Totò sceicco

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Totò sceicco

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale Totò sceicco
Paese Italia
Anno 1950
Genere commedia
Regia Mario Mattòli
Sceneggiatura Agenore Incrocci, Furio Scarpelli, Marcello Marchesi, Vittorio Metz
Attori

Totò sceicco, film italiano del 1950 con Totò, regia di Mario Mattòli.

Frasi[modifica]

  • Sono bello, piaciucchio, ho il mio sex appello. (Antonio)
  • Non vedi? Castigat ridendo mores, ridendo castigo i mori. (Antonio)
  • È vero ho rubato per 25 anni, ma l'ho fatto per alleviare le sofferenze di un orfano, povero, senza casa, senza madre, né padre: io. (Antonio)
  • Ho cercato di fermarlo con la forza, c'è stato un bravo colluttorio. (Antonio)
  • Ma che ve ne fate della mia pelle? È una pellaccia, un'imitazione. (Antonio)
  • Io sapevo che un colpo troppo forte l'avrebbe schiantata... la poltrona. (Antonio)
  • Come soffro! Come soffro! (Marchesa)

Dialoghi[modifica]

  • Marchese: Coraggio Antonio moriamo da forti.
    Antonio: Signor marchese io preferirei vivere da debole.
  • Antonio [passando in rassegna la truppa, vestito da sceicco]: Come ti chiami?
    arabo: Alì
    Antonio Babà? E la mammà, come sta?
    arabo: Bene, grazie.
    Antonio [a un altro arabo con una benda sull'occhio]: Cosa ti è successo?
    arabo orbo: Ho dato un occhio per la causa!
    Antonio: Hai fatto male. Lo sanno tutti che le cause costano un occhio...
    Mohamed: Cerca di essere un po' più duro con questi uomini, ricordati che sei il loro capo.
    Antonio: Ah si? [passa il dito sul fucile di uno degli arabi] È così che pulisci il fucile, eh? [lo prende a schiaffi]
    Mohamed: Ma cosa fai?!
    Antonio: Non lo vedi? Castigat ridendo mores! Ridendo, castigo i mori...

Altri progetti[modifica]