Scrittore

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Scrittori)

Citazioni sugli scrittori.

Citazioni[modifica]

  • A una certa età gli scrittori si trasformano in tante Vecchie Mamme Hubbard, le scrittrici in tante Giovanne d'Arco senza battaglie. (Ernest Hemingway)
  • Abba Eban, ministro degli Esteri d'Israele, è convinto che per uno scrittore la maggior fonte d'ispirazione è di sapere che, se non scrive, deve restituire l'anticipo che ha ricevuto per i diritti d'autore. (Leonard Lyons)
  • Chi mira a divenire un grande scrittore dee disprezzare le cortesie ed i favori; perché tanto più facilmente e tanto più alto ascende, quanto più si fa padrone di se medesimo. (Giuseppe Bianchetti)
  • Felicità dello scrittore è il pensiero che può divenire totalmente sentimento, il sentimento che può divenire pensiero. (Thomas Mann)
  • Gli scrittori creativi sono più grandi delle cause che rappresentano. (Edward Morgan Forster)
  • Gli scrittori e gli intellettuali reclamano da qualche tempo, spesso e volentieri, di essere catalogati fra le specie in via di estensione. Può anche darsi che lo siano. Però, per amore della completezza, occorre anche aggiungere che costituiscono anche una delle specie più pericolose. (Peter Schneider)
  • Gli scrittori scrivono, perché i lettori leggano. (Scoprendo Forrester)
  • Grande è la forza della opinione, che nasce principalmente dal consenso degli scrittori; i quali, se facessero il loro debito e pubblicassero, potendo, arditamente il vero, senza guardare in viso a nessuno, rendendosi interpreti dell'universale nel giudicare e maledire le azioni colpevoli dei grandi, questi andrebbero più a rilento nel commetterle: perché non vi ha uomo così perverso, che non abbia qualche cura e ansietà della propria fama. (Vincenzo Gioberti)
  • Il compito di un narratore è anzitutto quello di rappresentare. Un libro che si apre è come un sipario che si alza: i personaggi entrano in scena, la rappresentazione comincia. (Fausta Cialente)
  • Il compito primordiale dello scrittore di oggi è di essere «mitoclasta». (Juan Goytisolo)
  • Il dovere dello scrittore è contemplare l'esistenza, non dissolversi in essa. (Flannery O'Connor)
  • Il mestiere dello scrittore consiste nel raccontare storie. Così era ai tempi di Omero e così è ancora oggi. È un mestiere antico come il mondo, che risponde ad una necessità degli esseri umani, ad un loro bisogno fondamentale: quello di raccontarsi. Finché ci saranno nel mondo due persone, ci sarà chi racconta una storia e ci sarà chi ascolta una storia. Quante cose si fanno, o si sono fatte, che non si sarebbero mai fatte se non ci fosse stata la possibilità di raccontarle! Senza la memoria del passato che è all'origine di ogni racconto, il nostro percorso di civiltà sarebbe ancora fermo da qualche parte nella notte dei tempi. (Sebastiano Vassalli)
  • Il più grande degli scrittori non può vedere al di là di un muro di mattoni, ma diversamente da noi egli non può costruirne uno. (Wystan Hugh Auden)
  • In un mondo come il nostro, volto con sempre più consapevole determinazione, ad est e ad ovest, a nord e a sud, alla ricerca e all'impiego delle competenze e dei talenti, non mi pare che sia il caso da parte degli scrittori di invocare una inserzione nell'ingranaggio della gran macchina produttiva ancora più diffusa e completa di quella attuale. [...] E così bisogna servire, rendersi utili, collaborare [...]. L'unica cosa da pretendere sarà se mai un'altra: e cioè che il nostro servizio, la nostra collaborazione, non abbiano a risolversi in una alienazione della nostra natura e del nostro destino. [...] vendere l'anima: ecco uno sbaglio che l'utente vero, il destinatario autentico e indispensabile, così poco adatto a far parte delle inerti assemblee consumistiche vagheggiate dalle fantasie dei tecnici e dei datori di lavoro, non perdona mai. (Giorgio Bassani)
  • L'autore migliore sarà quello che si vergognerà di diventare scrittore. (Friedrich Nietzsche)
  • La critica non ha mai rivelato un grande scrittore o autore drammatico ai suoi primi passi e ha sempre soltanto cercato di demolirlo quando lo vedeva circondato dal favore del pubblico. Salvo poi a prostituirsi in salamelecchi ufficiali quando lo scrittore era ormai una gloria certa. (Mario Mariani)
  • La differenza tra un romanziere e uno storico è questa: che lo scrittore racconta menzogne deliberatamente e per il gusto di farlo; lo storico racconta menzogne nella sua semplicità e immagina di dire la verità. (Halldór Laxness)
  • La professione di scrivere libri fa apparire le corse dei cavalli un'attività solida, stabile. (John Steinbeck)
  • Lo scrittore che accetta, in tutto o in parte, di seguire la disciplina di un partito politico è posto prima o dopo davanti all'alternativa: sottomettersi o tacere. (George Orwell)
  • Lo scrittore, che tra miseria e distruzione – che in guerra e in pace sono la condizione umana – si giustifica e assicura di «sentire sinceramente» quel che scrive, dimentica la regola secondo cui non esiste letteratura «sincera». Nella letteratura, come nella vita, solo chi tace è «sincero»: nell'attimo in cui qualcuno parla a un pubblico non è più «sincero», ma scrittore, o attore, perciò uomo che civetta. (Sándor Márai)
  • Lo scrittore deve considerare i suoi vecchi testi quali altri testi, che egli riprende, cita o deforma, come farebbe di una moltitudine di altri segni. (Roland Barthes)
  • Lo scrittore deve darsi intero, soltanto a traiettoria conclusa si potrà giudicare in che punto di essa si è messo meglio a fuoco. (Guido Piovene)
  • Lo scrittore deve essere un uomo solitario e di grande coraggio [...]. Uno scrittore deve essere un uomo di temperamento fermo, perché il suo carattere è in quello che dice. Lei non troverà mai una persona di forte animo che scriva cose triviali o stupide; e non troverà mai una persona con poco o del tutto priva del senso dell'humour che sia capace di scrivere un grande libro. (Leon Uris)
  • Lo scrittore deve insegnare a se stesso che la cosa più vile è aver paura. (William Faulkner)
  • Lo scrittore è essenzialmente un uomo che non si rassegna alla solitudine. (François Mauriac)
  • Ma non questa è la sorte, e ben altro è il destino dello scrittore, che osa evocare alla luce tutto quello che abbiam sempre sott'occhi, e che gli occhi indifferenti non percepiscono: tutto il tremendo, irritante sedimento delle piccole cose che impastoiano la nostra vita, tutta la profondità dei gelidi, frammentari, banali caratteri di cui ribolle, amaro a tratti e tedioso, il nostro viaggio terreno; e colla salda forza dell'implacabile cesello osa prospettarli ben in rilievo e in limpida luce agli occhi del mondo! (Nikolaj Vasil'evič Gogol')
  • Nessuno scrittore, per quanto violente siano le sue proteste, disdegna sul serio, se gli è chiesto, di leggere un libro ancora non pubblicato; si tratta del suo pupillo e possiede ancora quel fascino che, una volta arditamente stampato e rilegato, viene completamente distrutto. (William Somerset Maugham)
  • Noi [scrittori] rubiamo da tutto e da tutti. (Philip Pullman)
  • Non chiedete a uno scrittore di canzoni che cosa ha pensato, che cosa ha sentito prima dell'opera: è proprio per non volerverlo dire che si è messo a scrivere. La risposta è nell'opera. (Fabrizio De André)
  • Non solamente sono pochi i moderni scrittori italiani che sappiano fare un buon libro, ma sono anche pochi quelli che dopo d'aver sfatto un libro o buono o cattivo, sappiano fargli un buon titolo. (Giuseppe Baretti)
  • Ogni popolo brandisce il suo scrittore o i suoi scrittori come cannoni. (Amélie Nothomb)
  • Ogni scrittore è religioso, perché trova un senso a cose che non hanno senso. Ma è necessario vivere la paura della ricerca senza consolazioni. Conosco molti che hanno Dio nella loro vita, ma non sono passivi. Se c'è una cosa che non sopporto, è la passività della fede. (David Grossman)
  • Per uno scrittore lo scrivere è un verificare e rendere concreta la vita drammatica che trascorre. (Francesco Grisi)
  • Perché non c'è mai stato uno scrittore come ministro della cultura? (Fabrizio De André)
  • Pochi autori di questo secolo insegnano come Musil che l'unica dimensione dello scrittore è quella della verità. (Claudio Magris)
  • Quando uno non riesce in nessun'altra cosa, di solito si mette a scrivere. (William Somerset Maugham)
  • Scrivere è trasformare in soldi i propri momenti peggiori. (J. P. Donleavy)
  • Secondo noi, l'indagine sociologica, l'analisi e la denuncia non lasciano alcuna traccia nello spirito, se non siano rapportate a ideali comuni, a convincimenti ben fondati, a convergenze d'amore e d'interesse disinteressato. Un campo, questo, ove lo scrittore non può essere sostituito. (Vladimiro Cajoli)
  • Se lo scrittore non racconta la realtà viene accusato di guardare solo il suo ombelico, se la racconta gli dicono che denigra. (Giuseppe Culicchia)
  • Se non esistesse l'adulterio, che fine farebbe l'immaginazione degli scrittori? (Denis de Rougemont)
  • Si dovrebbe considerare uno scrittore come un malfattore, che solo in rarissimi casi merita l'assoluzione o la grazia: questo sarebbe un rimedio contro il dilagare dei libri. (Friedrich Nietzsche)
  • Sindacato Scrittori? | Prudente starne fuori. | Molti sono gli Iscritti | e pochi gli Scrittori. (Luigi Compagnone)
  • Tutti gli scrittori scrivono della loro infanzia! Se io scrivessi della mia non ti vorresti sedere nella stessa stanza con me. (Dorothy Parker)
  • Un buon scrittore non precisa mai. (Ennio Flaiano)
  • Un poeta o uno scrittore, che non abbia per scopo la ribellione, che lavori per conservare lo status quo della società, non è un artista: è un morto che parla in poesia o in prosa. L'arte deve rinnovare la vita e i popoli, perciò deve essere eminentemente rivoluzionaria. (Bruno Misefari)
  • Una delle possibili definizioni giuste di scrittore, per me sarebbe addirittura la seguente: un uomo a cui sta a cuore tutto quanto accade, fuorché la letteratura. (Elsa Morante)
  • Uno scrittore che tiene un diario lo usa per registrare ciò che sa; nelle poesia e nei racconti mette quello che non sa. (Adam Zagajewski)
  • Uno scrittore perfetto potrebbe far sì che le parole cantino, ballino, bacino, portino bambini, piangano, sanguinino, s'infurino, pugnalino, rubino, cannoneggino, pilotino navi, saccheggino città, carichino di cavalleria o fanteria, o facciano qualunque cosa possano fare l'uomo o la donna o le forze della natura. (Walt Whitman)
  • Uno scrittore professionista è un dilettante che non ha mollato. (Richard Bach)
  • Uno scrittore è un uomo che con una musica gentile si tira vicino un lettore poi gli appiccica una frustata in faccia e questa frustata è salutare perché o fracassa una menzogna convenzionale o schianta in due un pregiudizio... (Mario Mariani)
  • Uno scrittore non si contenta di avere successo. Per essere realmente in pace con se stesso ha bisogno dell'insuccesso altrui. (Gore Vidal)
  • Uno scrittore vero [...] non cerca in un altro scrittore che se stesso. (Indro Montanelli)
  • Un vero scrittore non scrive in una lingua appresa da adulto, ma nella lingua che conosce sin dall'infanzia. (Isaac Bashevis Singer)
  • [Allo scrittore d'oggi] vengono spesso in mente pensieri di natura eterna, massime formulate in tono semplice e nobile, popolare allo stesso tempo che rigoroso. Non le scrive per il timore di apparire austero. Per questo timore, anzi, scrive a volte frasi un poco malvagie, un poco frivole, un poco disdicevoli. Stiamo passando uno di quei periodi in cui l'uomo ha più paura d'essere morale che stupido. (Virgilio Lilli)
  • Vi sono soltanto due modi per essere un buono scrittore: accettare la vita nella sua interezza come Omero, Shakespeare o Goethe, oppure, come Pascal, Proust, Leopardi, Baudelaire, rifiutarsi in ogni momento di perdere di vista il suo orrore. (Cyril Connolly)

Aldo Busi[modifica]

  • L'esperienza da Scrittore mi ha insegnato che l'esperienza che hai fatto con i cattivi è ancora niente rispetto all'esperienza cui potresti andare incontro con i buoni.
  • Il padre, per quanto imperfetto, di un perfetto Scrittore è costituito da tutti gli altri Scrittori che lo Scrittore si sceglie (unico fra gli umani, Egli si sceglie la paternità), ma la madre o è quella o è meglio che sia orfano del tutto. La mia è quella.
  • Se uno scrittore deve mettersi nei panni dell'orizzonte di attesa di un lettore, questo lettore deve essere lui stesso: che scriva dunque come e cosa gli piacerebbe leggere.
  • Uno scrittore vero non prende appunti per strada o al caffè perché significherebbe che sta rubando tempo alla scrittura interna che non deve cessare mai – e che va celata sempre.

Nicolás Gómez Dávila[modifica]

  • Autentico scrittore […] è […] chi ci interpella con la stessa voce con cui parliamo a noi stessi nella nostra solitudine.
  • Grande scrittore è quello che intinge in inchiostro infernale la penna che strappa dall'ala di un arcangelo.
  • La prima cosa che lo scrittore inventa è il personaggio che scriverà le sue opere.
  • Nell'intimità della lettura il grande scrittore non sembra limitarci, ma completarci.
  • Una vocazione genuina porta lo scrittore a scrivere solo per sé: dapprima per orgoglio, poi per umiltà.

Giorgio Manganelli[modifica]

  • In generale, gli scrittori sono convinti segretamente di essere letti da Dio.
  • Scheletro, uomo delle tenebre, resuscitato e insieme morto irreparabilmente, doppiamente esperto di morte, rifiutato dal tempo, autore di libri inesistenti, sbagliati, impossibili, io, lo scrittore.
  • Lo scrittore sceglie in primo luogo di essere inutile.
  • Non credetegli quando dicono che lo scrittore deve adoperare una lingua che tutti devono capire. Non la deve capire nessuno! Figurarsi. Devono leggerla, rileggerla; sennò quale sarebbe la polivalenza linguistica dello scrittore nel tempo?
  • Tentiamo una definizione: lo scrittore è colui che è sommamente, eroicamente incompetente di letteratura.
  • Lo scrittore deve adescare, non deve raccontare niente, non ha nessun compito di trasmettere verità.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]