Poeta

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Ritratto di un poeta (Jacopo Palma il Vecchio)

Citazioni sul poeta.

Citazioni[modifica]

  • A mio parere non ha una piena educazione letteraria chi non conosce i poeti. (Leonardo Bruni)
  • Ad ogni poeta mediocre vengono talvolta fatti alcuni buoni versi. (Francesco Algarotti)
  • Ai poeti è inutile chiedere comprensione di certe cose. (Eugenio Montale)
  • Anche il poeta ha un corpo. | Mangia. Invecchia. | Anche il poeta è stretto | nella sua triste carne. (Fernanda Romagnoli)
  • Ascoltami, i poeti laureati | si muovono soltanto fra le piante | dai nomi poco usati: bossi, ligustri o acanti. (Eugenio Montale)
  • Capii ben presto che i poeti componevano le loro opere non facendo uso del cervello ma per una certa disposizione naturale, per una sorta di ispirazione, come gli indovini e i profeti. Anche costoro, infatti, dicono molte e belle cose, ma senza rendersene conto. (Platone)
  • Certi volumi di giurisprudenza dormivano sotto un dito di polvere, e non una foglia della piccola gardenia in vaso, sul davanzale della finestra di levante, ne aveva un atomo solo. Questi eran già sufficienti indizi, là dentro, del bizzarro governo d'un poeta. (Antonio Fogazzaro)
  • Chiamo poeta colui che sente confusamente agitarsi dentro di sé tutto un mondo di forme e d'immagini: forme dapprima fluttuanti, senza determinazioni precise, raggi di luce non ancora riflessa, non ancora graduata ne' brillanti colori dell'iride, suoni sparsi che non rendono ancora armonia. (Francesco De Sanctis)
  • Ci sono, infatti, due categorie di poeti. I più grandi, i rari, i veri maestri, compendiano in sé l'umanità; senza preoccuparsi di sé o delle proprie passioni, annullando la loro personalità per assorbirsi in quella degli altri, essi riproducono l'Universo, il quale si riflette nelle loro opere scintillante, vario, molteplice, come un cielo specchiantensi tutt'intero nel mare, con tutte le sue stelle e tutto il suo azzurro. Ce ne sono altri a cui basta gridare per essere armoniosi, piangere per commuovere, parlare di sé per durare eterni. Forse, facendo altrimenti, non si sarebbero potuti spingere più lontano, ma, in mancanza dell'ampiezza, hanno l'ardore e l'estro, tanto che se fossero nati con un altro temperamento, non avrebbero forse avuto nessun genio. (Gustave Flaubert)
  • Come è più difficile a 'ntendere l'opere di natura che un libro d'un poeta. (Leonardo Da Vinci)
  • Conviene al poeta ch'egli stesso sia casto e pio, ma non occorre che tali siano i suoi versi. (Gaio Valerio Catullo)
  • Cosa stringo allora tra le mie braccia? [...] Poiché sono un poeta: un arco di parole che tendo sentendomi pervadere di gioia e di spavento. (Stig Dagerman)
  • Così ciascuno dei critici saliti nella navicella d'un grande poeta si crede fare una via differente. Chi stima dirigersi verso un ideale, chi verso un altro, chi stima accostarsi a un modello, chi a un altro, chi andar avanti, chi tornar indietro; e il poeta li commove, li scuote col suo verso tutti insieme, li porta sulla propria via. (Antonio Fogazzaro)
  • Dei nuovi poeti: è così raro che un uomo afferri se all'orizzonte sia una finestra d'ufficio a brillare, o se lì stia per sorgere un grande corpo celeste. (E quando quest'ultimo poi orbita in alto, essi riposano nelle loro alcove coperte, e rantolano, e sognano dei grassi zamponi delle segretarie; o che non hanno superato gli esami di maturità): per chi scrivono di fatto i poeti? Per l'unico loro simile su centomila? (Perché anche quei pochi su diecimila, che potrebbero semmai essere interessati, i contemporanei non li scoprono affatto, e sono fermi nel migliore dei casi a Stifter). – Noo!: io scrittore mai! (Arno Schmidt)
  • Dicevano gli antichi che non c'è nulla di peggio di un popolo che dimentica i suoi poeti; e invece c'è di peggio: un poeta che dimentica il suo popolo. (Claudio Chieffo)
  • Dove finisce la regola, la moda, la tendenza, la politica, la società; dove del sociale si rivela in modo evidente; dove nessuno insegna e tutti imparano è lo spazio in cui puoi trovare il poeta. (Santoni Lucilio)
  • E il Poeta, che è avvezzo alle tempeste e ride dell'arciere, assomiglia in tutto al principe delle nubi: esiliato in terra, fra gli scherni, non può per le sue ali di gigante avanzare di un passo. (Charles Baudelaire)
  • E non torturarmi con i divieti, | ti prego, non parlarne nemmeno. | Sono nato poeta | e come poeta voglio baciarti. (Sergej Aleksandrovič Esenin)
  • È poeta chi ha la capacità di portare alla luce quanto di buono è latente nell'animo umano. (Mahatma Gandhi)
  • Era un poeta e odiava l'approssimazione. (Rainer Maria Rilke)
  • Esiste una logica per la poesia. Non è la medesima per la filosofia. I filosofi sono da meno dei poeti. I poeti hanno il diritto di considerarsi superiori ai filosofi. (Conte di Lautréamont)
  • Esistono solo tre esseri degni di rispetto: il sacerdote, il soldato, il poeta. Conoscere, uccidere, creare. (Charles Baudelaire)
  • Essere un poeta è una condizione piuttosto che una professione. (Robert Graves)
  • Forse poeti splendidi | succederanno al pianto | di nostre vite languide | forse opreran col canto... A noi confonde l'anima | un'intima sventura, | che di rimorsi e tedio | si aggrava e di paura. | Nel seno del poeta | non s'agita il profeta | gli è chiuso l'avvenir: | in lui dei morti secoli | s'accumula il patir. (Alessandro Poerio)
  • I poeti, che brutte creature, ogni volta che parlano è una truffa. (Francesco De Gregori)
  • I poeti che non s'interessano alla musica sono, o diventano, cattivi poeti. (Ezra Pound)
  • I poeti che sono la più matta genia da Teocrito in poi, albergarono nelle campagne la innocenza; forse per questo la maggiore parte delle nostre ninfe viene dalla patria degli idilli. (Nicola Santamaria)
  • I poeti danno molta importanza alla morte e alle afflizioni esteriori, ma le sole tragedie sono le sconfitte dell'anima, e l'unica epopea è l'ascesa trionfante dell'uomo verso la divinità. (Sri Aurobindo)
  • I poeti devono, secondo me, tradurre in versi; la traduzione dei versi in prosa è sempre infedelissima e lontana dall'originale. (Vasilij Andreevič Žukovskij)
  • I poeti immaturi imitano; i maturi rubano. (Thomas Stearns Eliot)
  • I poeti intingono la penna nel nostro cuore e pensano d'essere ispirati! (Khalil Gibran)
  • I poeti, quando scrivono romanzi, si comportano come se fossero Dio e potessero abbracciare con lo sguardo la storia di un qualche uomo, come se Dio la narrasse a sé stesso, senza veli, e del tutto veritiera. (Hermann Hesse)
  • I poeti son vecchi signori | che mangian le stelle | distesi sui prati | delle loro ville, | e s'inventano zingare e more | per farsi credibili agli occhi del mondo | col loro dolore. (Roberto Vecchioni)
  • I poeti sono dannati ma non son ciechi, vedono gli occhi degli angeli. (William Carlos Williams)
  • I poeti sono i legislatori misconosciuti del mondo. (Percy Bysshe Shelley)
  • I poeti vogliono o giovare o divertire. (Quinto Orazio Flacco)
  • I versi del poeta innamorato non contano. (Ennio Flaiano)
  • Il grande poeta, nello scrivere se stesso, scrive il suo tempo. (Thomas Stearns Eliot)
  • Il poeta cerca di suggerire delle cose: se si dice poco per comprendere di più, allora è meglio dire ancora meno. Il passo successivo è non dire nulla. Può sembrare assurdo, ma tutta l'arte moderna è una via verso l'assurdo. Il problema è trovare esattamente il punto di equilibrio tra niente e tutto. (Ana Blandiana)
  • Il poeta cerca solo di mettere la testa in cielo. È il logico che cerca di mettere il cielo dentro la propria testa. Ed è la sua testa che si spacca. (Gilbert Keith Chesterton)
  • Il poeta che, secondo l'esempio degli antichi, vorrebbe qua e là con un soffio lirico temperarla, durerebbe fatica a combattere con questa inquietudine del mondo il quale cerca la pace nel cangiamento. — Lungamente ingannato dalla falsa imitazione che si è attaccata a questi modelli, io non sapevo che accusargli di freddezza, soprattutto se io gli paragonava all'ardente sete di emozioni dalla quale il mondo è posseduto. (Giovan Battista Niccolini)
  • Il poeta è dall'ispirazione allacciato e padroneggiato sì forte, da non saper bene sottomettersi all'arte ed alla meditazione. (Terenzio Mamiani)
  • Il poeta è poeta, non oratore o predicatore, non filosofo, non istorico, non maestro, non tribuno o demagogo, non uomo di stato o di corte. E nemmeno è, sia con pace del maestro, un artiere che foggi spada e scudi e vomeri; e nemmeno, con pace di tanti altri, un artista che nielli e ceselli l'oro che altri gli porga. A costituire il poeta vale infinitamente più il suo sentimento e la sua visione, che il modo col quale agli altri trasmette l'uno e l'altra. (Giovanni Pascoli)
  • Il poeta è sempre più piccolo e più debole della media degli uomini. Per questo sente più intensamente, con più forza degli altri la pesantezza della sua presenza nel mondo. (Franz Kafka)
  • Il poeta è sempre socialmente poco accettato, almeno finché non è coronato dalla fama: anche allora resta inaccettabile ai più, ma il piedistallo su cui viene posto, isolandolo di fatto, neutralizza la diversità che egli rappresenta. (Donatella Bisutti)
  • Il poeta è un fingitore. | Finge così completamente | che arriva a fingere che è dolore | il dolore che davvero sente. (Fernando Pessoa)
  • Il poeta guarda il mondo come un uomo guarda una donna. (Wallace Stevens)
  • Il poeta non deve edificare, deve soltanto allineare. (Leonardo Sinisgalli)
  • Il poeta non mette le parole bene, una accanto all'altra. Non armonizza i suoni. Non allieta nessun orecchio. Il poeta, criticamente, guarda e ascolta. Concede la possibilità di meravigliarsi di fronte a qualcosa che non abbiamo sentito, o che non ci hanno permesso di sentire. (Santoni Lucilio)
  • Il poeta non si limita a nominare le cose, come fa l'istrione, ma come Dio le crea. (Giulio Cesare Scaligero)
  • Il poeta, per quanto profondamente si addentri nell'astratto, resta poeta nel suo profondo, cioè amante e folle. Quando il sentimento arriverà al suo apice, aprirà il cuore e non l'intelletto, e impugnerà la spada e non la penna, e si precipiterà alla finestra e getterà via tutti i rotoli dei versi e dei pensieri e fonderà la vita sull'amore e non sull'idea. (Aleksandr Aleksandrovič Blok)
  • Il poeta percepisce il mistero della persona umana e quindi il mistero universale, perché percepisce il mistero dei popoli, della loro vocazione e la loro missione storica, quindi tutto, perché percepisce nella distinzione delle Patrie il mistero dell'intera famiglia umana. (Giorgio La Pira)
  • Il poeta, quando è rapito dall'ispirazione, intuisce Dio. (Fëdor Dostoevskij)
  • Il poeta rifugge dalla metafora che trova nello specchio. (Eduardo Galeano)
  • Il poeta sottrae tutto il meglio della vita per trasferirlo nella sua scrittura. Perciò la sua scrittura è così splendida e la vita così brutta. (Lev Tolstoj)
  • Il poeta vive nel mondo «reale». Lo si teme perché mette l'uomo col naso nelle sue caccole. L'idealismo umano cede di fronte alla sua probità, alla sua inattualità (la vera attualità), al suo realismo che la gente considera pessimismo, al suo ordine che chiama anarchia. Il poeta è antiprotocollare. Si è creduto per molto tempo che fosse il capo del protocollo della inesattezza. Il giorno in cui il pubblico ha capito quello che era veramente, lo ha temuto. (Jean Cocteau)
  • Il primo studio dell'uomo che voglia esser poeta è la sua propria conoscenza, intera; egli cerca la sua anima, l'indaga, la scruta, l'impara. Appena la sa, deve coltivarla; la cosa sembra semplice: in ogni cervello si compie uno sviluppo naturale; tanti egoisti si proclamano autori; ce ne sono molti altri che si attribuiscono il loro progresso intellettuale! (Arthur Rimbaud)
  • Il vero poeta moderno dovrebbe scrivere sui muri, per le vie, le proprie sensazioni e impressioni, fra l'indifferenza o l'attenzione dei passanti. (Aldo Palazzeschi)
  • In una parola, in tre quarti degli uomini c'è come un poeta che muore giovane, mentre l'uomo sopravvive. (Charles Augustin de Sainte-Beuve)
  • Indagando nel cuore, i poeti riuscirono a scoprire | con la riflessione il legame fra il non essere e l'essere. (Ṛgveda Saṃhitā)
  • Infatti ognuno diventa poeta, anche se prima era privo di ispirazione, quando Eros lo tocca. (Platone)
  • Io non credo in quei poeti dalle cui menti, si dice, i versi prorompono già compiuti, come dee corazzate. Io so quanta vita interiore e quanto sangue rosso vivo ogni singolo verso genuino deve aver bevuto, prima di poter alzarsi in piedi e camminare da solo. (Hermann Hesse)
  • La poesia quasi sempre è stata l'arte che non può convertirsi in attività unica, in professione. [...] un uomo consacrato alla poesia a me pare che non sará mai un poeta. Perché il poeta non otterrà mai la poesia dalla poesia stessa. Creare è ottenere una cosa da un'altra, convertire una cosa in altra, e la materia sopra la quale si opera non può essere l'opera stessa. Così, un'ape consacrata al miele — e non ai fiori — sará piùttosto un parassita, e un uomo consacrado alla poesia e non alle mille realtà della sua vita, sará il più grave nemico delle muse. (Antonio Machado)
  • La razza irritabile dei poeti. (Quinto Orazio Flacco)
  • Le opere dei poeti sono piene delle dottrine dei filosofi e delle scoperte dei filologi. (Angelo Poliziano)
  • Non credete soltanto a ciò che vedete. | È più profondo lo sguardo dei poeti. | Per loro la Natura è un giardino di casa. (Konstantinos Kavafis)
  • Non leggo i poeti, questi imbottigliatori di nuvole; apprezzo invece le mirabili acrobazie che si possono compiere sulla sbarra fissa della matematica. (Pitigrilli)
  • Non può né deve il poeta scompagnarsi mai troppo dalle opinioni e dai sentimenti comuni dell'età sua; chè da questi principalmente è suscitato l'estro di lui, con questi accende e innamora le moltitudini. D'ogni altro pensiero ed affetto, ove li possieda e li senta egli solo, avrà pochi intenditori, pochissimi lodatori ; e la favella delle Muse langue e muor sulle labbra se non suona ad orecchie benevole e a cuori profondamente commossi. (Terenzio Mamiani)
  • Ogni poeta è un mistico, altrimenti non è un poeta, solo un fabbricante di versi. (Sándor Márai)
  • Pazzo, amante, poeta: tutti e tre sono composti sol di fantasia. (William Shakespeare)
  • Per essere poeti, bisogna avere molto tempo. (Pier Paolo Pasolini)
  • Quando si nasce poeti, l'amore e la morte si fanno compagnia e tutti e due hanno le tasche bucate per non contare gli anni. (Alfonso Gatto)
  • Quando un grande poeta volge la fronte verso l'Eternità, la mano pia che gli chiude gli occhi sembra suggellare sotto le esangui palpebre la più luminosa parte della bellezza terrena. (Gabriele D'Annunzio)
  • Quel poeta che non saprà che la lingua volgare non sarà che un poeta volgare. (Francesco Algarotti)
  • Riuscivo a vedere [...] le mie idee, sensazioni. Ero diventato un poeta. Ero estaticamente folle nella mia innocenza. Conoscevo gioie non per nome ma perché mi attraversavano il petto che raggrumava il sangue caldo e scomparivano senza avere conosciuto nome, ignote. (Jack Kerouac)
  • Se i poeti perdono, il mondo non vincerà. (Ibrahim Nasrallah)
  • Secondo me il poeta non è uno che merita di essere ammirato perché crea. È uno che merita di essere ringraziato perché libera. Lui non crea niente. Fa nascere ciò che altri ha concepito. Esonera dal travaglio del parto. Mette a nudo creature che non gli appartengono. (Antonio Bello)
  • Sento in tutta coscienza di non meritare comprensione alcuna. Il poeta vuol essere trascurato, perché rimanga tale. (Carmelo Bene)
  • Si può essere grande poeta senza aver scritto un sol verso. (Libero Bovio)
  • Simile a un colombo viaggiatore, il poeta porta sotto l'ala un messaggio che ignora. (Gesualdo Bufalino)
  • Son dunque un mago per il fatto d'esser un poeta? (Apuleio)
  • Un poeta che legge i suoi versi in pubblico può avere altre abitudini infami. (Robert Anson Heinlein)
  • Un poeta | è un essere unico | in tanti esemplari, | che pensa solamente in versi | e non scrive che in musica | su soggetti diversi | sia rossi che verdi | ma sempre magnifici. (Boris Vian)
  • Un poeta è una persona che, per alcuni secondi, è volata nel mondo dei mistici, ha intravisto qualcosa. (Osho Rajneesh)
  • Un poeta ha sempre troppe parole nel suo vocabolario, un pittore troppi colori sulla sua tavolozza, un musicista troppe note sulla sua tastiera. (Jean Cocteau)
  • Una persona innamorata non scrive poesie, e per giunta buone. Ogni poeta, per quanto innamorato, ama più che altro la poesia d'amore che va scrivendo. (Sándor Márai)
  • V'è il poeta della scoperta, quello del rinnovamento, quello dell'innovamento... [io sono un poeta] della ricerca. E quando non c'è qualcosa di assolutamente nuovo da dire, il poeta della ricerca non scrive. (Amelia Rosselli)

Johann Wolfgang von Goethe[modifica]

  • Chi desidera capire il poema | deve recarsi nella terra della poesia, | chi desidera capire il poeta | deve andare nella terra del poeta.
  • Non sai quanto mi secchi | che si mettono in tanti | a parlare e a far versi. | La poesia, chi la scaccia | dalla terra? | I poeti.
  • Prima del canto, prima del silenzio | il poeta deve vivere.

Alda Merini[modifica]

  • Il poeta non dorme mai ma in compenso muore spesso.
  • Il poeta non rigetta mai le proprie ombre.
  • Il vero poeta non deve avere parenti.
  • Le ali degli angeli raffreddano i poeti.
  • Non cercate di prendere i poeti perché vi scapperanno tra le dita.
  • Ogni poeta vende i suoi guai migliori.

Friedrich Nietzsche[modifica]

  • Ah, ci sono tante cose fra cielo e terra, di cui soltanto i poeti hanno sognato qualcosa.
  • Ci vuole più coraggio a concludere, che a fare un verso nuovo: tutti i medici e i poeti lo sanno.
  • I poeti non hanno pudore verso le loro esperienze intime: le sfruttano.
  • La musa del poeta che non è innamorato della realtà, non sarà appunto la realtà e gli darà figli dagli occhi cavi e dalle ossa troppo tenere.

Novalis[modifica]

  • Il poeta comprende la natura meglio dello scienziato.
  • Il vero poeta è onnisciente: è realmente un microcosmo.
  • La distinzione fra poeta e pensatore è soltanto apparente e va a svantaggio di entrambi. È un indizio di malattia e di costituzione morbosa.
  • Poeti e sacerdoti erano in origine una cosa sola; soltanto le epoche posteriori li hanno separati. Il vero poeta però è sempre rimasto sacerdote come il vero sacerdote è rimasto poeta. E l'avvenire non dovrebbe forse ricostituire l'antico stato di cose?

Cristoforo Poggiali[modifica]

  • A noi ciò che sarà, svela il Profeta: ciò che non fu, e non è, canta il Poeta.
  • Gli Artefici mediocri son lodati, i Poeti mediocri son fischiati.
  • I Poeti, così come i Pittori, nascono, e all'improvviso saltan fuori.
  • Il buon Poeta non m'annoja o stanca. Ma raro è il buon come una mosca bianca.
  • La rima, de' poeti è la tortura; ma fan per essa la miglior figura.
  • Se il Poeta s'erige in Oratore, predicherà agli orecchi, e non al cuore.

Walt Whitman[modifica]

  • I grandi poeti si fanno conoscere per l'assenza di artifizi e si giustificano in virtù di un perfetto candore.
  • Il poeta vede, con assoluta chiarezza, come una persona, anche non grande artista, possa essere sacra e perfetta quanto il più grande degli artisti.
  • La prova di un poeta dovrà venire severamente differita finché il suo paese non l'abbia affezionatamente assorbito, così come lui ha assorbito il paese.
  • Il poeta non consumerà il suo tempo in lavori non necessari. Egli saprà che la terra è già stata arata e concimata; altri magari non lo sanno, ma lui lo sa. Egli si dichiarerà direttamente alla creazione. La sua fiducia gli meriterà la fiducia di tutto ciò che tocca – e gli permetterà di dominare ogni attaccamento.

Proverbi italiani[modifica]

  • A tutti i poeti manca un verso. (toscano)
  • Funghi e poeti: per uno buono dieci cattivi.
  • I poeti nascono, e gli oratori si formano.
  • Il poeta ben trova le palme, ma non i datteri.
  • L'amore scalda il cuore e l'ira fa il poeta.
  • Molti sono i verseggiatori, pochi i poeti.
  • Non è bene esser poeta nel villaggio.
  • Poeta si nasce, oratori si diventa.
  • Poeti e Santi campano tutti quanti.
  • Poeti, pittori e pellegrini a fare e a dire sono indovini.
  • Poeti, pittori, strologi e musici fanno una gabbia di matti. (toscano)
  • Se il poeta s'erige a oratore predicherà agli orecchi e non al cuore.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]