Teatro Carlo Felice

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Il Teatro Carlo Felice

Citazioni sul Teatro Carlo Felice.

  • Ci sono tre teatri in città, a parte uno vecchio che viene aperto raramente. Il più importante – il Carlo Felice: il teatro dell'opera di Genova – è uno splendido, comodo e bel teatro. (Charles Dickens)
  • Il primo [teatro di Genova] è il Teatro Carlo Felice, che per la sua vastità, per la sua suntuosa decorazione interna ed esterna, per l'eleganza del grandioso suo vestibolo, per le tante belle sculture di statue, di bassi-rilievi e di ornamenti si può a buon diritto annoverare tra i pochi insigni di simil genere e tra i più belli d'Italia e di tanti altri Stati. (Giacinto Amati)
  • Il taxi mi lasciò in piazza De Ferrari, proprio davanti alla bella facciata neoclassica del Carlo Felice, il teatro dell'opera di Genova. Facciata neoclassica con grande cubo incombente. Restaurato anch'esso per le Colombiane, cinquant'anni dopo essere stato distrutto dai bombardamenti alleati. Cinquant'anni. Mezzo secolo per il teatro. Vent'anni per pochi chilometri di metropolitana. Genova è fatta così. Una città che ai suoi cittadini chiede di vivere a lungo. (Bruno Morchio)
  • Il teatro Carlo Felice è stato costruito circa dieci anni fa con dovuta sontuosità. Un portico di marmo bianco, che poggia su colonne scanalate, serve per le carrozze. All'interno (vestibolo e corridoi) tutto è rivestito di lucido marmo, come del resto in marmo sono le comode scale che portano ai sei piani con i palchi e la galleria. Le decorazioni all'interno sono diffuse e di gusto: oro su oro. I tendaggi sono in seta celeste con frange gialle. Il velario è riccamente dipinto. (Sibylle Mertens-Schaaffhausen)
  • La sera dovevo andare a teatro, nella via principale, l'unica che Genova possiede; si trattava di un grosso edificio pubblico, perciò avrei dovuto trovarlo facilmente, ma non fu così; i palazzi stavano a fianco a fianco uno più splendido dell'altro, ma infine un maestoso Apollo di marmo, candido come la neve contro il cielo azzurro, mi indicò il luogo. (Hans Christian Andersen)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]