Proverbi napoletani

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Indice
0-9 · A · B · C · D · E · F · G · H · I · J · K · L · M · N · O · P · Q · R · S · T · U · V · W · X · Y · Z · ?
Note · Bibliografia · Voci correlate
Costumi del Reame di Napoli, stampa di Bartolomeo Pinelli

A[modifica]

  • Â altare sgarrupato nun s'appicciano cannele.
Ad altare diroccato non si accendono candele.[1]
  • A casa d''o 'mpiso nun parlà 'e corda.[2]
A casa dell'impiccato non parlare di corda.
  • A chi pazzèa cu' 'o ciuccio nun le mancano 'e càuce.
A chi gioca con l'asino non gli mancano i calci.[3]
  • 'A fatìca d'a fémmena s'a màgna 'o ciùccio.
Il lavoro della donna se lo mangia l'asino.[4]
  • 'A femmena bona, si tentata, resta onesta, nun è stata bona tentata.[5]
Se una brava donna resta tale pur se tentata, allora non è stata ben tentata.
  • 'A femmena ciarliera è 'na mala mugliera.[5]
La donna chiacchierona è una cattiva moglie.
  • 'A femmena comme nasce accussì pasce.[5]
La donna come nasce così vive.
  • 'A femmena è comm' 'a campana: si nun 'a scutuleie nun sona.[5]
La donna è come la campana: se non la scuoti non suona.
  • 'A femmena è comme 'o tiempo 'e marzo: mò t'alliscia e mò te lascia.[5]
La donna è come il tempo di marzo: ora ti accarezza ora ti lascia.
  • 'A femmena nun se sposa 'o ciuccio pecché le stracce 'e lenzòle.[5]
La donna non sposa l'asino perché le strapperebbe le lenzuola.
  • 'A femmena senza pietto è 'nu stipo senza piatte.[5]
Una donna senza seno è come una credenza senza piatti.
  • 'A fissazióne è pèggio d'a malatìa.
La fissazione è peggio della malattia.[6]
  • 'A pànza è de pellécchia, cchiù ce miétte e cchiù se stennécchia.
Lo stomaco è molto elastico: più lo riempi e più si dilata.[7]
  • Ammore 'e mamma nun te 'nganna.[5]
L'amore di una madre non può ingannare.
  • Ammore e rogna nun se po' nasconnere.[5]
Amore e rogna non si possono nascondere.
  • Ammore de patrone e vino 'e fiasco 'a sera so' buono e 'a matina so' sciacqua.[5]
L'amore del padrone e il vino del fiasco: la sera sono buoni e la mattina sono guasti.
  • Aùrie sènza canìsto, fà abberé ca nun l'é vìste.
Auguri senza canestro, fingi di non averli visti.
Un augurio non accompagnato da un regalo va ignorato.[8]

B[modifica]

  • Bona maretata, né socra né cainata.[9]
Per un buon matrimonio, né suocera né cognata.

C[modifica]

  • С'o vino рurе 'o saputo addiventa animale.
Col vino anche una persona colta diventa un animale.[10]
  • Càrte e ddònne fànno chéllo che vvònno.
Carte e donne fanno quello che vogliono.[11]
  • Chella che l'aiza 'na vota l'aiza sempe.[5]
La donna che l'ha fatto una volta, lo farà sempre.
  • Chi fa 'nu bene pe' ricavarne male, è peggio 'e n'animale.
Chi fa una buona azione pur sapendo che ne otterrà del male, è peggio di un animale.[12]
  • Chi se cocca cu' 'e criature se sose 'nfuso.[5]
Chi dorme coi bambini si risveglia bagnato.
  • Chi tròppo vo' magnà s'affòca.
Chi è troppo avido nel mangiare si strozza.[13]
  • Cunvegno 'e volpe, ramaggio 'e galline.
Convegno di volpi, disgrazia di galline.[3]

D[modifica]

  • Designo de poverommo maje nun riesce.[5]
Il progetto del poveruomo non va mai a buon fine.
  • Dòpp 'a strazzióne ògne ffésso è prufessóre.
Dopo l'estrazione ogni fesso è professore.[14]

E[modifica]

  • 'E viécchie lle próre 'o cupiérchio.
Ai vecchi prude il sedere.
Con la vecchiaia non si spengono le voglie.[15]

F[modifica]

  • Femmena aggraziata vole essere pregata.[5]
Una donna graziosa desidera essere corteggiata.
  • Femmene 'e chiesa, diavule 'e casa.[16]
Donne di chiesa, diavole a casa.

G[modifica]

  • Guallera e dinare, niscuno sape si ne tene.[17]
Scroto e soldi, nessuno sa chi ce l'ha.

L[modifica]

  • L'ammore d' 'o lietto fa scurda' chello d' 'o pietto.[5]
L'amore dei sensi fa dimenticare quello sentimentale.
  • L'ammore è comm' 'o ffuoco, guaje a chi ce pazzea.[5]
L'amore è come il fuoco, guai a scherzarci.
  • L'ammore è 'nu piccerillo ca nun sape cuntare.[5]
L'amore è un bambino che non sa contare.
L'amore è avventato.
  • L'ammore fa passà 'o tiempo e 'o tiempo fa passà l'ammore.[5]
L'amore fa passare il tempo e il tempo fa passare l'amore.
  • L'ammore nun va truvanno ricchezza.[5]
L'amore non chiede ricchezza.

M[modifica]

  • Meglio nu ciuccio vivo, ca nu duttore muorto.[18]
Meglio un asino vivo, che un dottore morto.

N[modifica]

  • Napulitane: larghe 'e vocca e stritte 'e mane.[5]
Napoletani: larghi di bocca e stretti di mano.
I napoletani sono generosi soltanto a parole.
  • Nce capimme a sische, diceva 'o merulo â mugliera.[3]
Ci capiamo a fischi, diceva il merlo alla moglie.

O[modifica]

  • 'O cummanna' è meglio d' 'o fottere.[5]
Comandare è meglio che copulare.
  • 'O sàzio nun crére a 'o diùno.
Chi è sazio non crede al digiuno.[13]
  • Ògne lignàmmo tène 'o fùmmo sùio.
Ogni legno fa un suo fumo.[19]
  • Ògne scarrafóne è bbèllo 'a màmma sóia.
Ogni scarafaggio è bello per la propria madre.[20]

P[modifica]

Sul mare non ci sono taverne.

Q[modifica]

  • Quànno 'o cùlo se fa pesànte ce ne iàmmo p'e sànte.
Quando il sedere diventa pesante andiamo dai santi.
Verso la fine della vita spesso ci si accosta alla religione.[15]
  • Quatto li cose a 'o munno ca fanno cunzula': 'a femmena, l'argiamma, lo suonno e lo magna'... [22]
Quattro le cose al mondo che consolano: la donna, il denaro, il sonno ed il mangiare...

R[modifica]

  • Robba 'e mangiatorio, nun se porta a cunfessorio.[23]
I peccati di gola non si portano nel confessionale.

S[modifica]

  • Si 'o ciuccio nun vo' vevere, hai voglia 'e sischià.[24]
Se l'asino non vuole bere, hai voglia di fischiare.

T[modifica]

  • Tre songo le sciorte de l'animale: vegetativo, sensetivo e 'ntellettivo.[25]
Tre sono i tipi d'animale: vegetativo, sensitivo e intellettivo.

V[modifica]

  • Vérola, vìrela e ffùie.
La vedova, guardala e scappa.[20]
  • Vótta chiéna tiéne 'mmàno.
A botte piena, risparmia.
Quando c'è disponibilità economica è il momento di risparmiare.[26]
  • Vuoje spellate maje tirano carre.[27]
Buoi spellati[28] non possono tirare carri.

Note[modifica]

  1. Cioè: Alle donne ormai anziane non si fanno moine. (Dal Candelaio di Giordano Bruno).
  2. Citato in Rutigliano, p. 5.
  3. a b c Citato in Antonio e Leonardo, A Buon 'Ntennitore ... Proverbs of Naples, lulu.com, 2008.
  4. Citato in Amato, p. 25.
  5. a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u Citato in Proverbi napoletani, a cura di Vittorio Gleijeses, Società Editrice Napoletana, 1989.
  6. Citato in Amato, p. 59.
  7. Citato in Amato, p. 35.
  8. Citato in Amato, p. 29.
  9. Citato in Rutigliano, p. 148.
  10. Citato in Paliotti, p. 84.
  11. Citato in Amato, p. 176.
  12. Citato in Paliotti, p. 122.
  13. a b Citato in Amato, p. 57.
  14. Citato in Amato, p. 163.
  15. a b Citato in Amato, p. 193.
  16. Citato in Rutigliano, p. 135.
  17. Citato in Rutigliano, p. 166.
  18. Citato in Rutigliano, p. 46.
  19. Citato in Amato, p. 87.
  20. a b Citato in Amato, p. 17.
  21. Citato in Rutigliano, p. 46.
  22. Citato in Renato de Falco, Del parlar napoletano, p. 71, Colonnese, Napoli, 2007 [1997]. ISBN 978-88-87501-77-3
  23. Citato in Rutigliano, p. 237.
  24. Citato in Rutigliano, p. 65.
  25. Citato in Rutigliano, p. 67.
  26. Citato in Amato, p. 137.
  27. Citato in Rutigliano, p. 69.
  28. Nel senso di magri, malnutriti.

Bibliografia[modifica]

Voci correlate[modifica]