incarico. Io sono Loki, da Asgard, e sono ricolmo di gloriosi propositi.
    Erik Selvig [sorpreso]: Loki, il fratello di Thor! [Loki lo guarda infastidito]
    Nick Fury: Non abbiamo dispute con il tuo popolo.
    Loki: Una formica e uno stivale hanno dispute?
    Nick Fury: Il tuo piano è di calpestarci?!
    Loki: Giungo a voi con la lieta notizia di un mondo reso libero.
    Nick Fury: Libero da cosa?
    Loki: Dalla libertà: la più grande menzogna della vita. Una volta che accetterai questo nel tuo cuore... [lui appoggia la punta del suo scettro al petto di Selvig, rendendolo suo schiavo] conoscerai la pace.
    Nick Fury: Sì, parli di pace, ma tu intendi il suo contrario.
    Clint Barton: Signore, il direttore Fury prende tempo. Stiamo per essere travolti da trentacinque metri di roccia. Intende seppellirci.
    Nick Fury: Come i faraoni nell'antichità.
    Erik Selvig: Ha ragione. Il portale sta collassando. Tra due minuti la situazione diventerà critica.
    Loki: Bene, allora. [Barton spara a Fury e poi Loki e i suoi uomini se ne vanno col Tesseract]
  • Membro del Consiglio della Sicurezza Mondiale: Sta dicendo che Asgard sta dichiarando guerra al nostro pianeta?
    Nick Fury: No, non Asgard: Loki.
  • Membro del Consiglio della Sicurezza Mondiale: La guerra non si vince con i sentimenti, direttore.
    Nick Fury: No. Si vince con i soldati.
  • Natasha [mostrando una foto]: Questo è il Tesseract, la sua energia potrebbe distruggere il pianeta.
    Bruce Banner: E, secondo Fury, che cosa dovrei fare, ingoiarlo?
  • Steve Rogers: Le stelle e le strisce non sono un tantino... antiquate?
    Phil Coulson: Con quello che sta succedendo, con le cose che stanno per essere scoperte, forse alla gente serve qualcosa di antiquato.
  • Altro: I Chitauri sono irrequieti.
    Loki: Che si preparino all'azione. Io li condurrò nella gloriosa battaglia.
    Altro: Battaglia? Contro la misera potenza della Terra?
    Loki: Gloriosa, non lunga. Se la tua forza sarà formidabile come affermi.
    Altro: Dubiti di noi?! Dubiti di lui, che ha messo lo scettro nelle tue mani?! Che ti ha donato l'antica sapienza e un nuovo proposito... quando sei stato bandito, sconfitto?!
    Loki: Io ero un re! Il legittimo re di Asgard... tradito!
    Altro: La tua ambizione è gretta... nasce da un bisogno infantile. Noi guardiamo oltre le Terra... a mondi più grandi che il Tesseract rivelerà.
    Loki: Non avete ancora il Tesseract. [l'Altro si avvicina a Loki in maniera aggressiva] Non è una minaccia. Ma fino a quando non aprirò il portale... fino a quando la tua forza sarà al mio comando... sei solo parole.
    Altro: Avrai la tua guerra, asgardiano. Se fallirai... Se il Tesseract non ci verrà consegnato... Non esisteranno regni, o lune deserte... né crepacci dove lui non verrà a cercarti! Pensi di conoscere il dolore? Lui [Thanos] ti farà capire... Quanto quel dolore sia... niente!
  • Erik Selvig: Ehi, il Tesseract mi ha mostrato tantissime cose. È più che conoscenza. È verità.
    Loki: Lo so. Questo... Tocca chiunque in modo diverso. Cosa ti ha mostrato, Agente Barton?
    Clint Barton: Il prossimo obbiettivo.
    Erik Selvig: È un tipo depresso. Non ha anima. Non mi sorprende che abbia scelto di lavorare in questa tomba.
    Clint Barton: Il Radisson non offriva un pavimento con tre strati di piombo tra lo S.H.I.E.L.D. e quel Cubo.
    Loki: Capisco perché Fury abbia messo lei di guardia.
    Clint Barton: Dovrà combattere contro di lui, signore. Fintanto che rimane in aria, posso immobilizzarlo. E metterà insieme una squadra.
    Loki: Sono una minaccia?
    Clint Barton: Probabilmente, l'uno per l'altro. Ma se Fury li metterà d'accordo, e ne è capace, potrebbero causarci dei problemi.
    Loki: Lei ammira Fury.
    Cllint Barton: Ha le idee molto chiare.
    Loki: È per questo che non l'ha ucciso?
    Clint Barton: Forse. Ero disorientato. E non do il meglio con la pistola.
    Loki: Voglio sapere tutto ciò che puoi dirmi sulla sua squadra. Metterò alla prova la loro tempra. Sono stanco di agire nell'ombra. Voglio governare questo mondo. Non voglio nascondermi.
    Clint Barton: È un rischio.
    Loki: Oh, si.
    Clint Barton: Se hai deciso di uscire allo scoperto, potrebbe essere utile.
    Loki: Dimmi che cosa ti occorre.
    Clint Barton: Mi serve un diversivo. E un bulbo oculare.
  • Loki [rivolto alle persone di Stoccarda, terrorizzati, crea le sue illusioni che lo circonda per non farli scappare]: Inginocchiatevi! In ginocchio, ora!!! [le persone si inginocchiano] Non vi sembra semplice? Non è questo il vostro stato naturale? È la verità taciuta dell'umanità: voi bramate l'asservimento, il luminoso richiamo della libertà riduce la gioia della vostra vita ad un folle combattimento per il potere, per un'identità. Voi siete nati per essere governati. Alla fine vi inginocchierete sempre.[1] [un uomo anziano si alza]
    Uomo anziano: Non davanti ad uomini come te.
    Loki: Non esistono uomini come me.
    Uomo anziano: Esistono sempre uomini come te.
    Loki: La voce saggia del popolo. Che lui sia d'esempio. [tenta di colpire l'uomo anziano con un raggio di energia, ma viene fermato da Capitan America, che lo riflette verso di lui, che cade a terra]
    Steve Rogers: Sai, l'ultima volta che sono stato in Germania e ho visto un uomo innalzarsi su tutti gli altri abbiamo scelto il dissenso.
    Loki [rialzandosi]: Il soldato! L'uomo senza tempo!
    Steve Rogers: A te ne è rimasto poco di tempo.
    Natasha [da dentro il Quinjet]: Loki, getta l'arma e arrenditi!
    Loki [colpisce, senza successo, il Quinjet e inizia a combattere con Capitan America]: In ginocchio!
    Steve Rogers: Non oggi!!
    Natasha [a bordo del Quinjet, riferendosi a Loki]: Si sposta in continuazione.
    Tony Stark [arrivando]: Agente Romanoff,... ti sono mancato? [colpisce Loki, scaraventandolo a terra] Fai la tua mossa, piccolo cervo! [Loki alza le mani in segno di resa] Bella mossa!
    Steve Rogers: Signor Stark.
    Tony Stark: Capitano.
  • Steve Rogers [riferito a Loki]: Non mi piace.
    Tony Stark: Chi, il "rockettaro" molto arrendevole?
    Steve Rogers: Non mi è sembrato così arrendevole, quello picchia molto forte.
    Tony Stark: Anche tu sembravi alquanto brioso, per essere un attempato... Qual è il segreto, pilates?
    Steve Rogers: Cosa?
    Tony Stark: È come la callistenia. Ti sei perso delle cose, sai, mentre eri Capitan Ghiacciolo.
    Steve Rogers [serio]: Fury non mi aveva detto che saresti venuto.
    Tony Stark: Si, ci sono molte cose che Fury non ti dice.
  • Steve Rogers: Cosa c'è? Paura di un paio di fulmini?
    Loki: Io non apprezzo quello che ne seguirà. [riferendosi al suo fratellastro Thor]
  • Tony Stark [dopo essere stati colpiti da Thor che ha dovuto catturare il suo fratellastro Loki]: Pure lui, adesso.
    Natasha [riferita a Thor]: Un altro asgardiano?
    Steve Rogers Quello sarebbe un alleato?
    Tony Stark: Non importa. Se libera Loki o lo uccide il Tesseract è perduto.
    Steve Rogers: Stark, ci occorre un piano d'attacco!
    Tony Stark: Io ho un piano: attacco!
    Natasha [cerca di dissuadere Steve da andare ad aiutare Stark contro Thor, che combattono per la custodia di Loki]: Io lascerei stare, Capitano!
    Steve Rogers: Non vedo come sia possibile.
    Natasha: Loro provengono da leggende, sono praticamente degli dei!
    Steve Rogers: Esiste un Dio soltanto, e sono certo che non si veste in quel modo!
  • Thor: Dov'è il Tesseract?
    Loki [ridacchiando amaramente]: Anche tu mi sei mancato.
    Thor: Ti avverto che non sono di buon umore!
    Loki: Oh, dovresti ringraziarmi. Ora che il Bifrost è andato, quanta energia oscura ha raccolto Padre-Tutto per farti manifestare qui... sulla tua preziosa Terra?
    Thor [mette giù per terra il Mjolnir, e prendo Loki per il viso]: Ti credevo morto.
    Loki: Eri in lutto?
    Thor: Lo eravamo tutti. Nostro padre...
    Loki: Tuo padre! [mollandogli la mano di Thor per il suo vivo] Ti ha rivelato le mie vere discendenze, vero?
    Thor: Ci hanno allevati insieme. Abbiamo giocato insieme, abbiamo combattuto insieme. Non ricordi nulla di questo?
    Loki: Ricordo un'ombra. Una vita all'ombra della tua grandezza. Ricordo che tu mi hai scaraventato nell'abisso. Io che ero e dovrei essere re!
    Thor: E ti prendi il mondo che amo come ricompensa per una tua visionaria inferiorità? No, la Terra è sotto la mia protezione, Loki.
    Loki: Ahahahah e ammetto che stai compiendo un lavoro egregio. Gli umani si uccidono tra loro in massa mentre tu ti agiti pigramente! Io intendo governarli per una giusta causa.
    Thor: Ti ritieni superiore a loro?
    Loki: Be', sì.
    Thor: Ti sfugge il vero significato del governare, fratello. Un trono non è adatto a te.
    Loki: Io ho visto mondi che tu nemmeno conosci! Sono cresciuto, figlio di Odino, nel mio esilio. Ho visto il vero potere del Tesseract e quando lo esercito...
    Thor: Chi ti ha mostrato questo potere? Chi controlla il mancato re?!
    Loki: Io sono un re!!!
    Thor: Non qui!! Devi rinunciare al Tesseract! Devi rinunciare a questo delirio venefico! E tornartene a casa.
    Loki: Non è qui con me! Serve il cubo per riportarmi a casa. Ma l'ho spedito lontano e non so dov'è.
    Thor: Ascoltami bene, fratello... [Iron Man colpisce violentemente Thor, scaraventandolo via]
    Loki [sarcastico]: Ascolto.
  • Thor: Non toccarmi un'altra volta.
    Tony Stark: E tu non prendere le mie cose.
    Thor: Non ti rendi conto con che cosa hai a che fare...
    Tony Stark: Uh, Shakespeare in estiva? [imitando un attore] Vostra madre sa che indossate le sue vesti?
    Thor: La faccenda non ti riguarda, Uomo di Metallo. Loki affronterà la giustizia asgardiana!
    Tony Stark: Se rinuncia al Cubo, è tutto tuo. Fino ad allora, togliti di mezzo, [voltandosi] turista. [Thor colpisce furiosamente con il suo martello] Ok.
  • J.A.R.V.I.S. [mentre Tony è stato colpito dai fulmini di Thor, gli ha però rinforzato la sua armatura]: Potenza al 400%.
    Tony Stark: Ma davvero?
  • Loki [incarcerato sull'Helicarrier dello S.H.I.E.L.D.]: È una gabbia stupefacente... non costruita, credo, per me!
    Nick Fury: Per qualcosa di molto più forte di te!
    Loki: Oh, immagino. [riferendosi ad Hulk] Una bestia dissennata, che simula di essere un uomo... devi essere molto disperato, se ricorri a tante creature smarrite per difenderti!
    Nick Fury: Quanto sono disperato? Minacci di guerra il mio mondo, rubi una forza che non puoi sperare di controllare, parli di pace e uccidi per divertimento. È vero: mi hai reso molto disperato. Forse ti pentirai di averlo fatto.
    Loki: Uh, ti brucia esserci andato così vicino. Avere il Tesseract, avere il potere... uno smisurato potere! E per cosa? [sogghignando] Far condividere all'umanità un raggio di luce, e poi rammentarle che cosa è il potere vero!
    Nick Fury: Fammi sapere se il potere vero vuole una rivista da leggere o qualcos'altro.
  • Steve Rogers: Loki la manderà per le lunghe, perciò... Thor, qual è il suo gioco?
    Thor: Ha un esercito, i Chitauri. Non sono di Asgard o di altri mondi conosciuti. Intende condurli contro il vostro popolo. Loro sconfiggeranno la Terra in cambio, immagino, del Tesseract.
  • Steve Rogers: Perché Loki si è lasciato arrestare? Da qui non può guidare eserciti.
    Bruce Banner: Non credo che dovremmo concentrarci su Loki: ha un cervello completamente fuori fase, basta guardarlo per capire che è pazzo.
    Thor: Modera le tue parole! Loki è incapace di ragionare, ma è un asgardiano, ed è mio fratello...
    Natasha: Ha ucciso 80 persone in 2 giorni!
    Thor: ...è adottato.
  • Tony Stark [agli agenti S.H.I.E.L.D. sull'Helicarrier]: Alzate l'albero di mezzana! Issare le vele di gabbia! [indicando un agente] Quell'uomo sta giocando a Galaga! Pensava che noi non ce ne saremmo accorti. Invece si. [davanti a due monitor si copre un occhio imitando Fury] Come fa Fury a vederli?
    Maria Hill: Si gira.
    Tony Stark: È snervante!
  • Maria Hill: Da quando è diventato un esperto di astrofisica termonucleare?
    Tony Stark: Ieri sera: i documenti, gli appunti di Selvig! Io sono l'unico che gli ha letti?!
  • Tony Stark: Piacere di conoscerla, dottor Banner. Il suo lavoro sulle collisioni degli antielettroni è incomparabile e mi appassiona vederla perdere il controllo e trasformarsi in un mostro verde rabbioso.
    Bruce Banner: Grazie...[1]
    Nick Fury: Il dottor Banner è qui solo per rintracciare il Cubo. Speravo che poteste unirvi a lui.
    Steve Rogers: Io comincerei con il suo scettro. Sarà magico ma sembra funzionare come un'arma dell'Hydra.
    Nick Fury: Questo non saprei dirlo, ma so che è alimentato dal Cubo e vorrei sapere come Loki l'ha usato per trasformare due uomini così scaltri in sue personali scimmie volanti.
    Thor [confuso]: Scimmie? Non capisco...
    Steve Rogers: Io sì! Il Meraviglioso Mago di Oz.
  • Steve Rogers: È tutto uno scherzo per te?
    Tony Stark: Le cose divertenti si!
    Steve Rogers: Mettere a rischio la sicurezza delle persone non è divertente!
  • Tony Stark: Perché Fury ci ha radunati? Perché adesso? Perché non prima? Cosa ci nasconde? Per risolvere l'equazione devo avere tutte le variabili.
    Steve Rogers: Credi che Fury nasconda qualcosa?
    Tony Stark: È una spia. Capitano, lui è la spia. I suoi segreti hanno segreti.
  • Steve Rogers: Credo che Loki voglia riscaldare gli animi. Quell'uomo vuole dare inizio ad una guerra, e se non restiamo concentrati ci riuscirà. Abbiamo degli ordini... dovremmo obbedire.
    Tony Stark: Obbedire non è nel mio stile.
    Steve Rogers: E per te conta solo lo stile, vero?
    Tony Stark: Delle persone qui dentro chi è che A indossa una tuta luccicante e B non è utile?
  • Bruce Banner: Io non indosso un'armatura. Sono scoperto, come un nervo... è un incubo.
    Tony Stark: Già, io ho un grappolo di schegge che tentano sempre di insinuarsi nel mio cuore, questo [indica il mini reattore ARC nel petto] glielo impedisce. Un piccolo cerchio di luce. È parte di me. Non è solo un'armatura... è un privilegio orribile.
    Bruce Banner: Ma lei può controllarlo.
    Tony Stark: Perché ho imparato a farlo.
    Bruce Banner: È diverso.
    Tony Stark: Ehi, ho letto tutto sul suo incidente, quell'esposizione ai raggi gamma avrebbe dovuto ucciderla.
    Bruce Banner: Quindi sta dicendo che Hulk... l'altro tizio mi ha salvato la vita? Molto bello. È una bella convinzione. Mi ha salvato perché?
    Tony Stark: Immagino lo scopriremo.
    Bruce Banner: La cosa potrebbe non piacerle.
    Tony Stark: A lei invece si.
  • Thor: Quando arrivai sulla Terra la rabbia di Loki mi rincorse e il vostro popolo ne pagò il prezzo... ora di nuovo. In gioventù io adulavo la guerra.
    Nick Fury: La guerra non è ancora cominciata. Riuscirai a convincere Loki a dirci dove si trova il Tesseract?
    Thor: Questo non lo so. La mente di Loki ormai è smarrita, non è solo il potere che desidera, vuole vendetta... su di me. La sua brama non sarebbe carpita neanche dal dolore.
    Nick Fury: Questo lo pensano in molti... finché il dolore non comincia.
    Thor: Cosa mi stai chiedendo di fare?
    Nick Fury: Ti sto chiedendo cosa tu sei disposto a fare!
    Thor: Loki è un prigioniero.
    Nick Fury: E perché ho la sensazione che l'unico che desideri trovarsi su questa nave sia lui!?
  • Loki: Sono poche le persone che possono prendermi alle spalle.
    Natasha: Ma immaginavi che sarei venuta.
    Loki: Dopo. Dopo tutte le torture che Fury avesse escogitato... Saresti sembrata un'amica, un balsamo. E io avrei collaborato.
    Natasha: Dimmi cosa hai fatto all'agente Barton.
    Loki: Direi che ho ampliato la sua mente.
    Natasha: E quando avrai vinto... quando sarai il re dei re... che fine farà la tua di mente?
    Loki: Questo è amore, Agente Romanoff?
    Natasha: L'amore è per i bambini. Io sono in debito con lui.
    Loki: Racconta.
    Natasha: Prima di lavorare per lo S.H.I.E.L.D, io... be', avevo una certa popolarità. Sono dotata di un'abilità molto specifica. Non mi importava per chi la usassi, o su chi. Ero sui radar dello S.H.I.E.L.D. con profilo negativo. Inviarono l'agente Barton ad uccidermi. Lui decise in modo diverso.
    Loki: E che farai se promettessi di risparmiarlo?
    Natasha: Non ti farò uscire.
    Loki: No, ma la cosa mi intriga. Il vostro mondo è in bilico e tu tratti per un solo uomo.
    Natasha: I regimi cadono ogni giorno. Non verso lacrime per questo. Sono russa. O lo ero.
    Loki: E ora cosa sei?
    Natasha: Non è poi così complicato. Quella nota rossa sul mio registro deve essere cancellata.
    Loki: Davvero? Riusciresti a cancellare quella nota così rossa? La figlia di Dreykov... San Paolo... l'incendio all'ospedale? Barton mi ha detto ogni cosa. Il tuo registro sta grondando! Il rosso sgorga! E credi che salvare un uomo non più virtuoso di te possa cambiare qualcosa? È la più vile forma di sentimentalismo... è la preghiera di un bambino! Patetico! Tu menti e uccidi... al servizio di bugiardi e assassini. Fingi di essere diversa, di avere un tuo codice... per espiare gli orrori commessi. Ma sono una parte di te. E non ti lasceranno mai più. [Loki colpisce rabbiosamente con un pugno la parete di vetro della cella] Non toccherò Barton, non finché non ti avrà ucciso. Lentamente, interiormente, con tutti i modi che lui sa che tu temi. Poi si sveglierà il tempo necessario per vedere il suo operato... e quando urlerà gli fracasserò il cranio! È questo il mio patto, vulvetta lamentosa!
    Natasha [spaventata]: Sei un mostro.
    Loki: Ahahah oh, no! Voi... avete portato il mostro.
    Natasha: Allora, Banner! È questo il tuo piano?!
    Loki [confuso]: Cosa?
    Natasha: [avvertendo gli agenti S.H.I.E.L.D.] Loki ha intenzione di scatenare Hulk. Tenete Banner in laboratorio. Sto arrivando. Chiamate anche Thor. [rivolgendosi nuovamente a Loki, prima di andarsene] Grazie... per la tua collaborazione.
  • Steve Rogers: Toglimi di dosso le mani!
    Tony Stark: Oh, ti è per caso venuto qualche livido?
    Steve Rogers: Già. Sei grosso con l'armatura. Tolta quella che cosa sei?
    Tony Stark: Un genio, miliardario, playboy, filantropo.
    Steve Rogers: Conosco uomini modesti che valgono dieci volte te. Ho visto i filmati, l'unica cosa per cui combatti è te stesso. Non sei il tipo votato al sacrificio, che si stende sopra un filo spinato perché gli altri lo scavalchino.
    Tony Stark: Io il filo spinato lo taglierei.
    Steve Rogers: Sempre una via d'uscita! Forse tu non sei una minaccia ma ti conviene di smetterla di giocare a fare l'eroe.
    Tony Stark: Un eroe? Come te? Sei un esperimento di laboratorio, Rogers, tutto quello che hai di speciale è uscito da un'ampolla.
    Steve Rogers: Metti l'armatura: divertiamoci un po'!
    Thor: Ahahahah siete veramente meschini! E ridicoli!
    Bruce Banner: Si, una vera squadra!
  • [Mentre l'Helicarrier viene assalito dagli uomini di Loki, Thor va a cercare il fratellastro, che sta evadendo, e mentre cerca di fermarlo viene ingannato e rimane intrappolato al suo posto]
    Loki (illusione): Possibile che tu ancora non abbia imparato? [mentre l'illusione si accinge a premere il pulsante per l'espulsione della cella contenente Thor] Gli umani ci ritengono immortali... vogliamo verificarlo? [l'agente Phil Coulson atterra le guardie di Loki e arriva di nascosto tenendo in mano una grossa arma e puntandola contro Loki]
    Phil Coulson: Per favore, indietro! Ti piace? Abbiamo lavorato sul prototipo dopo che hai mandato il Distruttore. Neanch'io so cosa faccia... vogliamo verificarlo? [il vero Loki compare alle spalle di Coulson e lo trafigge col suo scettro mentre l'illusione svanisce.]
    Thor: Noooo!!! [Loki comincia lasciare cadere nel vuoto la gabbia in cui era imprigionato Thor]
    Phil Coulson: Tu sarai sconfitto.
    Loki: Davvero?!
    Phil Coulson: È nella tua natura.
    Loki: I vostri eroi sono disseminati, la vostra fortezza fluttuante sta precipitando... quale sarebbe il mio discapito?
    Phil Coulson: Manchi di convinzione.
    Loki: Non credo di esser...
    Phil Coulson [spara a Loki con l'arma, scaraventandolo via]: Ecco che cosa fa.
  • Phil Coulson: Scusi, capo, il Dio se l'è squagliata.
    Nick Fury: Rimani sveglio, occhi su di me.
    Phil Coulson: No, timbro il cartellino.
    Nick Fury: Opzione non valida.
    Phil Coulson [ultime parole]: Tutto a posto, capo. Quella squadra non funzionerà mai se loro non avranno qualcosa da... [muore]
  • Steve Rogers: A Loki occorre una fonte di energia, se riusciamo...
    Tony Stark: Il livello personale!
    Steve Rogers: Non è questo il punto.
    Tony Stark: È questo il punto! È ciò che Loki vuole... ci ha colpiti tutti proprio qui, perché?
    Steve Rogers: Per dividerci.
    Tony Stark: Divide et impera, sì... certo, ma sa che deve eliminarci per vincere, giusto? È questo che lui vuole: vuole sconfiggerci e vuole esser visto mentre lo fa... vuole un pubblico!
    Steve Rogers: Esatto, come ha fatto a Stoccarda!
    Tony Stark: Sì, era la prova generale e questa... questa è la prima e Loki è una diva a tutti gli effetti: vuole fiori, vuole parate, vuole un monumento costruito in cielo col suo nome sopra... figlio di puttana!
  • Tony Stark [riferendosi al Tesseract posizionato sulla Stark Tower, che si sta auto-alimentando per aprire un portale e far arrivare sula Terra l'esercito alieno di Loki]: Lo spenga, dottor Selvig!
    Erik Selvig: Non può fermarsi ora... vuole farci vedere qualcosa: un nuovo Universo!
    Tony Stark: Va bene! [Stark colpisce il Tesseract, ma la barriera di energia pura lo scaraventa via]
  • Tony Stark [comunicando col suo computer J.A.R.V.I.S. mentre sta atterrando sul terrazzo della Stark Tower e vede Loki che lo aspetta] Piano B!
    J.A.R.V.I.S.: Signore, il Mark VII non è completato.
    Tony Stark: Lascia stare le cromature, mi serve ora!
    Loki: Ti prego, dimmi che farai appello alla mia umanità.
    Tony Stark: Ah, in realtà intendo minacciarti!
    Loki: Ahah, avresti dovuto indossare l'armatura.
    Tony Stark: Sì, ha fatto qualche chilometro di troppo, e tu... hai la bacchetta del destino! [riferendosi al bastone della Scettro] Ti va un drink?
    Loki: Prendere tempo non cambierà niente!
    Tony Stark: No, no, minaccio! Niente drink, sicuro? Io lo prendo.
    Loki: I Chitauri stanno arrivando, nulla può cambiare. Cosa dovrei temere?
    Tony Stark: I Vendicatori... ci facciamo chiamare così: una specie di squadra. "Gli eroi più forti della Terra" o roba simile.
    Loki: Sì, li ho conosciuti.
    Tony Stark: Già! Ci mettiamo un po' a riscaldarci, questo te lo concedo. Ma facciamo la conta dei presenti: tuo fratello, il semidio [Loki ringhia infastidito di sentirlo nominare]; un supersoldato, una leggenda vivente che vive nella leggenda; un uomo con grossi problemi nel gestire la propria rabbia; un paio di assassini provetti e tu, bellimbusto, sei riuscito a far incazzare tutti quanti!
    Loki: Era questo il piano.
    Tony Stark: Non è un granché. Quando verranno, e lo faranno, verranno per te.
    Loki: Ho un esercito.
    Tony Stark: Noi un Hulk!
    Loki: Il bestione non si era perso!?
    Tony Stark: Ti sfugge il punto: non c'è nessun trono, non esiste una versione in cui tu ne uscirai trionfante. Forse verrà il tuo esercito, e forse sarà troppo forte per noi, ma ricadrà su di te. Se non riusciremo a proteggere la Terra, stai pur certo che la vendicheremo.
    Loki: E come potranno i tuoi amici... pensare a me mentre combattono te!? [Loki appoggia due volte la punta del suo scettro sul petto di Tony Stark, ma avendo il reattore ARC nel petto, il controllo mentale non funziona affatto] Di solito funziona.
    Tony Stark: Può capitare di fare cilecca. Sai, non è così raro: una volta su cinque... [Loki lo scaraventa a terra] J.A.R.V.I.S. quando vuoi!
    Loki [afferando per il collo di Stark]: Vi piegherete tutti al mio cospetto!
    Tony Stark: Avvia!! Avvia!! [Loki lancia Stark fuori dalla finestra, e, mentre cade, J.A.R.V.I.S. spedisce l'armatura che si attacca sul suo corpo, e Iron Man torna da Loki] C'è anche un altro che hai fatto incazzare, si chiamava Phil! [colpisce Loki a terra, ma il portale dei Chitauri si apre e l'esercito alieno inizia ad uscirne] Giusto: esercito! [Iron Man va a combattere i Chitauri]
  • Thor: Loki!! Spegni il Tesseract o lo distruggerò!
    Loki: Non puoi! Non c'è modo di fermarlo, c'è soltanto... la guerra!
    Thor: Così sia! [iniziano a combattersi]
  • Thor: Guarda bene! Guardati intorno! Pensi che questa follia cesserà con il tuo regno?! [New York sta crollando sotto i potenti distruttivi dei Chitauri]
    Loki: È troppo tardi! È troppo tardi per fermarlo...
    Thor: No, possiamo farlo... insieme!
    Loki [commosso, trafigge Thor con una piccola lama]: Sentimentale! [Thor colpisce, furibondo, il suo fratellastro, e poi Loki fugge, scatenando in battaglia]
  • Thor: Ho una questione ancora aperta con Loki!
    Clint Barton: Ah sì? Mettiti in fila.
  • Steve Rogers: Dottor Banner, questo sarebbe il momento di arrabbiarsi.
    Bruce Banner: È questo il mio segreto, capitano: sono sempre arrabbiato. [si trasforma in Hulk]
  • Steve Rogers: Ascoltatemi. Finché non chiuderemo il portale, faremo contenimento. Barton, ti voglio sul tetto. Occhi su tutto, schemi e azioni isolate. Stark, a te il perimetro. Ogni cosa oltrepassi i tre isolati, la incenerisci o la rimandi indietro.
    Clint Barton [a Tony]: Mi dai un passaggio?
    Tony Stark: Certo, prego, Legolas.[2]
    Steve Rogers: Thor, bisogna restringere quel portale. Rallentali. Hai i fulmini, brucia quei bastardi. [rivolgendosi a Natasha] Noi due, invece, resteremo a terra, combatteremo qui. E Hulk? Spacca! [Hulk sogghigna e parte all'attacco]
  • Clint Barton: Thor combatte contro uno squadrone sulla sesta.
    Tony Stark: E io non sono stato invitato...
  • Loki: Ora basta!!! Voi siete inferiori a me!! Sono un dio, creatura ottusa! Non subirò angherie da parte... [Hulk lo malmena violentemente, e lo lascia semisvenuto a terra]
    Hulk [andandosene]: Un dio gracile.
  • Membro del Consiglio della Sicurezza Mondiale: Dove sono i Vendicatori?
    Nick Fury: Al momento non sono sulle loro tracce. Direi che si sono meritati un congedo.
    Membro del Consiglio della Sicurezza Mondiale: E il Tesseract?
    Nick Fury: È dove dovrebbe trovarsi. Fuori dalla nostra portata.
    Membro del Consiglio della Sicurezza Mondiale: La decisione non spettava a lei.
    Nick Fury: Infatti, ma non ho contraddetto il dio che l'ha presa. [si riferisce a Thor]
    Membro del Consiglio della Sicurezza Mondiale: Gli ha permesso di portarlo via insieme a Loki, un criminale di guerra che dovrebbe rispondere per i suoi delitti.
    Nick Fury: Oh, credo che ne risponderà.
    Membro del Consiglio della Sicurezza Mondiale: Non credo che lei comprenda cosa voglia dire. Aver lasciato i Vendicatori a piede libero. Sono pericolosi.
    Nick Fury: Lo sono eccome. E il mondo intero lo sa. Tutti i mondi lo sanno.
    Membro del Consiglio della Sicurezza Mondiale: Era questo lo scopo di tutto ciò? Un'affermazione?
    Nick Fury: Una promessa.
  • Maria Hill: Signore, adesso come funziona? Ognuno ha ripreso la sua strada. Alcuni andranno molto lontano. Se dovesse ripresentarsi una situazione del genere, cosa succederà?
    Nick Fury: Torneranno.
    Maria Hill: Ne è sicuro di questo?
    Nick Fury: Sì.
    Maria Hill: Perché?
    Nick Fury: Perché avremo bisogno di loro.

Explicit[modifica]

[Scena dopo i titoli di coda, rivolto a Thanos] Umani... non sono i codardi e vili che ci avevano assicurato! Combattono, insorgono, pertanto non possono essere governati... [Thanos si alza deluso] Sfidarli è lusingare la Morte. [Thanos si gira il volto, sentendosi questa parola sorride diabolicamente] (Altro[3])

Citazioni su The Avengers[modifica]

  • La razza aliena sono i Chitauri – o una loro versione – perché non sono una delle razze determinanti [nell'universo Marvel] e non hanno una storia prestabilita. Ma non è questo il punto. So che questo dibattito andrà avanti fin dopo la mia morte. Direi che si tratta di una razza Kree-Skrull. (Joss Whedon)
  • Non mi è piaciuto perché non è un film, non c'è la regia di un film. Io lo dico sempre: Joss Whedon è un regista di telefilm, non di film. Il film ha un respiro ben diverso. [...] The Avengers comincia con un intro che non ha senso. Io mi sono girato verso il mio socio in cerca di supporto, ma lui faceva finta di non vedermi o sentirmi perché, me ne rendo conto, se comincio non la smetto più. Dicevo, c'è questo inizio banale, questa piccola parentesi che secondo me sarebbe dovuta durare molto di più. I Chitauri parlano con Thanos, brevemente ti fanno sapere che la Terra è in pericolo e gli umani non potranno fare altro che bruciare. Poi hai venti minuti di Shield e Loki e dici "va bene, facciamocela passare ancora". Ma il resto... [...] Sono uscito dal cinema e non mi sono accontentato di vedere un gruppo di supereroi che forse non si vedeva dai tempi della TV (quelli con Thor, Hulk Devil). Alcune parti fanno anche ridere, ma di epicità ce n'è pochissima. (Leo Ortolani)

Note[modifica]

  1. a b c d Trailer originale in lingua italiana
  2. Personaggio de Il Signore degli Anelli.
  3. Scena nei titoli di coda.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]