Batman: Giochi di guerra

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Giochi di guerra, crossover tra le varie serie a fumetti di Batman, pubblicato dalla DC Comics nel 2004.

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

Giochi di guerra: atto 1 – parte 7 Fatti Concreti[modifica]

[War Games Act One Part 7 of 8 da Catwoman n. 34, ottobre 2004]

  • Le sue tattiche a volte sono tanto nefaste quanto quelle di quei banditi, cerca di abbassare il tasso di criminalità terrorizzando la gente. È- È ridicolo. È diventato parte dello stesso ciclo di violenza che ha fatto nascere Batman all'inizio. Ho sbagliato così tanto con quel ragazzino che ora lui crede che con la violenza si possa ottenerre qualcosa di buono? Mi vergogno di me stessa. (Leslie)

Giochi di guerra: atto 2 – parte 2 Differenze filosofiche[modifica]

[War Games: Act Two Part 2 of 8 da Batman: Legends of the Dark Knight n. 183, novembre 2004]

  • Non posso più ottenere ciò di cui ho bisogno essendo ciò che sono. Devo essere diverso. Devo essere qualcun altro. Qualcuno di cui si fidano le persone alle quali do la caccia. (Batman)
  • [Riferendosi a Batman] Sotto la maschera è solo un uomo, come te o me. E nessun uomo, neppure lui, può avere sempre ragione. (James Gordon)

Giochi di guerra: atto 2 – parte 5 L'unica luce a Gotham[modifica]

[War Games Act Two Part 5 of 8 da Robin n. 130, novembre 2004]

  • Okay, parlerò... cominciando da un'utile lezione di vita. Sei insidiosamente forte, signorina, ma sai qual è la vera forza? La capacità di accettare il dolore. Qualunque dose di dolore. Ignorarlo... non funziona. Devi accettarlo... quasi amarlo, in un certo senso. (Maschera Nera)

Giochi di Guerra: atto 2 – parte 7 Tradimento[modifica]

[War Games Act Two Part 7 of 8 da Catwoman n. 35, novembre 2004]

  • [RIferito a Catwoman] Lotta meglio quando è arrabbiata con me piuttosto che con le persone che affronta. (Batman)

Giochi di guerra: atto 3 – parte 2 La strada per l'inferno[modifica]

[War Games: Act Three Part 2 of 8 da Batman: Legends of the Dark Knight n. 184, dicembre 2004]

  • Questa guerra è stata un errore. All'inizio era solo un gioco, un esercizio strategico che non avrebbe mai dovuto prendere vita... ma ora è la realtà. Il risultato? Migliaia di feriti, centinaia di morti. Poliziotti... criminali... civili... amici... Le cose precipitavano, ma io ho continuato a giocare. Conoscevo i pezzi, conoscevo la scacchiera. Dovevo soltanto fare le mosse giuste... Così pensavo. Ma la guerra non è un gioco. È un abominio. E bisogna fermarla... stanotte! Basta con i giochi. Siamo in guerra. (Batman)

Giochi di guerra: atto 3 – parte 3 Vittima della guerra[modifica]

[War Games: Act Three Part 3 of 8 da Nightwing n. 98, dicembre 2004]

  • Prima d'ora, non ho mai riflettuto sulle emozioni che mi dà il mio lavoro. Ma ora che ho scoperto che lo odio come odio me stesso, con ogni cellula del mio corpo... trovo quasi impossibile concentrarmi. (Nightwing)

Giochi di guerra: atto 3 – parte 4 Troppi fantasmi[modifica]

[War Games Act Three Part 4 of 8 da Robin n. 131, dicembre 2004]

  • Batman è troppo severo: Batgirl è troppo decisa e Nightwing ormai è angosciato. Ma uno di noi deve avere una visione positiva del mondo, no? Uno di noi deve far splendere una luce su tutte queste ombre. (Robin)
  • Ma devo fermare e arrestare ogni sospetto. Sono obbligato. È una clausola standard nel contratto di ogni supereroe. (Robin) [regola]
  • I potenti sono soli. Questa è una gran verità. (Maschera Nera)
  • Per il futuro, sappi che il cattivo ha sempre molte armi nascoste nella sua tana. (Maschera Nera)
  • Visto? Ecco cosa dovevi farmi. Tutto il tuo addestramento e le tue arti marzili da ninja non sevono a un accidente. Conta soltanto se vuoi o non vuoi fare quello che va fatto. È per questo che ho vinto io. Anche se tu mi hai sconfitto. (Maschera Nera, dopo aver sparato a Spoiler)

Giochi di Guerra: atto 3 – parte 6 Punto di impatto[modifica]

[War Games Act Three Part 6 of 8 da Batgirl n. 57, dicembre 2004]

  • Io mi chiamo Maschera Nera. Quanto al "cosa sono"? Bè, è facile... sono il nuovo indiscusso signore del crimine di Gotham City. Io sono tutto ciò che questa città si merita... e anche di più. io sono l'oscurità nel cuore di ogni anima che vive in questa sordida città... compresa l'anima più oscura e perversa di tutte... avrete capito a chi mi riferisco. [...] Per anni, Gotham è stata terrorizzata da uno psicopatico avanzo di halloween con una maschera e un ridicolo costume da pipistrello... In nome di una non meglio precisata "guerra al crimine", questo malato di mente ha picchiato, torturato e azzoppato innumerevoli persone... Voglio dire... non è un crimine quando un vigilante mascherato aggredisce brutalmente qualcuno che è "sospettato" di furto, o un tossicodipendente? Non ci prendiamo in giro, signori, Batman non è poi tanto diverso da Scarface o dal Joker o neanche dal sottoscritto. Quell'uomo è una minaccia, un pericoloso criminale. E soprattutto... pensa che la città sia sua. Bè, caro Batman, voglio dirti che Gotham non è più tua. da stanotte in poi... è soltanto mia. (Maschera Nera)

Crimini di guerra: parte 2 Piccole discrepanze[modifica]

[War Crimes: Part 2 da Batman n. 643, ottobre 2005]

  • Se vuoi uccidere qualcuno, smettila di giocare con i bat-balocchi! Fallo e basta! Vedi, nell'omicidio non conta tanto il talento o l'abilità, ma la volontà. (Joker)
  • Il Joker è un assassino psicopatico di prim'ordine. (Batman)
  • Gli sconfitti sono sempre depressi e poco comunicativi. Ma i vincitori hanno voglia di festeggiare e raccontare aneddoti di guerra. (Batman)

Crimini di guerra: parte 3 L'importanza della verità[modifica]

[War Crimes: Part 3 da Detective Comics n. 810, ottobre 2005]

  • Maschera Nera: Allora volevi solo me, eh, Joker?
    Joker: Proprio così.
    Maschera Nera: E perché?
    Joker: Perché mi hai soffiato il lavoro, stupido.
    Maschera Nera: E da quando comandare la malavita di Gotham è...
    Joker: N-Non quel lavoro.
    Maschera Nera: Sei geloso perché sto distruggendo Batman? Che sfigato.
    [Joker ha la meglio nel combattimento]
    Joker: ...Oh, mascherina, mascherina nera... si sa che tra tutti i lavori del mondo, quello che preferisco è... uccidere Robin!

Crimini di guerra: parte 4 Giudizio a Gotham[modifica]

[War Crimes: Part 4 da Batman n. 644, ottobre 2005]

  • Vorrei ringraziare tutti i miei fan. Grazie, ragazzi. Voi tenete vivo il sogno.E un abbraccio in particolare a Batman, mio fratello spirituale e socio d'affari. Non me la sono presa, fratello. Tu hai più buonsenso di me. Ho lasciato l'Arkham Hotel troppo presto. Io questo non l'avevo capito. La prossima volta, prima di scappare per la mia nuova tournée, sarò perfettamente riposato. E naturalmente chiedo scusa a tutti per lo scarso numero di vittime. Vi prometto che non succederà più. (Joker)
  • Non c'è bambino che non rinuncierebbe a una fortuna, pur di riavere i genitori. (Bruce Wayne)

Note[modifica]


Altri progetti[modifica]