James Tiberius Kirk

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

James Tiberius Kirk

Descrizione di questa immagine nella legenda seguente.

Kirk, interpretato da William Shatner

Universo Star Trek
Autore Gene Roddenberry
Interprete

James Tiberius Kirk, protagonista di Star Trek.

Citazioni di James Tiberius Kirk[modifica]

  • C'è sempre qualcuno pronto a farci del male e per fermarlo rischiamo di risvegliare in noi quella stessa malvagità. Il nostro primo istinto è cercare la vendetta quando ci vengono portati via coloro che amiamo, ma noi non siamo così. Oggi siamo qui per ribattezzare la USS Enterprise e per onorare coloro che hanno perso la vita quasi un anno fa. Quando Christopher Pike mi ha affidato la sua nave mi ha fatto recitare il giuramento del capitano, parole che all'epoca non apprezzai. Ora capisco che sono un monito per noi a ricordare chi eravamo una volta e chi dobbiamo essere di nuovo, e quelle parole: Spazio, ultima frontiera. Questi sono i viaggi della nave stellare Enterprise nella sua missione quinquennale, diretta all'esplorazione di strani nuovi mondi alla ricerca di nuove forme di vita e di nuove civiltà. Per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima. (Into Darkness - Star Trek)

Star Trek[modifica]

Prima stagione[modifica]

  • C'è un milione di cose nell'universo che potrai avere e un milione di cose che non avrai mai. Devi accettare la realtà, se vuoi diventare un uomo.
  • Anche un Dio ha bisogno di pietà.
  • Non sempre nel nostro lavoro ci rendiamo conto del tutto. Ne prendiamo atto e andiamo avanti.
  • A questa astronave ho dato tutto, tutta la mia vita. Non posso liberarmene. Devo vivere per lei. [...] Adesso lo so: è come una donna, come una donna viva, da toccare, da possedere, una spiaggia da raggiungere, come se avesse capelli soffici da accarezzare.
  • Uno dei vantaggi di essere capitano, dottore, è di poter chiedere consigli senza averne bisogno.
  • Non si diventa infedele d'un colpo.
  • I mondi possono cambiare, le galassie disintegrarsi, ma una donna rimane sempre una donna.
  • La storia è un giudice implacabile.
  • Più complessa è la mente, più grande è il bisogno della semplicità del gioco.
  • È tempo che impariate che la libertà non è mai un dono.
  • Senza libertà di scelta, non c'è creatività, e senza creatività non c'è vita.
  • [Su Khan Noonien Singh] Era il migliore dei tiranni, e il più pericoloso.
  • Noi esseri umani abbiamo una vena di barbarie in noi, incomprensibile ma senza dubbio presente.
  • Morte. Distruzione. Malattie. Orrore. La guerra è fatta di questo, Anan. Ecco perché bisogna evitarla.
  • Gli istinti si possono dominare. Siamo esseri umani con le mani imbrattate dal sangue di milioni di anni di barbarie, ma possiamo evitarlo. Ammettiamo pure di essere assassini, ma oggi possiamo non uccidere. Questo basta: la consapevolezza che possiamo non uccidere.
  • L'uomo ristagna senza ambizione, senza desiderio di migliorarsi.
  • Il signor Spock è molto più forte di qualsiasi essere umano. Se provocato crudelmente, può anche arrivare ad uccidere.
  • Forse siamo nati per lottare, non per il paradiso. Forse preferiamo guadagnarcelo da soli lottando, tracciarci la strada da soli con le nostre forze. Non siamo capaci di danzare al suono di un dolce liuto, ma per marciare al suono del tamburo.
  • Io ho visto ciò che i klingon fanno ai pianeti come il vostro. Sono ridotti soltanto a campi di lavoro forzato per schiavi, niente più libertà, i beni vengono confiscati, gli ostaggi tutti uccisi. E i capi? I capi vengono imprigionati e torturati spaventosamente.
  • Ci sono cose per cui vale la pena di morire.
  • Abbiamo legittimi motivi contro i klingon. Hanno invaso il nostro territorio, ucciso i nostri cittadini. Sono chiaramente degli aggressori. Vogliono annettersi mezza galassia.

Seconda stagione[modifica]

  • Siamo uguali. Condividiamo la stessa storia, lo stesso retaggio, la stessa vita. Siamo uniti aldilà di ogni possibile diversità. Uomo o donna, non fa nessuna differenza. Siamo umani. Siamo umani! Non lo dimentichi, tenente. Ecco come potrà farlo: ricordando che cosa è lei, un piccolo insieme di carne e sangue nell'universo. Questa è l'unica cosa che veramente le appartiene: il resto dell'umanità.
  • La nostra logica è l'irrazionalità. È un grande vantaggio.
  • La nostra specie può sopravvivere solo se ha degli ostacoli da superare. [...] Senza di essi, che ci rafforzano, siamo destinati a morire.
  • La Flotta Astrale ricorre alla forza solo in casi estremi, come ultima istanza.
  • I klingoniani, benché brutali e aggressivi, hanno dimostrato maggiore efficenza.
  • Quando è eccessivo, tenente, perfino l'amore non è più piacevole.
  • Noi eravamo come voi molto tempo fa. Poi, le nostre armi si svilupparono più della nostra saggezza, e per poco non ci distruggemmo. E da questo esempio traemmo una regola che osserviamo senza eccezioni: evitare che succeda la stessa cosa ad altri mondi. In poche parole, gli uomini devono crescere a proprio modo e nel proprio tempo.
  • Il rischio! Il rischio è parte del nostro lavoro.
  • Il problema del nazismo non era tanto la malvagità e la psicopatia dei suoi capi, quanto l'assoluta mancanza di democrazia.
  • [Sulla Prima direttiva] Il comandante di un astronave è legato al giuramento di sacrificare la propria vita e quella del suo equipaggio piuttosto che violare questa regola fondamentale.
  • Sul mio pianeta, abbiamo trovato parole simili a queste in molte terre, in molti paesi, tutte ugualmente buone e ugualmente meritevoli di rispetto. Ma da nessuna parte, in nessun'altra terra è stata detta una cosa così importante, e soprattutto in questo modo. Guardate queste parole scritte più in grande delle altre e con estremo orgoglio, parole mai scritte prima, né più ripetute d'allora, parole che dicono fieramente "Noi il popolo". [...] Non sono state scritte per i capi, i re, i guerrieri, ricchi o i potenti, ma per tutto il popolo. Col passare dei secoli, voi avete deformato il significato di queste parole: "Noi, popolo degli Stati Uniti, per formare un unione perfetta, stabilire la giustizia, assicurare la tranquillità nazionale, provvedere alla difesa comune, promuovere il generale benessere e assicurare il bene supremo della libertà a noi stessi e ai nostri postemi, ordiniamo e fissiamo la costituzione". Queste parole e le parole che seguono [...] devono essere applicabili a tutti quanti, o non avvrebbero senso.
  • Un genio non segue mai uno schema prestabilito. Forse che Einstein, o Kazanga o Sitar su Vulcano hanno formulato nuove teorie secondo un programma preciso? Non puoi dire "oggi farò qualcosa di geniale". Non importa quanto ci vuole, l'essenziale è arrivare.

Terza stagione[modifica]

  • So per esperienza che quasi tutti i pregiudizi esistenti tra persone diverse cadono non appena ci si conosce meglio.
  • Signor Spock, le donne del suo pianeta sono logiche, ed è il solo pianeta in tutta la galassia che vanti tale prerogativa.
  • L'essere umano è estremamente complesso. Non sempre riusciamo a evitare brutture che ci vengono da dentro.

Star Trek (serie animata)[modifica]

  • Certo, noi abbiamo delle colpe: brama di potere, invidia, paura. Ma nei secoli dopo la caccia alle streghe di Salem, abbiamo imparato. Cerchiamo di capire e di rispettare tutte le forme di vita. (Prima stagione)
  • La cosa peggiore per un burlone è rimanere giocato dai suoi stessi scherzi. (Seconda stagione)
  • Se i bambini sono resi totalmente dipendenti dai maestri, rimarranno sempre bambini. (Seconda stagione)

Star Trek II - L'ira di Khan[modifica]

  • Sapere affrontare la morte è importante almeno quanto affrontare la vita.
  • [Rivolto a Khan Noonien Singh] Sei riuscito a uccidere tutti quanti gli altri, ma nonostante i tuoi sforzi, il tuo bersaglio principale continua a sfuggirti!
  • C'è un uomo là fuori che non vedevo da quindici anni, e che vuole uccidermi. Tu mi mostri un figlio che vorrei poter aiutare. Mio figlio... La vita che poteva essere, e che non è stata. Come mi sento? Vecchio. E stolto.
  • Non credo negli schemi non vincenti.
  • Non ho affrontato la morte, l'ho ingannata. Sono riuscito a giocarla, la morte, e mi sono compiaciuto per questa mia scaltrezza. Io non so niente.
  • Siamo qui riuniti per rendere omaggio a un glorioso scomparso. In tutto questo dolore ci conforta il pensiero che la sua morte è avvenuta all'ombra di una nuova vita. L'alba di un nuovo mondo. Un mondo per il quale il nostro amato compagno ha dato la sua vita. Egli non ha fatto sentire questo sacrificio vano o vuoto. Noi non discuteremo della profonda saggezza del suo operato. Del mio amico posso dire solo questo: di tutte le anime che ho incontrato, durante i miei lunghi viaggi, la sua è stata... La più umana.

Star Trek III - Alla ricerca di Spock[modifica]

  • L'Enterprise è un po' come una casa dalla quale sono partiti tutti i figli. No, ancora più vuota: la morte di Spock è una ferita ancora aperta. È come se avessi lasciato in quel nuovo pianeta la parte più nobile di me stesso.
  • [Rivolto a Sarek] Suo figlio era per me molto di più di quanto immagini. Gli avrei dato la vita se avessi potuto salvarlo.
  • Ciò che ho fatto dovevo farlo. [...] Se non avessi tentato, avrei perduto la mia anima.

Rotta verso l'ignoto[modifica]

  • Non mi sono mai fidato dei klingon, e mai lo farò. Non potrò mai perdonarli per la morte di mio figlio.
  • Come può la storia evitare di fare i conti con quelli come me?
  • Nota per la cambusa: non servire mai più birra romulana alle cene diplomatiche.
  • Prima regola di un assassinio: eliminare gli assassini.
  • Giornale di bordo: Data Stellare 9529.1: Questa è l'ultima crociera dell'Enterprise sotto il mio comando. Questa nave e la sua storia tra breve saranno consegnate ad un nuovo equipaggio. A loro e ai loro discendenti noi affidiamo il nostro futuro. Essi continueranno il viaggio attraverso spazi ancora inesplorati spingendosi con coraggio dove nessun uomo, dove nessuno è mai stato prima.

Generazioni[modifica]

  • Il rischio fa parte del gioco se vuole sedere su quella poltrona.
  • Lei dice che la storia mi considera morto? Chi sono io per contraddire la storia?
  • Io combattevo per la galassia quando suo nonno era ancora in fasce e credo che la galassia sia in debito con me.
  • Ero come lei una volta, così preso dal dovere e gli obblighi che non riuscivo a vedere oltre la mia uniforme. E che cosa ci ho guadagnato? Una casa vuota.
  • Capitano dell'Enterprise, eh? [...] Le voglio dire una cosa: No! Non accetti promozioni, non accetti trasferimenti, non accetti niente che la porti via dal suo ponte di comando perché, finché resta lì, può fare la differenza.
  • Se Spock fosse qui, direbbe che solo un essere umano, illogico e irrazionale, accetterebbe una missione del genere. Sarà divertente!
  • [Ultime parole a Picard] È il minimo che potessi fare... per il capitano dell'Enterprise. È stato... divertente. Addio.

Star Trek Beyond[modifica]

  • Più lontano andiamo, più mi ritrovo a chiedermi dove stiamo cercando di arrivare. Se l'universo è realmente infinito, allora non stiamo inseguendo qualcosa di irraggiungibile?
  • [Su suo padre] Lui era entrato nella Flotta Stellare perché ci credeva. Io solo per sfida.
  • Non esiste l'ignoto, ma solo ciò che è temporaneamente nascosto.
  • Siamo cambiati. Dovevamo farlo. O avremmo passato la vita a combattere le stesse battaglie.
  • Meglio morire salvando delle vite che vivere portandole via.

Citazioni su James Tiberius Kirk[modifica]

  • È il capitano Kirk che vi parla dall'Enterprise in missione speciale. Stiamo viaggiando a ritroso nel tempo per portare avanti nel tempo una missione speciale che ci aiuterà a salvare un'antica specie dalla distruzione totale! Fino ad ora nessuna traccia di vita acquatica ma forse un giorno la troverò, dovessi fare un altro buco nero in questo Universo la troverò, io – devo – trovarla, hai capito!? (Ace Ventura - L'acchiappanimali)
  • È vero che Kirk era solo un essere umano, ma almeno aveva del carattere. (Star Trek: Voyager)
  • Per l'amore del cielo, Jim! Sono un vulcaniano, non un pesciniano! (Ace Ventura - L'acchiappanimali)
  • – Tra quelli famosi con chi ti batteresti?
    – Vivi o morti?
    – Non importa. Allora, chi?
    Hemingway. Tu?
    William Shatner, il capitano Kirk di Star Trek. (Fight Club)

Star Trek[modifica]

  • Agamemnon era uno come te, anche Ercole: orgogliosi e arroganti entrambi. (Seconda stagione)
  • Gli esseri umani hanno delle loro caratteristiche, proprio come gli oggetti inanimati, ed è impossibile per il capitano Kirk agire in preda al panico o al rancore. Non è nella sua natura. (Spock, Prima stagione)
  • Direi che conosco un terrestre che non ricorda affatto un verme a sangue caldo. Sto parlando del capitano Kirk. Un verme a sangue caldo è morbido, sinuoso, ma Kirk non è morbido. Il capitano Kirk è un prepotente, borioso dittatore di latta pieno di complessi di inferiorità e di desideri repressi! Questo non vuol dire essere morbidi. (Seconda stagione)

Star Trek: Deep Space Nine[modifica]

  • Almeno 17 violazioni temporali serie, il file più grosso del dipartimento.
  • Kirk ha sempre avuto la fama di essere un rubacuori. (Benjamin Sisko)
  • Sì, lo voglio conoscere, lo ammetto. Vorrei farci due chiacchiere, stringergli la mano e chiedergli del gorn su Cestus III, ma non è per questo che siamo qui. (Benjamin Sisko)

Altri progetti[modifica]