Il comandante

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Il comandante

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Il comandante

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 1963
Genere drammatico
Regia Paolo Heusch
Soggetto Rodolfo Sonego
Sceneggiatura Rodolfo Sonego
Produttore Alberto Pugliese, Luciano Ercoli
Interpreti e personaggi

Il comandante, film italiano del 1963 con Totò, regia di Paolo Heusch.

Dialoghi[modifica]

  • Antonio Cavalli: Otto mesi di lavoro, milleduecento pagine scritte, richieste da tutti i giornali...e tu...mi vai a salvare la stufa a gas?!
    Francesca Cavalli: Senti Antonio, io non ce la faccio più. Sono sei mesi che tu mi strazi con questa storia!
    Antonio Cavalli: Me lo avrebbero pubblicato tutti i giornali. Avrei avuto delle grandi soddisfazioni, morali e finanziarie. Tutto avevo puntato io su quelle pagine, tutto!
    Francesca Cavalli: Andiamo, via, sii sincero almeno con te stesso, vero? Tu lo sai benissimo che tutti i giornali te l'avevano rifiutato.
    Antonio Cavalli: Ah sì, allora tu dai ragione ai giornali.
    Francesca Cavalli: Sì. Guarda, è il momento che io ti dica tutto quello che penso.
    Antonio Cavalli: E cosa pensi? Sentiamo...
    Francesca Cavalli: Io penso che un memoriale...abbia valore soltanto nel caso che sia una confessione sincera, un'analisi severa e spietata delle proprie debolezze. Invece l'hai scritto soltanto per nascondere, e non per confessare i tuoi errori.
    Antonio Cavalli: Quali errori? Di quali errori parli?
    Francesca Cavalli: Eeeh Antonio, ne hai commessi tanti, sai? Nella tua vita privata e in quella militare.
    Antonio Cavalli: Ma scusa...Ma...scusa, mi vuoi dire quali sono questi errori?
    Francesca Cavalli: Eeeh...Per trent'anni ti sei pavoneggiato nella tua divisa, non ti sei preoccupato di me, dei figli, di nessuno. Mai! E mi hai anche tradita...
    Antonio Cavalli: Io? E quando?
    Francesca Cavalli: ...perfino durante la guerra! Credi che non lo sappia? Mentre tu eri nascosto nel rifugio, io ti portavo le sigarette, provvedevo da mangiare per te, per i figli, e tu mi tradivi!
    Antonio Cavalli: Ma con chi? Con chi?
    Francesca Cavalli: Con le sfollate genovesi! Scrivi, scrivi queste cose... Le battaglie che avete perduto, non soltanto quelle che avete vinto.
    Antonio Cavalli: Ah sì? E allora giacché siamo a questo, sai cosa ti dico? Che se io ho commesso degli errori nella mia vita, li ho commessi proprio per te!
    Francesca Cavalli: Per me?!
    Antonio Cavalli: Sì, per te! Dimmi un po', l'8 settembre, quando il colonnello Ceretti si suicidava per non arrendersi ai tedeschi, quando il capitano Esposito sparava fino all'ultimo colpo per non cadere nelle mani nemiche, l'8 settembre tu dov'eri?!
    Francesca Cavalli: Dov'ero io?! Dov'eri tu!?
    Antonio Cavalli: Ma lo sai dov'ero io: in caserma. Sei venuta tu stessa con gli abiti borghesi: "Antonio scappa! Antonio salvati! Fallo per i nostri figli!" E mi costringesti ad abbandonare i miei soldati: tremila uomini fatti prigionieri da sei tedeschi, sei!
    Francesca Cavalli: Queste sono cose che riguardano te. Io il mio dovere l'ho fatto: ho salvato i miei figli.
    Antonio Cavalli: Bella roba...Bella ricompensa che hai avuto!
    Francesca Cavalli: Perché?
    Antonio Cavalli: Come "perché"? E me lo domandi? La prima s'è fatta suora. La seconda vive con un uomo sposato e per giunta inglese. Il terzo, il "bello", tuo figlio "il bello"...guarda un po' cosa gli ho trovato in tasca questa notte?
    Francesca Cavalli: Cos'è?
    Antonio Cavalli: La tessera del Partito Socialista. Capisci? La falce e il martello in casa nostra, in casa mia!
    Francesca Cavalli: Ma cosa fai, adesso? Vai di notte a frugare nelle tasche di tuo figlio?
    Antonio Cavalli: Per forza: se voglio fumarmi una sigaretta, debbo andare a prenderla in tasca di mio figlio. Ecco a cosa è ridotto tuo marito!
    Francesca Cavalli: Ma allora datti da fare, come fanno tutti. Cercati un lavoro!
    Antonio Cavalli: Eh no! Eh no cara, no! Non voglio passare il resto della mia vita sotto la dipendenza di uno qualunque. Io sono un uomo abituato a comandare. Ho comandato tutta la vita. Sono libero: se mi vogliono, mi mandano a chiamare e mi offrono un posto di grande responsabilità, un posto di comando.
    Francesca Cavalli: Seh, e allora...campa, cavallo mio...
  • Antonio Cavalli: Lo sai...tua suocera la stima che ha di me? Lo vuoi sapere? Durante l'incendio, con un coraggio da leone, si buttò tra le fiamme e invece di salvare il mio manoscritto, milleduecento pagine, otto mesi di lavoro, sai cosa ha salvato? Una stufa a gas: questa è la stima che ha di me!
    Luisa: Ma che c'entra la stima adesso?
    Antonio Cavalli: Io non ho più nessuna autorità su di lei. La stima è caduta.
    Luisa: Sì...
    Antonio Cavalli: Se le domando di uscire con me, dice che non può.
    Luisa: E poi?
    Antonio Cavalli: Perché non può?
    Luisa: Perché hai il suo lavoro da fare e non ha tempo da perdere con te, hai capito?
    Antonio Cavalli: Ma il tempo da perdere con il signor Torquato lo trova!

Altri progetti[modifica]